WRC | Suninen prova a voltare pagina al Rally del Messico

Dopo un deludente Rally di Svezia

Teemu Suninen ripercorre il suo Rally di Svezia e gli errori commessi: dal suo team, M-Sport, c'è fiducia che il pilota possa invertire la rotta al Rally del Messico
WRC | Suninen prova a voltare pagina al Rally del Messico

Temmu Suninen in questo avvio di stagione ha faticato ad emergere rispetto ad un gruppo di avversari già proiettati per la lotta al titolo. Il pilota M-Sport ora è chiamato alla corsa ai ripari nell’imminente Rally del Messico (dal 12 al 15 marzo) per mettere sui binari giusti la propria stagione nel WRC.

I precedenti risultati di Suninen in Messico

Sia al Rallye di Monte Carlo che in Svezia, infatti, il giovane finnico non è andato oltre l’ottavo posto finale, anche per via di qualche problema con la Ford Fiesta WRC avvenuto essenzialmente nel primo appuntamento del Mondiale. «La Svezia non è andata molto bene per noi, ma abbiamo imparato da questa gara, abbiamo fatto delle analisi ed adesso siamo proiettati al prossimo appuntamento in Messico. Questo è ora il mio obiettivo». L’anno scorso però Suninen nella gara sudamericana non se la cavò benissimo: fu costretto infatti al ritiro dopo poco meno di 14 km percorsi nella PS2, per via di un impatto con la sua vettura con una roccia tale da danneggiare profondamente la Fiesta WRC. Tuttavia sempre in Messico nel 2016 fu il migliore nella categoria del WRC2 – allora a bordo della Skoda Fabia R5. Certo è che di acqua sotto i ponti ne é passata per Suninen da allora.

Gli errori commessi da Suninen in Svezia

Nel frattempo, il pilota ripercorre la sua gara in Svezia, sferzata dalle critiche del patron di M-Sport Malcom Wilson che ha imputato al finlandese una guida troppo aggressiva e quindi poco controllata. Per Suninen il peccato originale della sua gara scandinava risale all’errore nello shakedown, con la sua Ford Fiesta WRC finita in un attimo fuori strada andando in testacoda tra gli alberi. «Dopo quel momento, ho corso sempre in maniera troppo prudente. Stavamo perdendo solo pochi secondi qua e là, ma era abbastanza e non potevamo riprenderci il tempo perso. Ora cerchiamo di andare meglio con la prossima gara».

Il team principal Richard Millener comunque fa sfoggio di ottimismo per quanto riguarda il suo pilota. Ripercorrendo i fatti dello shakedown svedese, aggiunge: «Si è spaventato per lo shakedown e abbiamo sofferto per quello. Abbiamo guardato i dati e abbiamo visto che non c’era nulla di particolare per quanto riguardava la vettura. Teemu potrebbe aver lasciato 8 o 9 decimi di secondo nelle curve, ed uno può pensare che non sia niente, ma fallo tre volte in una prova speciale e diventano tre secondi».

In pratica Millener scagiona la Ford Fiesta WRC, mentre Suninen – questo è un po’ il messaggio implicito che sembra filtrare da M-Sport – deve iniziare a mettersi sulla giusta carreggiata se non vuole esaurire il credito che il team ha aperto nei suoi confronti. «Il Messico è un tipo appuntamento completamente diverso e abbiamo il tempo per lavorare con Teemu», conclude Millener.

WRC | Suninen prova a voltare pagina al Rally del Messico
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati