Formula E | Siggy e l’avventura virtuale con BMW: “Vorrei guidare la vettura vera”

Il sim-driver si racconta

Kevin Siggy è da poco un pilota ufficiale di BMW nelle corse virtuali e sta prendendo parte alla Race at Home Challenge della Formula E.
Formula E | Siggy e l’avventura virtuale con BMW: “Vorrei guidare la vettura vera”

Kevin Siggy non è solo un semplice sim-driver: il giovane 21enne è diventato uno degli ufficiali di BMW i Andretti Motorsport nella Race at Home Challenge della Formula E e si appresta a vivere l’ultimo weekend stagione. Ecco chi è l’alfiere del Team Redline e com’è iniziata la sua carriera.

La lunga intervista a Kevin Siggy di BMW

Siggy si è raccontato in una lunga intervista pubblicata propria da BMW Motorsport e, spiegando perché va così forte, ha detto: «Penso che dipenda principalmente dalla mia vasta esperienza sulla piattaforma rFactor 2. Ci ho corso da quando avevo 13 anni e recentemente ho superato il traguardo delle 1.000 ore. Tutta questa pratica mi ha dato un’ottima comprensione di come funzionano la simulazione, il set-up, il tipo di pneumatico, l’aderenza in pista e il meteo». Poi ha parlato del suo allenamento: «Scopriamo sempre su quale pista correremo solo qualche giorno prima della gara. Quindi dipende se ho già corso in quella pista o se – come quelli di Berlino e New York di recente – si tratta di un circuito nuovo. Su una pista come Hong Kong, che conoscevo già, ho fatto solo pochi giri per ritrovare il mio ritmo. Naturalmente, per i nuovi circuiti mi prendo più tempo. Prima di tutto, faccio fino a 50 giri per familiarizzare con la pista. Quindi il giorno della gara faccio altre 2-3 ore per testare i miei limiti e trovare il ritmo ottimale per le qualifiche, che è il fattore più importante secondo me. E poi aiuto anche Maximilian Günther nei suoi preparativi…».

Guenther chiede consigli a Siggy

«Si è accorto di me durante la gara di test e si è messo in contatto con me. Gli ho dato principalmente alcuni suggerimenti dalla mia esperienza con rFactor 2, che lo ha aiutato a sviluppare un buon set-up e un modo di guidare adatto a lui. Poi mi ha detto che la gestione non è la stessa della vera BMW iFE.20. Ha dovuto adattarsi e fare alcune cose nel simulatore che non avrebbe fatto con la vera macchina da corsa. Il modo in cui Maximilian e io stiamo collaborando è molto standard in questo ambiente. Ci incontriamo online per una sessione di allenamento congiunta prima di una gara. Fa domande, gli do consigli ovunque posso. Tutto qui. Molti altri piloti di sim e piloti di corse reali stanno facendo la stessa cosa».

Siggy più costante di Guenther

«Penso che, poiché non ha ancora molta esperienza con le corse sim, [Günther] non ha molto tempo per prepararsi per le nuove piste. Tuttavia, sta facendo un lavoro fantastico e sta imparando molto rapidamente, che è ciò di cui c’è bisogno per avere successo nelle corse sim. In linea generale, bisogna tenere conto del fatto che come sim racer ci guadagniamo da vivere in questo modo e quindi abbiamo trascorso molto tempo aa allenarci per molti anni. Persino un pilota professionista come Maximilian non riesce a recuperare il ritardo in pochi mesi perché la gestione in un simulatore è totalmente diversa da quella di una vera auto da corsa».

Pilota sim-driver da pochi anni

«Correre per un produttore come BMW è una delle cose più grandi che puoi immaginare come pilota di sim. Mi sento onorato. Devo ringraziare il Team Redline, per il quale corro come pilota professionista da marzo, per questo. Hanno aperto la comunicazione con BMW e hanno supportato il mio debutto nella Formula E virtuale fin dall’inizio. Sono un pilota professionista da circa due anni e sono felice di poter dire che ora posso guadagnarmi da vivere. Ho vinto alcune gare importanti quest’anno, che è ovviamente ciò che ha attirato l’attenzione di una grande squadra come Redline. Sono entrati in contatto con me a marzo e ho firmato il mio contratto».

Il boom del sim-racing durante la pandemia

«Prima di tutto, la situazione in cui ci troviamo attualmente non è affatto piacevole e speriamo che presto finisca. Ma ad essere sincero, è stata una grande spinta per le corse sim. Da un lato, è bello che qualcuno come me sia in grado di competere con veri piloti da corsa e guadagnarsi il loro rispetto. D’altra parte, come piloti di sim, ora stiamo guadagnando molta più visibilità, il che ovviamente ci aiuta immensamente come professionisti. Un anno fa non avrei potuto immaginare di guadagnarmi da vivere solo con le agre sim. Adesso le cose stanno cambiando. Essere alla finale di Campionato dal vivo a Monaco e incontrare Maximilian e tutti gli altri piloti da corsa sarebbe bello. E mi piacerebbe davvero guidare la vera vettura di Formula E perché è qualcosa che ho sempre sognato. Sfortunatamente, non ho avuto i fondi necessari per essere coinvolto nelle corse reali. Questo test drive sarebbe una fantastica opportunità per mostrare cosa posso fare».

Copyright foto: BMW Motorsport

Leggi altri articoli in Formula E

Commenti chiusi

Articoli correlati