WRC | Tanak si prepara al Rally DirtFish in Estonia e rifiuta il premio di “Entertainer dell’Anno”

A luglio il nuovo Rally Estonia

Confermata la nuova veste della gara in Estonia, che si chiamerà Rally DirtFish e avrà in gara anche Ott Tanak. Il pilota intanto cede un premio consegnatoli da una rivista locale
WRC | Tanak si prepara al Rally DirtFish in Estonia e rifiuta il premio di “Entertainer dell’Anno”

Ora è ufficiale: l’Estonia questa estate avrà il suo rally, come vi avevamo annunciato in questi giorni. Sarà però qualcosa di diverso rispetto all’evento promozionale per il WRC che si è svolto in questi anni e che è saltato nel 2020 non per il coronavirus, ma per una diatriba economico-burocratica tra organizzatori ed Eesti Autospordi Liit, cioè la Federazione motorsportiva estone che ha voluto battere cassa chiedendo una maggiorazione nel contributo dovuto dai primi per supportare l’attività sportiva di base.

Nasce in Estonia il Rally DirtFish. Tanak al via

È finita poi che la stessa EAL si è messa all’opera per fare il “suo”rally, che avrà luogo il prossimo 24-25 luglio e potrebbe così diventare il primo evento della disciplina dal lockdown. Le cose si sono così sistemate sino ad incassare il supporto di uno sponsor importante come DirtFish, nato come scuola rally di prestigio negli USA e tra le altre cose sito di informazione tra i più completi riguardo questo sport, che a sua volta ha portato con sé un pilota da esso supportato, ovvero Ott Tanak, estone di nascita: si chiude così il cerchio. 

L’evento che avrà come fulcro la zona di Otepää si chiamerà Rally DirtFish, prima gara sostenuta da questa realtà imprenditoriale di Seattle fuori dal Nord America e che godrà della partecipazione dei campioni WRC 2019, ovvero Tanak e il suo copilota e connazionale Martin Järveoja (sperando di poter attrarre altri nomi forti, grazie anche al fatto che correre in Estonia storicamente prepara al meglio per il successivo Rally di Finlandia – se si terrà nelle date previste). Il pilota di Hyundai Motorsport ha così commentato al portale DirtFish (e dove sennò): «Gli ultimi mesi sono stati incredibilmente strani. In tutto il mondo abbiamo visto cambiamenti così grandi nel modo in cui facciamo tutto. È stato qualcosa di inedito stare a casa per così tanto tempo, una grande opportunità per conoscere davvero la mia famiglia; ma ora è il momento di pianificare il ritorno al lavoro. Per il WRC aspettiamo di scoprire quale sarà il prossimo appuntamento, ma avere l’opportunità di correre un rally in Estonia è qualcosa di grande e molto importante allo stesso tempo». Tanak gareggerà con la Hyundai i20 Coupé WRC o con la R5 privata con la quale ha corso sulle strade di casa in questi giorni? «Una cosa è certa: ci sarò sicuramente. E, si spera, con qualcosa di interessante da guidare», spiega il pilota.

Tanak cede il premio della rivista Kroonika

Nel frattempo il campione iridato ha potuto permettersi il lusso di rifiutare un premio. Nulla di propriamente sportivo, ma in un certo senso attinente: parliamo dei riconoscimenti della rivista estone di spettacolo Kroonika, che ogni anno premia le personalità locali che hanno segnato l’intrattenimento. Termine usato in maniera estensivo, perché non parliamo solo di cinema, serie tv, musica e via dicendo (viene pure premiato l’uomo e la donna più sexy dell’anno, per dire) ma anche sport, visto che pure questo ambito può essere inteso come spettacolo. Ebbene, Tanak ha vinto nella categoria Entertainer of the Year in virtù dei suoi straordinari risultati nel WRC e delle sue prestazioni, che sicuramente hanno appassionato, divertito e dato orgoglio ai suoi connazionali.

Il pilota però ha rispedito al mittente questo riconoscimento. «Il mio desiderio è quello di essere uno sportivo, non un intrattenitore», ha spiegato al sito Sky.ee. È la prima volta che succede qualcosa del genere, ma il gesto dell’estone non è un atto snobistico, visto che ha ceduto il premio al commentatore sportivo suo connazionale Kalev Kruus. Il quale ha dichiarato da par suo: «La sensazione è contrastante visto che non ho davvero vinto. Ne prendo atto ma se Ott per caso rivolesse il premio, glielo restituirò!».

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati