IRCup | Con il Rally del Casentino parte finalmente la stagione 2020, anche se a porte chiuse

Al via anche Crugnola ed Ometto sulla Citroen C3 R5

Il 2020 dei rally italiani sta per partire; a rompere il ghiaccio l'IRCup Pirelli con il 40esimo Rally del Casentino, gara a porte chiuse e con un programma rivisto per l'occasione
IRCup | Con il Rally del Casentino parte finalmente la stagione 2020, anche se a porte chiuse

Tutti attendiamo la ripartenza (o per meglio dire, la partenza vera e propria) della stagione 2020 dei campionati nazionali rally italiani, ed in generale delle gare della disciplina nel nostro territorio dopo i mesi di quarantena. Ma già tra poco meno di due settimane le competizioni entreranno nel vivo con l’International Rally Cup Pirelli ed il primo appuntamento stagionale, vale a dire il Rally del Casentino.

I protocolli di sicurezza del Rally del Casentino

Giunto alla 40esima edizione, l’evento organizzato da Scuderia Etruria avrà l’onore di essere la prima gara a disputarsi nell’Italia post lockdown. Nella provincia di Arezzo si daranno appuntamento nel weekend del 3 al 4 luglio gli equipaggi (che hanno tempo sino al 23 giugno per inoltrare la propria iscrizione) pronti ad affrontare un percorso inevitabilmente rivisto. Medesima sorte che toccherà all’evento in sé, il primo a disputarsi a porte chiuse. Il pubblico in massa infatti non potrà accedere al parco assistenza, aperto solo ai detentori del pass, e neppure ai riordini in piazzale della Resistenza a Bibbiena, nel pieno centro cittadino; previsto inoltre il controllo della temperatura per coloro che accedono alle aree dell’evento. Come ormai previsto dalle procedure dei protocolli sanitari (come quelle adottate da ACI Sport), recependo i decreti del Governo, è impensabile che ci possano essere assembramenti non solo tra il pubblico, ma anche nei team in gara, che dovranno rispettare il tetto limite di addetti presenti. Inoltre per la prima volta le verifiche sportive ed il briefing prima della gara saranno tutti online.

Il percorso rivisto del Rally del Casentino

Per quanto riguarda programma e percorso, anche qui novità in senso restrittivo, nel senso che il tracciato di gara è stato ridimensionato per non superare quota 100 km, il massimo consentito per le gare rally ai tempi della pandemia. In tutto avremo quindi sei prove speciali, che partiranno con la Correzzo da 19,56 km, e a seguire la Crocina da 22,28 km e la Rosina da 7,48 km, PS inedita per quest’anno che arriva direttamente dall’Historic Rally delle Vallate Aretine. Queste tre prove cronometrate dovranno essere ripetute una seconda volta, ed ovviamente non potrà mancare lo shakedown previsto venerdì 3 nella località Lonnano. «Avevamo studiato tante cose per festeggiare la 40esima edizione del Rally del Casentino – ha commentato il presidente di Scuderia Etruria Sport Loriano Norcini – ma mai avremmo immaginato di essere la gara che riaccende i motori dopo questi mesi difficili. Sappiamo che avremo gli occhi addosso e per questo abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti, appassionati e personale di servizio dovranno rispettare i protocolli e le procedure. Abbiamo la possibilità di dimostrare quanto amiamo questo sport accettando gli gli importanti cambiamenti che la situazione impone, ma facendo sì che i rally possano tornare a emozionarci. Saremo anche il primo evento in Casentino dopo il lockdown e speriamo che i benefici economici possano aiutare tutte le attività ricettive del territorio».

Debutto sulla Citroen C3 R5 per Crugnola ed Ometto

Il Casentino rinuncerà certo a parte del suo percorso, ma intanto accoglie nella sua start list anche un equipaggio del Campionato Italiano Rally. In attesa infatti di scoprire la lista concorrenti ufficiale con i nomi pronti a succedere a Damiano De Tommaso e Giorgia Ascalone nell’albo d’oro dell’IRCup, nei giorni scorsi Andrea Crugnola e Pietro Ometto hanno confermato la loro presenza all’evento di Bibbiena. Il duo infatti sfrutterà gli asfalti toscani come allenamento in vista del debutto nel CIR 2020 al Rally di Roma Capitale della seconda metà di luglio: per i vicecampioni italiani rally 2019 sarà la prima uscita competitiva con la Citroen C3 R5, pur non più come equipaggio ufficiale visto che la casa francese di recente ha passato le consegne al team privato FPF Sport.

Rally del Casentino, programma 2020

-Venerdì 3 luglio 2020

09.00 Apertura Direzione gara, segreteria. c/o Scuderia Etruria, Viale Michelangelo 94D, Bibbiena (AR)

09.00-13.00 Verifiche tecniche c/o Parco Assistenza loc. Ferrantina, Bibbiena (AR)

14.30-19.30 Shakedown c/o Loc. Lonnano, Pratovecchio-Stia (AR)

-Sabato 4 luglio 2020

11:30 Partenza c/o Viale Garibladi, Bibbiena (AR)

11:38 Parco Assistenza 1 c/o Zona Industriale Loc. Ferrantina, Bibbiena (AR)

12:27 P.S. 1 COREZZO

13:16 P.S. 2 ROSINA

13:55 P.S. 3 CROCINA

14:50 Riordino 1 c/o Piazzale della Resistenza, Bibbiena (AR)

15:28 Parco Assistenza 2 c/o Zona Industriale Loc. Ferrantina, Bibbiena (AR)

16:47 P.S. 4 COREZZO

17:36 P.S. 5 ROSINA

18:01 Riordino 2 c/o Piazzale della Resistenza, Bibbiena (AR)

18:34 Parco Assistenza 3 c/o Zona Industriale Loc. Ferrantina, Bibbiena (AR)

19:48 P.S. 6 CROCINA

20:43 Arrivo c/o Viale Garibladi, Bibbiena (AR)

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati