IMSA | Spengler e il sim-racing: “Allenamento perfetto per questa situazione”

Parla il pilota canadese di BMW

Bruno Spengler si prepara per il finale dell'IMSA iRacing Pro Series e parla di questo periodo particolare come pilota ufficiale di BMW nel campo virtuale.
IMSA | Spengler e il sim-racing: “Allenamento perfetto per questa situazione”

Manca solo un appuntamento prima della fine dell’IMSA iRacing Pro Series, il campionato virtuale che ha portato in pista i migliori piloti endurance in questo lungo periodo di quarantena. Sulla pista di Watkins Glen, il pilota ufficiali BMW Bruno Spengler ha tutte le carte in regola per conquistare il titolo.

Spengler pronto per la lotta al titolo virtuale dell’IMSA

Spengler non avrebbe mai immaginato di cominciare a correre virtualmente: «Nulla di ciò che è accaduto negli ultimi mesi avrebbe potuto essere previsto in alcun modo, ma ciò che ho sperimentato nelle corse sim in questo periodo è fantastico. Se qualcuno mi avesse detto all’inizio dell’anno che avrei partecipato ad una serie IMSA virtuale contro molti dei miei colleghi piloti nella vita reale e che sarei stato in testa al campionato alla vigilia del finale di stagione, o che avrei gareggiato nelle gare al Nürburgring-Nordschleife insieme a piloti professionisti di sim e avrei persino vinto, avrei detto ‘Sì, come no?’».

Sarebbe anche felice di vincere perché «il successo in una serie con avversari così forti è di grande importanza per ogni pilota. Sono molto ambizioso e voglio essere davvero bravo in tutto ciò che faccio. Ho speso un numero cospicuo di ore ad allenarmi negli ultimi mesi. Ho dato il massimo dalla prima gara per avere successo nella serie iRacing Pro di IMSA. Finora ha funzionato davvero bene, ma proprio come nelle corse nella vita reale tutto può succedere. Potrei finire fermo nella prima curva dell’ultima gara e perdere tutto, quindi terrò entrambi i piedi per terra».

Come ha iniziato Spengler nel sim-racing

Spengler ha iniziato così con il sim-racing: «Sono entrato in contatto per la prima volta con piloti sim professionisti all’ADAC SimRacing Expo lo scorso settembre. Prima di allora avevo corso di tanto in tanto per divertirmi, ma è stato solo a quella fiera che ho visto il livello estremamente alto in cui è possibile essere coinvolti nelle corse sim. Dopo i miei primi giri con il simulatore, è diventato presto chiaro che ero lontano dai ritmi dei migliori piloti di simulazione. Anche se i miei tempi sul giro non sono stati poi così male per un principiante, quell’esperienza mi ha aperto gli occhi. La mia ambizione è stata suscitata e ho deciso di prendere un nuovo simulatore».

«Non ho avuto molto tempo per allenarmi subito dopo perché era durante la stagione delle corse, ma in inverno – proprio prima della crisi attuale – ho ricevuto il mio nuovo simulatore e ho iniziato a concentrarmi su quello e ad allenarmi seriamente. Con il senno di poi è stato un tempismo perfetto, perché quando è iniziata la crisi non mi è stato più permesso di uscire e sono stato in grado di passare molto tempo al volante. L’opportunità di continuare a correre da casa è stata particolarmente preziosa per me. Ogni giorno ho apprezzato la mia fortuna di poter continuare a perseguire la mia passione».

Un allenamento per le gare reali

Spengler spiega l’utilità del sim-racing per la vita reale: «Il sim racing è l’allenamento perfetto per me in questa situazione speciale, ma anche per i momenti senza gare in generale. Principalmente migliora la tua capacità di concentrazione. Poiché il mio simulatore è statico, non ho i movimenti e le forze a cui sono abituato in una vera macchina da corsa. Ho solo gli occhi sullo schermo, i piedi sui pedali e le mani sul volante per sentire cosa sta facendo la macchina. Senza i movimenti di accompagnamento, è molto più difficile rimanere concentrati per un lungo periodo, in particolare nelle gare molto combattute come nella serie IMSA iRacing Pro Series e la DNLS powered by VCO. Oltre all’eccellente allenamento per la concentrazione, a mio avviso la corsa di simulazione insegna anche il feeling di guida. Poiché la traiettoria giusta nel simulatore è anche la traiettoria giusta sulla pista reale, posso portare molte delle mie esperienze nel simulatore con me nella vera macchina da corsa. Un fattore importante per me è che non mi sto semplicemente esercitando da solo, ma accanto a piloti professionisti di alto livello da cui posso imparare molto. Che si tratti di messa a punto o di ricerca dello stile di guida perfetto».

Si ritorna in pista a luglio a Daytona

Spengler parla anche del prossimo ritorno in pista a Daytona: «Molto desideroso. Non vedo davvero l’ora di sentire l’adrenalina e le forze che puoi provare solo in una vera macchina da corsa. Provi lo stesso nervosismo e tensione nel simulatore, ad esempio all’inizio, ma mancano gli altri elementi. Quello che mi manca davvero è la folla. I fan in pista rendono speciali i nostri eventi. Ci danno la spinta finale. Non abbiamo questo nel simulatore e, sfortunatamente, dovremo fare le nostre gare di apertura della vita reale senza spettatori, ma spero davvero che saremo in grado di correre di nuovo di fronte ai nostri fan in pista non appena possibile. Per me è fondamentale».

Copyright foto: BMW Motorsport

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati