WTCR | Cambia il format del weekend, si torna a due gare nel 2020

Riduzione dei costi per il Mondiale

Il FIA WTCR, che sta vivendo una difficile situazione, ha ridotto il format di gara del weekend riducendo dalle tre alle due gare per appuntamento.
WTCR | Cambia il format del weekend, si torna a due gare nel 2020

In un momento davvero difficile per il WTCR che sta vedendo alcuni team e costruttori lasciare il campionato, per la stagione 2020 verrà cambiato il format del weekend per contenere i costi. Ridotte da tre a due le gare, così come le qualifiche ora relegate a una sola sessione.

Cosa cambia nel WTCR 2020

Sebbene si debba aspettare ancora l’approvazione della FIA nel prossimo World Motor Sport Council a Ginevra il 6 marzo, è praticamente confermata la riduzione del weekend di gara del WTCR, che sta vivendo una crisi importante. Eurosport Events e WSC hanno deciso di abbattere i costi e di ritornare a una formula che apparteneva quasi del tutto al vecchio WTCC: due sole giornate di attività in pista divisa tra il sabato e la domenica, con la prima che vedrà le prove libere e dalle qualifiche e la seconda per le due corse. Ad eccezione dell’appuntamento al Nürburgring Nordschelife, Gara 2 avrà circa tre giri in più di Gara 1; in più, per la seconda manche ci sarà l’inversione della griglia in base alle qualifiche. Limitazioni anche sul numero dello staff e dei meccanici: 12 persone per le squadre con due auto, 18 per quelle con tre; di tutte queste, solo 10 avranno una fascia al braccio che identifica chi può mettere le mani sulle macchine. Sono 18 gli pneumatici Goodyear assegnati al primo evento, 12 nei round successivi – fino al 2019 erano 22 e 18.

Le parole del boss Ribeiro

«Abbiamo agito in modo deciso e responsabile per proteggere il WTCR, mantenendo forti tutte le parti coinvolte e il fascino per i fan e i media, oltre a garantire accessibilità ai nuovi team privati che vogliono correre nel livello più alto del TCR», ha dichiarato François Ribeiro, boss di Eurosport Events e promotore del WTCR. «Budget insostenibili e l’impatto che ha avuto l’emergenza Coronavirus sull’economia globale ha accelerato l’introduzione di una serie di misure volte a ridurre i costi».

Leggi altri articoli in Notizie

Commenti chiusi

Articoli correlati