IndyCar | Coronavirus, cancellato il Gran Premio di Long Beach

Probabile recupero a fine anno?

La IndyCar ha cancellato anche il Gran Premio di Long Beach, originariamente in programma a metà aprile.
IndyCar | Coronavirus, cancellato il Gran Premio di Long Beach

Mentre è stato confermato la gara di apertura della stagione a St. Petersburg (qui potete trovare gli orari), è stato invece cancellato il Gran Premio di Long Beach della IndyCar Series. Con l’emergenza Coronavirus e l’alta popolarità della gara, si è subito ricorsi al suo annullamento.

Cancellata ufficialmente Long Beach

Long Beach è una delle gare più amate e più seguite del calendario, seconda alla sola 500 Miglia di Indianapolis per ovvie ragioni. Sebbene St. Petersburg si correrà a porte chiuse, non poteva essere la stessa cosa per il Gran Premio che si tiene ogni anno in California dato che si stima un pubblico che va oltre le 200.000 persone. Con il diffondersi del Coronavirus e le tante azioni prese a riguardo da altri campionati, è intervenuto il sindaco di Long Beach Robert Garcia che, attraverso il proprio profilo Twitter, ha comunicato ieri che tutti gli eventi cittadini con tali capacità di pubblico sono vietati fino alla fine di aprile. La corsa, originariamente programmata il 19 aprile, è quindi fuori dal calendario, ma si pensa già a un possibile recupero a fine anno; infatti, la gara di Laguna Seca è posizionata il 20 settembre e quindi potrebbe essere facilmente collocata ad ottobre.

Attenzione alle prossime gare

Il Gran Premio di Long Beach risulta essere il primo cancellato tra IndyCar, NASCAR e IMSA (ricordiamo che la 12 Ore di Sebring è solamente rinviata, almeno per il momento) e rischia di essere solo la punta dell’iceberg per gli Stati Uniti. Ora occhi puntati su Barber (in programma fra poche settimane), su Austin e, ovviamente anche a Indianapolis.

Leggi altri articoli in Formule

Commenti chiusi

Articoli correlati