ERC | Rinviato ancora il Rally Liepaja. Primo forfait nel calendario 2020: il Rally Polonia spostato nel 2021

Altre modifiche al calendario ERC 2020

Per la prima volta l'ERC 2020 è costretto a rinunciare ad un appuntamento, ovvero il Rally Polonia. Si sposta ancora invece il Rally Liepaja
ERC | Rinviato ancora il Rally Liepaja. Primo forfait nel calendario 2020: il Rally Polonia spostato nel 2021

Ennesimo cambiamento per l’ERC 2020 ed il suo calendario, ma questa volta per la prima volta non c’è stato soltanto un rinvio, ma una cancellazione tout court almeno per quest’anno.

Il Rally Liepaja slitta di un mese, il Polonia di un anno

Partiamo dal nuovo posticipo di date, che questa volta coinvolge il Rally Liepāja, previsto inizialmente per il 29-31 maggio e poi rinviato al 10-12 luglio. Ebbene, l’evento lettone slitta ancora di un mese, con un nuova data fissata nel weekend del 14-16 agosto. È l’effetto domino innescato dalla cancellazione definitiva del Rally di Polonia, che avrebbe aperto questa stagione del campionato europeo, costretto a partire nell’ultimo fine settimana di giugno. Considerate le restrizioni imposte nel Paese per via del coronavirus, l’evento fu rinviato sine die con una decisione presa lo scorso fine aprile.

Tuttavia la Federazione polacca, a capo dell’organizzazione, ha dovuto sventolare bandiera bianca, con il promotore dell’ERC Eurosport Events costretto a prendere atto e rinunciare all’ambizioso progetto di mantenere tutte e otto le gare del 2020 nonostante i continui rinvii dei primi appuntamenti stagionali. Al momento invece si resta sui sette round, mentre non ci saranno sostituzioni per quanto riguarda l’appuntamento polacco dedicato all’ERC1 Junior ed ERC3 Junior (in ogni caso per i giovani iscritti di questi format varranno sempre i migliori quattro risultati di stagione al fine di redigere i punteggi finali).

Il Rally Polonia celebrerà nel 2021 i suoi cento anni

«Il Rally Poland ogni anno è uno degli eventi più importanti non solo per il motorsport, ma anche fra quelli del nostro Paese», ha spiegato un rassegnato Michał Sikora, a capo di PZM (la Federazione polacca). «La preparazione per un evento di portata internazionale richiede un intero anno, visto che attira fan dalla Polonia e da altre parti d’Europa. E’ un evento di massa e non possiamo prevedere come evolverà la situazione e quando le restrizioni verranno tolte. Non c’era alternativa per la sicurezza di concorrenti e spettatori, e per la salvaguardia della nostra area. Dopo numerosi incontri con i nostri collaboratori, abbiamo preso la decisione più sensata di rinviare il 77° Rally Poland al prossimo anno, confermando che sarà ancora nel calendario dell’ERC. Mikołajki e la Masuria restano la sede della gara che festeggerà il centenario».

In attesa di celebrare i 100 anni del Rally di Polonia, sperando di farlo nel migliore dei modi ovvero liberi dal virus, dal fronte del Rally Liepāja si continua a tenere duro, come spiega il direttore di RA Events (promoter dell’evento), Raimonds Strokšs: «Stiamo vivendo un momento in continua evoluzione, ci sono tante notizie in tutto il mondo riguardo la pandemia causata dal COVID-19 e di come i Paesi stanno reagendo alle circostanze e alle restrizioni dei governi. Come organizzatore, siamo a metà fra le parti e proviamo a mantenere la sicurezza pubblica, ma anche a trovare soluzioni per ospitare i maggiori eventi sportivi. Come già detto in precedenza, non mettiamo il rally davanti a salute e sicurezza di concorrenti, spettatori e personale coinvolto. Assieme ai nostri collaboratori di Eurosport Events, FIA, governo lettone, città di Liepāja e Talsi, si è scelto di spostare ulteriormente il Rally Liepāja ad agosto. Si tratta di un paio di settimane in più da attendere, ma stiamo cercando ogni soluzione possibile per salvare l’evento del 2020. Tutte le parti stanno operando perché sia una grande gara quest’anno, consultando esperti e sperando che si arrivi alla normalità per tornare a vedersi un rally. Dobbiamo comunque aspettare e seguire le linee guida dei governi in modo da riprenderci velocemente».

Pubblicato il programma del Rally di Roma Capitale 2020

«Salute e sicurezza restano le priorità assolute e non vanno compromesse», come rimarca il coordinatore ERC Jean-Baptiste Ley. Il resto del calendario è al momento confermato, tra cui il nostro Rally di Roma Capitale che a questo punto diventa il primo della stagione, e del quale è stato svelato il programma da parte dell’organizzatore, Motorsport Italia di Max Rendina. Si parte venerdì 24 luglio con la cerimonia di apertura dalle 19:30 sotto Castel Sant’Angelo, nei giardini nei dintorni, mentre si chiude ancora una volta sul lungomare di Ostia domenica 26. Confermata la base e la sede del parco assistenza a Fiuggi, mentre dal 26 maggio all’8 luglio si potranno inviare le iscrizioni.

ERC 2020, il nuovo calendario (soggetto a conferma FIA)

Round 1: Rally di Roma Capitale (asfalto), 24-26 luglio

Round 2: Rally Liepāja (terra), 14-16 agosto

Round 3: Barum Czech Rally Zlín (asfalto), 28-30 agosto

Round 4: Azores Rallye (terra), 17-19 settembre

Round 5: Cyprus Rally (terra), 16-18 ottobre

Round 6: Rally Hungary (asfalto), 6-8 novembre

Round 7: Rally Islas Canarias (asfalto), 3-5 dicembre

 

Leggi altri articoli in FIA ERC

Commenti chiusi

Articoli correlati