WTCR | Pre-Season Esports: Ehrlacher si laurea campione virtuale a Sepang

Guerrieri e Michelisz vincono le due gare

Yann Ehlacher può sfregiarsi del titolo di campione virtuale del WTCR, avendo battuto di soli cinque punti Norbert Michelisz a Sepang.
WTCR | Pre-Season Esports: Ehrlacher si laurea campione virtuale a Sepang

Si conclude l’avventura virtuale del FIA WTCR: Yann Ehrlacher conquista il titolo della Pre-Season con la Lynk & Co 03 TCR di Cyan Racing sul tracciato di Sepang. Grazie a un 3° e un 7° posto, il giovane pilota francese è riuscito a battere per soli 5 punti Norbert Michelisz su Hyundai.

Il resoconto di Gara 1: doppietta Honda con Guerrieri-Girolami

In Gara 1, a partire dalla prima fila sono stati Esteban Guerrieri e Néstor Girolami. I due argentini del Münnich Motorsport, a bordo delle loro Honda Civic Type R TCR, sono partiti a razzo e hanno tranquillamente guidato tutta la corsa, cogliendo così rispettivamente il 1° e il 2° posto. Ehrlacher, tutto sommato, ha trascorso sereno in terza posizione nonostante un Attila Tassi aggressivo nei primi giri; il transalpino ha concluso con quasi 4” di svantaggio da Guerrieri, creando invece un ampio margine verso i suoi successivi inseguitori. È proprio dietro i primi tre che c’è stata la vera battaglia per il 4° posto: tra questi c’era Mikel Azcona, anche lui in lizza per il titolo e in grado proprio di cogliere la posizione subito dopo il podio ma, per un’infrazione, è stato penalizzato di 5” e lì ha perso ogni chance. Di conseguenza, è Niels Langeveld a chiudere in quarta posizione con Audi, davanti a Mat’o Homola (Honda), Tassi (Honda), Azcona, Michelisz, Bence Boldizs (Cupra) e Tiago Monteiro (Honda).

Il resoconto di Gara 2: vince Michelisz, Ehrlacher campione

Gara 2 è diventata di fatto quella decisiva. Davanti a tutti scattava Aurelien Comte con la Peugeot, ma il francese è stato subito sopravanzato da Michelisz e da Boldisz. Il campione in carica ha subito creato un vuoto tra lui e tutti gli altri, intenzionato a vincere e a mettere in una posizione scomoda proprio Ehrlacher. Boldisz ha poi lasciato strada a Homola e a Guerrieri, con i due che hanno lottato per alcune tornate prima che l’argentino avesse la meglio. Nel frattempo, Ehrlacher è stato costretto a una piccola rimonta per prendersi i punti necessari per assicurarsi il titolo, concludendo infine al 7° posto. Michelisz vittorioso, ma l’alloro è andato proprio al pilota di Cyan Racing. A podio Guerrieri e Azcona, seguiti da Girolami, Langeveld e Tassi. Homola è sprofondato all’8° posto, Comte e Boldizs addirittura 9° e 10°.

Copyright foto: Cyan Racing

Leggi altri articoli in Notizie

Commenti chiusi

Articoli correlati