Formula E | Nissan e.dams sfiora la zona punti nella Race at Home Challenge

Bene nella Challenge Grid

Sébastien Buemi e Oliver Rowland non hanno centrato la top-10 con Nissan e.dams nell'ultima gara della Race at Home Challenge della Formula E.
Formula E | Nissan e.dams sfiora la zona punti nella Race at Home Challenge

Bicchiere mezzo pieno per Nissan e.dams nel secondo appuntamento della Race at Home Challenge della Formula E. Dopo delle buone qualifiche e un’ottima prima parte di gara, Sébastien Buemi e Oliver Rowland non sono riusciti a chiudere nella top-10.

La gara dei piloti Nissan e.dams

Gareggiando su un circuito virtuale ad alta velocità, ribattezzato “Electric Docks” e creato appositamente per l’evento, Rowland Buemi si sono qualificati rispettivamente al 5° e 15° posto. Nel corso della gara, i piloti Nissan sono riusciti a risalire fino al 3° e 8° posto, per poi tagliare il traguardo all’11° (Buemi) e al 15° posto (Rowland). Sulla Challenge Grid dedicata ai sim-racer, gli ambasciatori di Nissan e.dams sono stati Jan von Der Heyde – una conferma per il team – e la new entry Niek Jacobs, che durante le qualifiche hanno ottenuto rispettivamente il 5° e il 15° posto. La coppia targata Nissan ha tagliato il traguardo nelle prime dieci posizioni, conquistando rispettivamente il 4° e il 9° posto.

Le dichiarazion dei piloti

«Sono un po’ deluso per come si è conclusa la gara», ha dichiarato Rowland. «Penso che la velocità fosse adeguata per aspirare alla vittoria, ma sfortunatamente – dopo una buona partenza – un incidente inevitabile alla prima curva mi ha rispedito nelle ultime posizioni. Ad ogni modo mi sono divertito molto, ci riproveremo la prossima settimana. L’aspetto più importante è dare il nostro contributo a un’ottima causa». «Oggi è andata un po’ meglio rispetto alla settimana scorsa: ho tagliato il traguardo in undicesima posizione e ho tenuto duro fino alla fine», ha detto Buemi. «Ho doppiato parecchi avversari, ritrovandomi addirittura tra i primi dieci, ma poi ho urtato un muro e danneggiato la vettura, perdendo velocità. In ogni caso, abbiamo fatto dei passi avanti e non vedo l’ora di partecipare alla prossima gara».

Leggi altri articoli in Formula E

Commenti chiusi

Articoli correlati