BMW, Philipp Eng spiega il sim-racing: “Mi tiene allenato mentalmente”

Riflessioni durante la quarantena

Philipp Eng sta partecipando a diversi eventi online con il proprio simulatore in questo periodo difficile. Per il pilota di BMW è un buon allenamento per tenersi in forma.
BMW, Philipp Eng spiega il sim-racing: “Mi tiene allenato mentalmente”

Con tutti i campionati sospesi e i piloti costretti a rimanere in casa a causa della pandemia di Coronavirus, i simulatori non sono solo uno sfogo alla quarantena ma anche un modo per tenersi allenati. A spiegarlo è Philipp Eng, pilota ufficiale di BMW che sta correndo diverse gare “virtuali” ogni weekend.

Weekend atipici con gare virtuali

Mentre i classici weekend di gara restano sospesi, gli appuntamenti delle corse sim aumentano. Lo scorso fine settimana si sono svolte quattro gare principali. Eng, che ha partecipato a due delle quattro corse, sabato è arrivato in finale contro un professionista di prima classe in The Race All-Stars Esports Battle. Il giorno dopo, è arrivato terzo nel F1 Esports Virtual Bahrain Grand Prix, la prima gara di simulazione organizzata ufficialmente dalla Formula 1. «Sono contento di avere il mio simulatore di gara a casa al momento. In questi tempi, quando tutti devono evitare di muoversi in pubblico il più possibile, è fondamentalmente avere la mia “droga da corsa sostitutiva”», ha dichiarato Eng. «Le gare virtuali mi aiutano a rimanere in modalità gara, soprattutto mentalmente. Sebbene il simulatore non è esattamente uguale alla realtà, le sensazioni sono le stesse che provo su una pista reale così come i miei istinti. Continuare a gareggiare con il simulatore mi permette di mantenerli nitidi. Per me, il sim-racing è molto più che divertente, mi aiuta anche a migliorare come pilota professionista».

BMW Motorsport impegnata in prima linea

BMW Motorsport ha identificato i vantaggi del sim-racing e il ruolo sempre più importante in una fase iniziale, quando è diventato un pilastro aggiuntivo nel programma di sport motoristici. L’attenzione si concentra su due piattaforme. I piloti BMW e alcuni dei migliori piloti di sim del mondo competono regolarmente sulla piattaforma iRacing, principalmente a bordo della BMW M8 GTE virtuale. Bruno Spengler, Nick Catsburg e Jesse Krohn hanno conquistato primo, secondo e terzo posto proprio con la BMW M8 GTE nell’IMSA Sebring SuperSaturday di sabato scorso. La serie Digital Nürburgring Endurance ha recentemente iniziato a tenere le sue gare sulla piattaforma iRacing. Lì, i piloti BMW (anche gli Junior) corrono sul Nordschleife con la BMW Z4 GT3. La seconda piattaforma è rFactor 2 che ospita la BMW SIM M2 CS Racing Cup, in cui il nuovo BMW Junior Team partecipa regolarmente.

«Secondo me, il coinvolgimento intenso di BMW Motorsport sta dando un ulteriore impulso al sim-racing», afferma Eng. «Quando un grande produttore come la BMW viene coinvolto a tal punto, il grande pubblico lo prende in considerazione e la percezione del sim-racing cambia in modo positivo». Secondo Eng, le corse di sim hanno già guadagnato il titolo di vero e proprio sport motoristico, e lo diventeranno ancor di più in futuro. «Lo vedo così: un appassionato al motorsport potrebbe guardare la gara DTM al Nürburgring nel pomeriggio e poi il live stream della gara a Sebring la sera», ha ipotizzato Eng.

Il futuro è la simulazione

A differenza della guida di una vera auto da corsa, un simulatore offre l’opportunità di fare molti test e acquisire esperienza senza rischi, in un ambiente controllato e senza costi eccessivi. Per questo motivo, anche le simulazioni svolgono un ruolo enorme in tutti i progetti di corse attuali di BMW Motorsport. Il simulatore BMW Motorsport a Monaco viene utilizzato intensamente per lo sviluppo del veicolo e le preparazioni di gara. Ad esempio, il team BMW i Andretti Motorsport trascorre diversi giorni nel simulatore preparandosi per ogni fine settimana di gara di Formula E. I conducenti del DTM usano anche regolarmente il simulatore BMW Motorsport.

«Il simulatore che ho a casa è abbastanza buono, per essere un oggetto in commercio. Tuttavia, è a miglia di distanza da ciò che può fare il simulatore BMW Motorsport», afferma Eng. «Dato che il simulatore BMW Motorsport si muove su una piattaforma flessibile, tu, il conducente, senti ogni ostacolo e urto, proprio come faresti nella realtà. Per me, il modo in cui l’auto mantiene la strada è appena diverso dalla realtà».

Leggi altri articoli in Notizie

Commenti chiusi

Articoli correlati