IMSA | iRacing Pro Series, BMW centra un doppio podio a Road America

Con Spengler ed Eng

BMW Motorsport non riesce a cogliere la vittoria nell'ultimo round dell'IMSA iRacing Pro Series, ma conquista il resto del podio.
IMSA | iRacing Pro Series, BMW centra un doppio podio a Road America

Dopo un completo dominio nei precedenti appuntamenti, BMW non riesce a ottenere la vittoria della gara di Road America dell’IMSA iRacing Pro Series. Nonostante tutto, la Casa bavarese è riuscita a conquistare il resto del podio con Bruno Spengler e Philipp Eng.

Il resoconto della gara dei piloti BMW

I piloti della BMW non sono stati in grado di stare davanti alla concorrenza di Porsche e Ford nella sessione di qualifiche, ma sono migliorati durante la gara grazie a prestazioni consistenti. Spengler e John Edwards sono stati gli unici piloti a utilizzare i loro pit-stop per cambiare solo due pneumatici anziché quattro, una decisione che ha permesso loro di recuperare alcuni posti. Spengler ha risparmiato le sue gomme durante la fase finale e ha conquistato il podio. Edwards è stato il terzo miglior pilota BMW, finendo in quinta posizione. I piloti di Turner Motorsport Robby Foley, Connor De Phillippi e Nick Catsburg hanno tagliato il traguardo al settimo, ottavo e nono posto. «Sapevamo in anticipo che competere contro una concorrenza così agguerrita sarebbe stato più duro su questo circuito rispetto alle gare precedenti» ha detto Spengler. «I risultati delle qualifiche in particolare lo hanno confermato. Tuttavia, la scelta di una strategia di pit stop consistente nel cambiare le gomme di sinistra con l’usura più pesante ci ha permesso di compiere progressi decisivi. Le gomme più vecchie non hanno avuto un effetto negativo sul ritmo verso la fine e sono stato in grado di mantenere il secondo posto Tutto sommato, è stata una giornata fantastica e un risultato eccellente per me e per l’intero team».

Spengler e Eng sul podio

«Con quel quarto posto nel Mid-Ohio e il terzo posto qui, le cose stanno andando molto bene per me, ma questo non dovrebbe sorprendere. Mi sono allenato incredibilmente duramente per questa gara. Implica una folle quantità di lavoro per l’intero team e tutti i piloti. Lavoriamo davvero bene insieme sull’assetto e sullo stile di guida. Ero davanti a Bruno prima del pit stop – e riflettendo, se potessi invertire la decisione di cambiare tutte e quattro le gomme, lo farei, ma tutto con il senno di poi è sempre più chiaro. Tuttavia, è stata una grande esibizione da parte di tutti noi. Il finale con un totale di sei BMW M8 GTE nella top-10 è un risultato eccellente».

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati