WEC | Glickenhaus stringe la mano a Pipo Moteurs per lo sviluppo dei motori

L'idea di recuperare i motori WRC

La Scuderia Cameron Glickenhaus collaborerà con Pipo Moteurs per costruire e sviluppare il motore per la sua Hypercar del FIA WEC.
WEC | Glickenhaus stringe la mano a Pipo Moteurs per lo sviluppo dei motori

La Scuderia Cameron Glickenhaus continua lo sviluppo della sua Le Mans Hypercar e ha dichiarato che collaborerà con Pipo Moteurs per sviluppare il motore della sua SCG 007. La squadra americana debutterà nel FIA World Endurance Championship nel 2022.

Due motori WRC per una potenza di oltre 800 cavalli

Sebbene la situazione mondiale sia in stallo a causa della pandemia di Coronavirus, Glickenhaus continua a muovere i suoi passi per prepararsi al debutto nel Mondiale con un proprio prototipo. Jim Glickenhaus, il boss del team, ha confermato che il motore sarà un V8 biturbo derivante da un quattro cilindri di Pipo Moteurs utilizzato per le auto da rally di alto livello. Fondata negli anni ’70, l’azienda francese sviluppava propulsori per la Hyundai i20 WRC, la Ford Focus WRC e la Peugeot 206 WRC. «Pipo ha realizzato il motore WRC a quattro cilindri turbo più spettacolare al mondo» ha sottolineato Glickenhaus a Sportscar365. «È un bellissimo motore e il loro sogno, come il mio, è di andare a Le Mans e vincere. Insieme, hanno proposto di costruire due dei loro motori WRC, inserendoli in un blocco comune per ottenere un V8 in grado di produrre 870 CV».

Alfa Romeo doveva essere il fornitore dei motori

Originariamente, il motore doveva essere fornito da Alfa Romeo, ma è stato tutto vanificato dalla bassa potenza erogata: «Era, onestamente, una versione V6 del motore della Ferrari 488. Può produrre 650 CV per la durata di 30 ore, ma non possono fare 870 CV». E ciò si riferisce ai 1.160 CV che potrebbe erogare invece l’Aston Martin Valkyrie, sua rivale nella futura classe delle Hypercar.

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati