Formula E | BMW e la vitale importanza del simulatore per le gare reali

Ce lo spiega l'ingegnere capo Conti

Valentino Conti ci spiega perché per BMW i Andretti Motorsport è importante l'utilizzo del simulatore per le gare di Formula E.
Formula E | BMW e la vitale importanza del simulatore per le gare reali

Il simulatore è diventato uno strumento di vitale importanza per le squadre di Formula E, perlomeno per BMW i Andretti Motorsport. Valentino Conti è ingegnere capo della Casa bavarese, che coordina le operazioni di gara e del simulatore, e ci spiega perché è cruciale il suo utilizzo nelle competizioni.

Conti: “Senza simulatore non ci sarebbero stati i risultati”

Prima dell’inizio dell’attuale pausa forzata, era il rituale prima di ogni fine settimana di gara di Formula E, con ingegneri e piloti del team BMW i Andretti Motorsport che si preparavano insieme nel simulatore per l’evento in arrivo. Solo in questo modo è possibile affrontare professionalmente le sfide uniche poste dai regolamenti di Formula E: con sessioni di prove, qualifiche e gara nello stesso giorno, ai team non resta quasi più tempo per i test e il lavoro di sviluppo. Tutto questo deve essere fatto in anticipo. «Se non avessimo effettuato i test nel simulatore in precedenza, ci sarebbero mancate molte prestazioni», ha dichiarato Conti, che ha ricoperto il ruolo di capo ingegnere dall’inizio della stagione in corso. «Qualsiasi conoscenza che non acquisisci nel simulatore è molto difficile da ottenere sul circuito».

La preparazione inizia la settimana precedente

Di norma, i preparativi intensivi degli ingegneri BMW i Andretti Motorsport iniziano con riunioni di pianificazione e un test funzionale per il software, che fornisce al simulatore i rispettivi dati di circuito e auto. Quasi tutti gli ingegneri e i due piloti, Maximilian Günther e Alexander Sims, si incontrano nella settimana che precede la gara. Chiunque non sia in grado di essere presente può partecipare alle sessioni online. «Il 95 percento degli ingegneri è solitamente coinvolto nei preparativi, oltre ad alcune persone responsabili del processo operativo nel simulatore» ha continuato Conti. «Mi piace avere quante più persone possibile ai test del simulatore, siano essi ingegneri o piloti. Secondo me, questo è un imperativo. L’intero team arriva in pista con una base totalmente diversa quando si tratta di conoscenza ed esperienza. È molto difficile trasmettere queste conoscenze sul posto a qualcuno che non era presente durante i preparativi».

Il simulatore controllato dalal sala di controllo

Oltre al simulatore reale, che ricrea il vero abitacolo della BMW iFE.20 fin nei minimi dettagli per renderlo il più vicino possibile alla realtà per i piloti, la piattaforma mobile del simulatore e uno schermo, c’è anche una speciale sala di controllo. In questa stanza, gli ingegneri utilizzano gli stessi programmi di comunicazione e computer utilizzati in pista. Ciò consente ai piloti e all’intero team di allenarsi nel modo più preciso possibile per la realtà. Conti attribuisce grande importanza allo spirito di squadra: «Lavoriamo come un’unica realtà. Solo così possiamo essere efficienti». Con questo in mente, è ovvio che gli ingegneri di Andretti siano in stretta comunicazione con i loro colleghi, sia nella sede di Monaco che online.

Conti: “Alto tasso di successo nella realtà”

Il programma per le sessioni di prova si basa su un piano, che è preparato in anticipo. Si inizia con un confronto dei dati raccolti nella gara precedente. Questo è seguito da molte brevi sessioni, il cui scopo è quello di provare diversi set-up e configurazioni del drivertrain BMW i. Anche le simulazioni di gara e i test di gestione dell’energia sono componenti integrali. Conti e il suo team svolgono anche vari scenari per essere preparati per eventi imprevedibili che possono verificarsi durante un fine settimana di gara, ad esempio periodi di safety car e interruzioni di gara. Anche con tutta questa meticolosità, come è esattamente possibile prepararsi alla realtà nel simulatore? «Abbiamo un alto tasso di successo» ha dichiarato Conti. «Abbiamo anche avuto situazioni in cui siamo stati in grado di implementare la strategia di gestione dell’energia che abbiamo sviluppato nel simulatore tale e quale in gara».

Dal simulatore alla pista

Tuttavia, Conti, che è stato coinvolto nella Formula E dalla Stagione 4 e che in precedenza può vantare la conquista del titolo DTM nel 2012 come ingegnere di gara di Bruno Spengler, è anche desideroso di minimizzare questo risultato. «Quella percentuale di successo ovviamente oscilla. Ci sono sempre alcune sorprese sul circuito. Tuttavia, grazie alla nostra buona preparazione, siamo generalmente in grado di reagire molto rapidamente».

Quanto bene sia stato fatto il lavoro nel simulatore lo si scopre durante la prima sessione di prove libere del giorno della gara, se non prima nello shakedown. «Qualsiasi grande problema accada rende la vita difficile. In una situazione inattesa, anche noi possiamo sbagliare la messa a punto» ha detto Conti. «Puoi recuperare, ma è difficile: la concorrenza, che potrebbe arrivare meglio preparata, sta migliorando continuamente, il che significa che devi migliorare più velocemente di loro». L’ingegnere capo ha citato il round di apertura della Stagione 6, ad Ad Diriyah lo scorso novembre, come esempio positivo di questo tipo di contraccolpo. «Siamo rimasti sorpresi dal livello di aderenza estremamente basso, che non avevamo previsto nella simulazione. Tuttavia, siamo stati in grado di reagire rapidamente e abbiamo conquistato due pole position e la vittoria nella gara di sabato».

Copyright foto: BMW Motorsport

Leggi altri articoli in Formula E

Commenti chiusi

Articoli correlati