Caschi d’Oro e Volanti ACI, i premiati: da Pollara a Sticchi Damiani passando per Gasly e i protagonisti dei nostri rally

Panoramica sui principali premiati

Una stagione di alto livello nei nostri campionati, e non solo, è stata celebrata nella serata dei Caschi d'Oro e Volanti ACI: vediamo i principali riconoscimenti
Caschi d’Oro e Volanti ACI, i premiati: da Pollara a Sticchi Damiani passando per Gasly e i protagonisti dei nostri rally

Accantoniamo polemiche e controversie ed occupiamoci di alcuni dei premiati ai Caschi d’Oro e Volanti ACI, conferiti nello scorso weekend in una serata di gala a Milano.

Volante di Bronzo a Marco Pollara e gli altri riconoscimenti rally e non solo

Nella cinquantaquattresima edizione del format che per la seconda volta vede il connubio tra i riconoscimenti della rivista Autosprint e quelli della Federazione ha spiccato tra gli altri Marco Pollara, fresco trionfatore nel Campionato Italiano Rally Junior: il siculo ha ricevuto il Volante di Bronzo, ad attestare una stagione che lo ha visto salire sul gradino più alto del podio in quattro appuntamenti su sei della serie supportata da ACI Team Italia. Commenta Pollara: «[La serata dei Caschi d’Oro] è stata, a detta del presidente Angelo Sticchi Damiani, una passerella straordinaria di campionissimi e di giovani dalle grandi prospettive. Ecco, tra questi giovani c’ero anch’io e da qualche settimana inizio ad avere consapevolezza del mio futuro per la stagione 2020».Il pilota di Prizzi infatti ha conquistato di diritto la possibilità di disputare il Junior WRC come premio per il successo nel Tricolore, a partire dal Rally di Svezia e poi per altri quattro appuntamenti, tra cui il Rally Italia Sardegna.

«Sono molto felice di essere stato premiato – prosegue Pollara – e ringrazio Autosprint e la Federazione per questi premi. L’impegno del prossimo anno, con le gare del mondiale che andrò ad affrontare, avrà dei ritmi di gara molto alti, per questo già da qualche settimana sto puntando molto sulla preparazione atletica. Torno in Sicilia con ancora più entusiasmo e carica per affrontare la prossima stagione nel mondiale rally junior. È stato davvero emozionante essere premiato anche con il volante di bronzo, lo abbiamo ricevuto in tre, non me lo aspettavo ed è per me motivo di orgoglio. Il prossimo anno sarà una bella scommessa per me e per chi in questi anni mi ha seguito».

Risalendo nella graduatoria dei metalli dei Volanti, quello d’Argento è andato ad un protagonista nelle Auto Storiche, il campione italiano ed europeo Luigi Lucky Battistolli, colonna della specialità; infine, il Volante d’Oro al giovane Lorenzo Travisanutto, campione del mondo FIA nel karting, categoria OK, per il secondo anno di fila: titolo che il friulano quest’anno ha conquistato assieme a quello europeo.

Spazio poi al mondo dei rally di casa nostra, con il riconoscimento all’equipaggio vincitore del CIR 2019 Giandomenico Basso e Lorenzo Granai, ai campioni nel Tricolore Due Ruote Motrici Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella ed ai trionfatori nel CIR Asfalto, Andrea Crugnola e Pietro Ometto (quest’ultimo è salito sul palco per ritirare il premio). Non potevano mancare Luca Pedersoli ed Anna Tomasi, vincitori del Campionato Italiano WRC, anch’essi celebrati nella serata di gala.

Premiati anche Sticchi Damiani e Daniele Settimo di ACI Sport

Tra gli altri premiati citiamo Pierre Gasly, la giovane promessa della Formula 1 che ha saputo fronteggiare con lo spirito giusto la “retrocessione” in Toro Rosso avvenuta durante la stagione, e a sorpresa anche il presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani, che ha ricevuto il Casco d’Oro. Medesimo riconoscimento anche per il Presidente della Commissione Rally ACI Sport Daniele Settimo, per il suo impegnato soprattutto nella galassia delle Coppe di Zona e per il nuovo format della Coppa Italia la cui finale si è disputata al Trofeo ACI Como, uno degli aspetti più positivi di questa a tratti tormentata stagione delle nostre competizioni rallistiche.

«Un premio che desidero condividere con tutti i membri della commissione rally: tutti si impegnano a fondo verso la specialità e il lavoro continua a produrre dei risultati certamente apprezzabili», sono le parole di Settimo una volta salito sul palco per ritirare il riconoscimento. «Cerchiamo di guardare ai rally a tutto campo, sicuramente ascoltare i piloti, i team e gli organizzatori ci aiuta molto a tenere presente ogni esigenza, ma anche ad avere sempre chiara la situazione. Siamo soddisfatti dei risultati raggiunti anche in questo intenso 2019 e già vi sono le basi per un entusiasmante 2020».

Casco d’Oro alla Trento Bondone

Infine, passiamo dai rally alle cronoscalate, perché la Trento-Bondone è stata premiato anch’essa con un Casco d’Oro. Queste le parole del presidente della Scuderia Trentina, organizzatrice dell’evento, Fiorenzo Dalmeri: «È una grande gioia ed una importante gratificazione ricevere questo premio tanto ambito, che solo nomi leggendari ricevono: un lavoro intenso che richiede un impegno continuo, che nel 2019 ci ha visto organizzatori della competizione valida per il Campionato Italiano Velocità Montagna ed anche per il Campionato Europeo, poi a novembre Trento è stata la sede della Cerimonia di Premiazione FIA per la velocità in salita. Molte gratificazioni – conclude il Capitano della Nazionale Italiana Velocità Salita – per un gruppo appassionato ed efficiente».

Crediti Immagine di Copertina: ACI Sport


Leggi altri articoli in Eventi

Commenti chiusi

Articoli correlati