IndyCar | Ci ha lasciati John Andretti, aveva 56 anni

Aveva il cancro al colon dal 2017

John Andretti se n'è andato oggi all'età di 56 anni, a causa di una complicanza al cancro al colon che si portava dietro da tre anni.
IndyCar | Ci ha lasciati John Andretti, aveva 56 anni

Una triste notizia ci è giunta in queste ultime ore: ci ha lasciati John Andretti a causa delle complicazioni per un cancro al colon, alla quale l’ex pilota statunitense lottava da ben tre anni.  Il nipote di Mario e cugino di Michael aveva 56 anni.

Il comunicato di Andretti

Ad annunciarlo è Andretti Autosports, che ha diffuso un comunicato stampa: «A malincuore condividiamo che John Andretti ha perso la sua battaglia contro il cancro. John era un marito e un padre amorevole, un figlio devoto e un cugino di fiducia. Era un filantropo, un sostenitore dello sporto, compagno di squadra dedito al lavoro, un pilota competitivo e, soprattutto, un caro amico. Attraverso Race4Riley, John ha trascorso decenni dedicando il suo tempo e concentrando la sua attenzione al Riley Hospital for Children. Quando gli è stato diagnosticato per la prima volta il cancro al colon nel 2017, John ha promesso di combattere e usare la sua voce per aiutare a far capire l’importanza della prevenzione. Ha combattuto duramente e ha rubato giorni preziosi che la malattia gli stava portando via. Ha aiutato innumerevoli persone sottoponendole a delle visite adeguate, salvando delle vite. Porteremo sempre con noi lo spirito genuino di John nell’aiutare prima gli altri e poi sé stesso. Le nostre preghiere sono con Nancy, Jarett, Olivia e Amelia, con tutta la nostra famiglia e gli appassionati di tutto il mondo. Invitiamo tutti i nostri follower, per favore, a usare #CheckIt4Andretti».

La carriera di John Andretti

John ha fatto parte di una grande dinastia delle corse americane, cominciata con suo zio Mario – campione di Formula 1 e vincitore della 500 Miglia di Indianapolis – e che continua tutt’oggi. John aveva iniziato a correre nella Formula Cart, vincendo una gara a Surfers Paradise nel 1991 e chiudendo 5° alla Indy 500 del 1991. Dal 1993 ha iniziato a correre in NASCAR, collezionando 393 partenze nella Cup Series in 17 stagioni e vincendo due volte; si aggiungono anche diverse presenze nella ex Busch Series e nella ex Camping World Truck Series. Dopo il ritiro, è rimasto coinvolto nell’ambiente organizzando la Race for Riley al Mark Dismore Karting Center di New Castle, in Indiana. Nel 2017, durante la Brickyard 400, aveva annunciato che stava lottando contro il cancro, che aveva raggiunto il quarto stadio.

I messaggi della comunità IndyCar

Tante le persone che hanno lasciato un ricordo, a cominciare da Marco Andretti: «Il miglior Padrino, la tua passione per il motorsport era ammirabile. Sempre i più buoni se ne vanno via troppo presto». Si aggiungono anche i tweet di Colton Herta, Zach Veach, di tutti i team della IndyCar. Per l’occasione, la torre di Indianapolis si è accesa col nome di John. Lascia la moglie Nancy, le figlie Olivia e Amelia più Jarett, che corre con le sprint car. Anche noi di Motorionline ci uniamo alle condoglianze.

Leggi altri articoli in Formule

Commenti chiusi

Articoli correlati