Dakar | Honda e il suo ritorno nel rally raid: breve storia dal 2013 al trionfo del 2020

Ripercorriamo l'era recente di Honda alla Dakar

Ad un mese esatto dal trionfo Honda alla Dakar 2020 con Ricky Brabec, ripercorriamo gli ultimi anni che videro il ritorno nel rally raid della casa giapponese con il Monster Energy Honda Team
Dakar | Honda e il suo ritorno nel rally raid: breve storia dal 2013 al trionfo del 2020

Nel 2013 Honda fece il suo ritorno nella Dakar dopo una assenza di ben 23 anni: allora fu il 1989, e si chiudeva un’era che nel 1982 vide il primo successo della casa giapponese nel rally raid che ai tempi partiva da Parigi e si concludeva in Africa.

Il ritorno di Honda nella Dakar e i successi di Rodrigues

Quindi, un ventennio dopo l’epopea della gloriosa NXR750, Honda ritornò alla Dakar quando ormai l’evento aveva cambiato la sua fisionomia e dal continente africano si era spostato in quello latinoamericano. Nel 2013 la rentrée avvenne con i piloti Hélder Rodrigues, Javier Pizzolito e Johnny Campbell, con il portoghese che terminò settimo e gli altri due al traguardo della corsa che da Lima si concludeva allora a Santiago del Cile. Il mezzo era la CRF450 Rally, prossima alle evoluzioni che nel corso degli anni la avrebbero resa la moto che conosciamo oggi.

L’anno dopo furono confermati nella line-up di Honda Pizzolito e Rodrigues, quest’ultimo che ritrovò un connazionale, il compianto Paulo Gonçalves; gli altri innesti furono il futuro KTM nonché campione della Dakar con la squadra austriaca Sam Sunderland e Joan Barreda, che incominciò la sua lunga collaborazione con il team giapponese nel rally raid più leggendario al mondo. Ancora una volta però fu Rodrigues ad ottenere il miglior piazzamento, ovvero un quinto posto assoluto.

L’arrivo di Brabec in Honda

Arriviamo al 2015: Honda conferma Rodrigues, Gonçalves e Barreda ed ingaggia Jeremías Israel e la veterana della Dakar Laia Sanz, che proprio in quell’anno ottenne il miglior risultato nella storia della Dakar per una pilota, ovvero il nono posto nella generale. Il migliore della squadra fu però Gonçalves, secondo dietro a Marc Coma (KTM).

È il 2016 quando entra a far parte della spedizione Honda alla Dakar un giovane di promettenti speranze, ovvero Ricky Brabec. Oltre a Barreda e Gonçalves, il team accolse inoltre Michael Metge ed il nostro Paolo Ceci, già quattordici volte vincitore del Campionato Italiano Rally, nonché campione europeo e nel 2018 trionfatore nella Africa Eco Race (ma in sella alla KTM 450 Rally). Il miglior risultato per il team ufficiale fu il nono posto di Brabec, mentre dalla squadra satellite Honda South America Rally Team arrivò invece il quarto posto assoluto di Kevin Benavides.

L’ascesa di Benavides e Cornejo

Proprio l’argentino entrò in forze al team ufficiale l’anno successivo, assieme ai confermati Barreda, Gonçalves, Metge e Brabec (niente rinnovo per il nostro Ceci). Tuttavia Benavides non si presentò al via della Dakar 2017 per un infortunio subito ad un mese dal via. In quella stagione Barreda concluse quinto assoluto davanti a Gonçalves; nono Metge.

Nel 2018, per via di un infortunio alla spalla, Gonçalves è costretto al ritiro dalla Dakar a poche ore dal via. Honda decise quindi di chiamare al posto del portoghese José Ignacio Cornejo, che chiuse decimo assoluto e si guadagnò successivamente un contratto con il team ufficiale. L’edizione si concluse con il secondo posto ottenuto da Benavides, ritornato in gara dopo l’assenza forzata dell’anno prima.

L’ultimo anno in Sudamerica vide il Monster Energy Honda Team assestare la propria line-up con Benavides, Barreda, Cornejo, Brabec e Gonçalves, con quest’ultimo schierato per l’ultima volta dal team. L’edizione 2019 vide classificarsi quinto Benavides.

Il trionfo Honda nella Dakar 2020

E così arriviamo alla Dakar 2020, la prima in assoluto nel Medio Oriente per una edizione piuttosto dolorosa (persero la vita Gonçalves, passato al team indiano Hero Motorsports, ed Edwin Straver, pilota iscritto nella categoria Original by Motul). Honda, che aveva schierato Benavides, Barreda, Cornejo, il rookie Aaron Maré e Brabec, concluse il rally raid con la vittoria di quest’ultimo, primo statunitense a trionfare nella Dakar e che interruppe il dominio degli ultimi anni di KTM e il conseguente digiuno di titolo per Honda. Il successo avvenne esattamente un mese fa, il 17 gennaio 2020. Qui il video che ripercorre la storia recente di Honda nella Dakar, dal 2013 all’ultimo trionfo.

Dakar | Honda e il suo ritorno nel rally raid: breve storia dal 2013 al trionfo del 2020
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Dakar

Commenti chiusi

Articoli correlati