La Federazione australiana delinea i principi guida per far ripartire il motorsport

Pubblicato il documento Return To Race

Motorsport Australia, la federazione nazionale per gli sport motoristici, ha stilato un documento con i principi per fare ripartire l'attività su strada e su pista. Verrà adottato anche nel resto del mondo?
La Federazione australiana delinea i principi guida per far ripartire il motorsport

In uno scenario attuale quanto più incerto che mai, nonostante il propagarsi del Covid-19 consenta al momento qualche allentamento nelle restrizioni, gli eventi sportivi provano a riorganizzarsi (ma non è facile, come abbiamo visto in Italia). In questo senso si inseriscono le proposte dalla Federazione Australiana, Paese dove si contano al momento 6.927 casi e 97 decessi dall’inizio dei contagi.

Il documento “Return To Race”

Motorsport Australia, l’ente che sovraintende tutte le attività e le discipline legate al mondo delle corse, ha stilato un documento dall’eloquente titolo – Return To Race – da presentare alla FIA e al Governo locale, affinché si possano riprendere in sicurezza le gare e tutto ciò che ruota attorno: ricordiamo che proprio a Melbourne si sarebbe dovuto aprire lo scorso marzo il Mondiale di F1, poi annullato in corsa per l’esplodere della pandemia. Inoltre nel Paese australe sino all’anno scorso si è tenuta anche la tappa del WRC, giusto per citare gli eventi motorsportivi più in vista, poi cancellata per via degli ingenti roghi divampati nel sud-est.

“Non possiamo tornare a gareggiare come facevamo in passato”

Il documento si compone di otto pagine ed è frutto del contributo dato non solo della FIA, ma anche del Motorsport Australia National Medical Advisory Committee e di altri enti sportivi (Supercars, Motorsport UK, Australian Institute of Sport). Eugene Arocca, amministratore delegato di Motorsport Australia, ha dichiarato presentando Return To Race: «Il motorsport è diverso da qualsiasi altra disciplina sportiva. Riteniamo sicuramente che sia uno sport a basso rischio nel momento in cui parliamo di qualsiasi potenziale trasmissione di Covid-19, dato che parliamo di una disciplina praticata all’aperto, di solito su vaste aree. Tuttavia, ciò non significa che possiamo semplicemente tornare a come gareggiavamo come abbiamo fatto in precedenza. Return to Race delinea chiaramente tutti i passi che i nostri organizzatori, funzionari e concorrenti dovrebbero intraprendere per rendere i nostri eventi il ​​più sicuri possibile in base al quadro presentato dal governo federale».

I tre livelli per una ripartenza nel motorsport in sicurezza

Anzitutto nel documento si precisa che il motorsport, nella sola Australia, genera un impatto economico di 3 miliardi di dollari, creando inoltre 30.000 posti di lavoro; per preservare al massimo tutto ciò ed ovviamente la sicurezza sanitaria che viene al primo posto, vengono presentati tre diversi livelli di una strategia di ripresa: il primo (si parte dalla A, quindi lettere e non numeri, come consuetudine anglosassone) possiamo paragonarlo alla Fase 1 dell’emergenza, quindi con il massimo distanziamento ed il divieto totale di assembramenti di più di due persone. Il livello B consente il ritorno di molti eventi, inclusi quelli rally ed offroad: si raccomandano comunque alcune accortezze, come il fatto che gli equipaggi siano composti da membri della stessa famiglia, ovvero pilota e navigatore imparentati o comunque che soggiornano sotto lo stesso tetto. Inoltre non si possono assembrare più di dieci persone in uno spazio di quattro metri quadri a disposizione per individuo, cosa da rispettare nei parchi assistenza, box e così via. Infine, al livello C cadono tutte le restrizioni e gli obblighi per quanto riguarda i copiloti, ma devono essere comunque rispettate le norme sanitarie, aggiungendosi alle prescrizioni del Federal Government’s Resumption of Sport and Recreation Activities pubblicate ad inizio maggio.

Spiega Arocca: «Questa strategia sottolinea l’importanza di evitare incontri o riunioni, utilizzando invece la tecnologia come Zoom [app di videoconferenze, ndr] per ospitare i briefing dei piloti, ad esempio. Stiamo anche fornendo altri passaggi chiave che gli organizzatori di eventi, i funzionari e i concorrenti devono adottare per garantire la salute e la sicurezza di tutti, a seconda del loro ruolo. Mentre i piloti possono essere “isolati” nei loro veicoli quando sono in pista o in una prova speciale, ci sono ovviamente molte altre cose che devono essere considerate prima che un evento possa andare avanti». In pratica, nell’immediato futuro i briefing dovranno essere tenuti in remoto, le conferenze stampa saranno ripensate per evitare affollamenti di giornalisti, spariscono (o al limite pesantemente ridimensionate) le sessioni autografi e così via, oltre a venire limitato il numero di personale al seguito dei team e dell’organizzazione ad avere accesso all’evento. Che sia questa la strada che dovrà seguire il motorsport ad ogni latitudine in tempi di pandemia?

 

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati