Jeroen den Boer: dall’esperienza reale in pista con BMW a quella… virtuale

Un dettagliato raffronto tra i due mondi

Jeroen den Boer, ex pilota e attuale capo ingegnere di BMW Motorsport, fa un raffronto tra le gare reali e il sim-racing.
Jeroen den Boer: dall’esperienza reale in pista con BMW a quella… virtuale

Dall’esperienza da pilota a quella di capo ingegnere: Jeroen den Boer è ritornato virtualmente al volante durante questo periodo di quarantena grazie al sim-racing. Il nederlandese di BMW Motorsport fa un raffronto tra le corse reali e quelle virtuali.

Dalla pista reale a quella… virtuale

Durante la sua carriera da pilota, Jeroen den Boer guidava le auto della BMW Motorsport GT3. Come capo ingegnere, ora si occupa delle attività di gara della BMW M6 GT3 e dello sviluppo della nuova BMW M4 GT3. Nell’attuale crisi COVID-19, den Boer è tornato al volante – almeno “virtualmente”. Ha scoperto le corse di sim e gareggia regolarmente con la BMW M8 GTE e con la BMW Z4 GT3. La combinazione di ex pilota automobilistico, ingegnere BMW Motorsport e sim racer lo rende la persona perfetta per analizzare le somiglianze e le differenze tra sim racing e vero motorsport. Quando Jeroen den Boer gareggia con la BMW Z4 GT3 sulla piattaforma iRacing Esports, gli sembra di tornare indietro nel tempo. Tra il 2011 e il 2013, l’olandese era solito guidare quell’auto per il team DB Motorsport contro avversari di alto livello nell’ADAC GT Master, ottenendo due vittorie in 36 gare. Allo stesso tempo, stava anche studiando ingegneria, e quando le corse GT3 sono diventate troppo costose per lui e il suo team privato, ha invece intrapreso la carriera di ingegnere.

«Ho stabilito dei buoni contatti attraverso le corse GT3, ed è stato attraverso questo che alla fine sono arrivato, tramite Schubert Motorsport, a BMW Motorsport», ha dichiarato den Boer. «Lavoro lì dal 2014». Nella sua posizione di responsabilità, è sempre lì quando la BMW M6 GT3 scende in pista nelle principali gare di 24 ore e nell’Intercontinental GT Challenge. Il suo ultimo progetto è lo sviluppo della BMW M4 GT3, la nuova ammiraglia della gamma BMW M Customer Racing.

Tutti i dettagli sui simulatori

Mentre den Boer è in attesa di riprendere i suoi progetti reali di corse automobilistiche, ha scoperto le gare sim. Ora ha la sua attrezzatura a casa e incontra gente come i piloti della BMW, Philipp Eng e Jens Klingmann per le sessioni di allenamento. «Una volta sono passato a una sessione sul Nordschleife. È stato molto divertente e molto interessante», ha dichiarato den Boer, «in particolare per me come ingegnere, in quanto c’erano anche piloti professionisti di gare con il simulatore, che avevano la risposta giusta a tutte le mie domande sul set-up. All’improvviso, non ero più il tecnico che forniva informazioni sulle impostazioni: i ruoli si erano ribaltati. All’inizio è stato come un mondo diverso per me». Den Boer ha anche acquisito esperienza di guida al volante della BMW M8 GTE virtuale e della BMW Z4 GT3 negli ultimi mesi. Non solo le sue abilità come pilota sono state messe alla prova, ma anche come ingegnere, mentre fai tutto da solo su iRacing – sia che si tratti di impostazione, tattiche di gara o strategia delle gomme.

«Nel simulatore, puoi davvero configurare tutto ciò che potrebbe accadere nella realtà: telaio, aerodinamica, pressione dei pneumatici – tutto», ha spiegato Boer. «Di norma, la messa a punto è completamente aperta, quindi puoi configurare un numero incredibile di parametri. Non è così facile e devi sapere cosa stai facendo». Den Boer sa esattamente cosa sta facendo quando si tratta della messa a punto nella realtà. Lui e il suo team generalmente iniziano con un set-up di base, che viene creato utilizzando i dati dell’anno precedente o, nel caso di nuovi circuiti, i dati provenienti da piste simili. «Quindi collaboriamo con il pilota per identificare i problemi su cui dobbiamo lavorare», ha dichiarato den Boer. «Sovrasterzo? Sottosterzo? Non performante in frenata? Confrontiamo il feedback dei piloti con i nostri dati. Se corrispondono, cambiamo le rispettive impostazioni sull’auto per risolvere il problema. In questo modo, passo dopo passo, siamo in grado di muoverci nella giusta direzione».

Il feedback è importante

Comprendere e interpretare correttamente il feedback dei piloti è una delle abilità chiave di un ingegnere. È qui che den Boer fa tesoro del suo passato di pilota da corsa. «A volte sono sufficienti tre parole e so cosa significano. Penso di poter entrare in empatia con loro», ha detto. Non è necessario che lo faccia quando esegue il lavoro di set-up nel simulatore, poiché è contemporaneamente pilota e ingegnere. «Nel mio caso, il lavoro di messa a punto nel simulatore è probabilmente più veloce, poiché io sono il pilota e, anche mentre sono al volante, posso già considerare quali modifiche al set-up proverò dopo», ha spiegato den Boer. «Non ho bisogno di parlarne prima con un altro pilota e tentare di mettere in pratica le sue valutazioni».

Al contrario, potrebbe teoricamente avvalersi delle sue conoscenze acquisite nelle corse automobilistiche reali e, ad esempio, utilizzare una vera base per la simulazione. «Non è così semplice», afferma den Boer, mettendolo in prospettiva. «Potrei sapere per esperienza quali viti stringere per prime, se dovessi avere un problema con la messa a punto – ma usare una configurazione di base 1:1 non funzionerebbe».

La strategia di gara e l’analisi dei dati sono identiche

«Ho guidato una corsa di quattro ore sul Nordschleife con un collega. Abbiamo dovuto discutere le tattiche, calcolare il consumo di carburante e determinare la strategia degli pneumatici: è stato molto divertente. Avevamo calcolato che il leader avrebbe tagliato il traguardo prima che fosse trascorso il tempo di gara, il che significava che dovevamo ancora fare un altro giro. Con questo in mente, abbiamo aggiunto più carburante, il che ci ha permesso di superare alcune macchine che erano rimaste senza carburante su Döttinger Höhe alla fine della gara. Sicuramente quella volta è venuto fuori l’ingegnere che è in me. Come è possibile nella realtà, è possibile sovrapporre e analizzare i dati di telemetria di diversi driver. Dove sto frenando troppo presto o troppo tardi? Dove devo selezionare una marcia diversa? Questi dati sono identici alla realtà. È anche possibile utilizzare lo stesso programma per l’analisi dei dati. È davvero fantastico». Quando la simulazione è così vicina alla realtà, potrebbe essere un’idea prendere le idee di messa a punto da una macchina virtuale e trasferirle su una vera macchina da corsa? «Devi stare molto attento lì. Sulla pista reale, se sbagli, non puoi semplicemente premere il pulsante di riavvio e riprovare. L’auto è danneggiata».

Leggi altri articoli in Notizie

Commenti chiusi

Articoli correlati