IndyCar | McLaughlin vince all’ultimo metro a Indianapolis (grazie alle scorrettezze altrui)

Il resoconto della gara

Scott McLaughlin vince sull'ovale di Indianapolis, ma nella gara della IndyCar si sono viste diverse scorrettezze e colpi bassi...
IndyCar | McLaughlin vince all’ultimo metro a Indianapolis (grazie alle scorrettezze altrui)

È solo una competizione online, ma per molti è molto di più: così si può riassumente la gara della IndyCar iRacing Challenge corsa ieri a Indianapolis. Scott McLaughlin acchiappa la terza vittoria stagionale all’ultimo metro, grazie anche a un incidente sul rettilineo finale.

Il resoconto della corsa

Il pilota neozelandese era in procinto di tagliare sotto la bandiera a scacchi al 3° posto, ma davanti Santino Ferrucci ha scagliato Oliver Askew contro il muro. Così, l’alfiere del Team Penske ha vinto la gara, incredulo ma gioioso: «È incredibile portare l’auto in Victory Lane, speravo che ci sarebbe stato un incidente e, alla fine, si sono schiantati. Sono stato fortunato». Dello stesso sentimento anche Conor Daly, giunto proprio alle spalle di McLaughlin: il pilota di Carlin era partito dal 22° ed è rimasto bloccato nel mezzo del gruppo per la maggior parte del tempo, ma grazie alle scorrettezze e ai contatti degli altri driver (dopo ci arriviamo) è riuscito a risalire velocemente fino al podio. Ferrucci è comunque riuscito a terminare al 3° posto, seguito da Askew, Pato O’Ward e Sebastien Bourdais. A completare la top-10 troviamo ancora Ryan Hunter-Reay, Zach Veach, Felix Rosenqvist e Scott Dixon, in un evento che vedeva al via 33 piloti – esclusi Kyle Busch, Robert Wickens e James Hinchcliffe, eliminati nelle pre-qualifiche.

Le scorrettezze viste ieri

Arriviamo invece alla nota dolente della First Responder 175 di Indianapolis: Ferrucci era già noto per il suo comportamento antisportivo in Formula 2, da dove è stato bandito dopo la speronata gratuita al compagno di squadra Arjun Maini (pesantemente bullizzato durante l’arco della stagione). Sul rettilineo, l’americano ha nettamente virato a sinistra colpendo Askew perché… si erano toccati in quasi tutti gli appuntamenti precedenti. Sono arrivate poi le scuse, ma sicuramente non finirà qui.

E Lando Norris? Anche lui ha corso visto l’eccellente vittoria ad Austin di settimana scorsa e anche a Indianapolis stava dando il meglio… Prima che arrivasse Simon Pagenaud. Il francese era finito a muro dopo che Norris aveva tentato un pericoloso three-wide – a dire la verità, è Graham Rahal che si è toccato col pilota di Penske – e, dopo essere rientrato ai box – ha aspettato il britannico, ostacolandolo e facendosi tamponare appositamente. I due hanno poi litigato, con Pagenaud convinto che i piloti di Formula 1 non devono correre e Norris che gli ha dato del perdente. Vedremo che provvedimenti prenderà la IndyCar e iRacing…

IndyCar iRacing Challenge – First Responder 175 presented by GMR: classifica

Leggi altri articoli in Formule

Commenti chiusi

Articoli correlati