Altro trionfo BMW: Gunther vince la classe Pro della The Race All-Star Cup

Subito dopo la Formula E

Maximilian Günther vince anche la classe Pro-Driver della The Race All-Star Cup, svoltasi dopo la corsa della Formula E.
Altro trionfo BMW: Gunther vince la classe Pro della The Race All-Star Cup

Non c’è solo la Formula E: Maximilian Günther è riuscito a conquistare la prima posizione nella classifica riservata ai Pro-Driver della The Race All-Star Cup. Il tedesco di BMW è giunto 6° nella finale del settimo appuntamento al Nürburgring.

Günther al vertice della The Race All-Star Cup

Maximilian Günther ha celebrato due importanti successi, uno dopo l’altro, sabato, iniziando con la vittoria nella prima gara della Race at Home Challenge della Formula E a Hong Kong. Se nel campionato riservato alle vetture elettriche virtuali ha letteralmente dominato prendendosi il 1° posto in classifica, poche ore dopo ha vinto la classifica generale Pro-Driver della The Race All-Star Cup. Entrando nella finale, Günther ha ottenuto lo stesso numero di punti di Mike Epps al primo posto, ma in una gara elettrizzante sul Nürburgring virtuale ha concluso 6°, proprio davanti al suo rivale, per prevalere e reclamare il premio in denaro di 30.000 dollari. Non se li terrà tutti per lui, anzi: il tedesco è protagonista di un bellissimo gesto e donerà quanto vinto alla Verena Heinrich, una fondazione che presta aiuto ai bambini svantaggiati o che hanno subito dei traumi nella loro vita.

Il premio vinto donato in beneficenza

«Che giornata», ha detto Günther. «Sono uscito direttamente dalla gara di Formula E e non ho quasi avuto tempo di prepararmi per la finale della “The Race All-Star Cup”. Ho iniziato la finale all’ottavo posto, ma sono stato in grado di trarre vantaggio dagli errori fatti da quelli che erano davanti a me. Sono contento di aver terminato la stagione come miglior pilota professionista e terzo in classifica generale. Sono particolarmente felice di aver vinto i 30.000 dollari per conto della fondazione Verena Heinrich per i bambini svantaggiati e traumatizzati».

Leggi altri articoli in Notizie

Commenti chiusi

Articoli correlati