ETCR | Romeo Ferraris si lancia nell’elettrico con un’Alfa Romeo Giulia

Altro impegno del preparatore

Romeo Ferraris entra nell'ETCR con una Alfa Romeo Giulia completamente elettrica e preparata da loro.
ETCR | Romeo Ferraris si lancia nell’elettrico con un’Alfa Romeo Giulia

Dopo la già annunciata CUPRA e-Racer e con il (probabile) arrivo di Hyundai, è arrivato anche il momento di Alfa Romeo di entrare nell’ETCR: grazie a Romeo Ferraris – che già aveva preparato la Giulietta TCR che attualmente corre nel Mondiale col Team Mulsanne – ci sarà la Giulia completamente elettrica.

Un altro progetto Alfa Romeo per Romeo Ferraris

Il costruttore di Opera, impegnato nel nuovo restyling della Giulia Veloce, si è affermato in ogni campionato nazionale ed internazionale a cui ha partecipato. A seguito dell’annuncio della nascita del campionato ETCR, avvenuta solo 13 mesi fa, Romeo Ferraris ha deciso di appoggiare questa nuova filosofia, restando legato al marchio Alfa Romeo e progettando e sviluppando la Giulia ETCR. La natura strettamente privata del progetto, come avvenuto in precedenza per la Giulietta TCR ed ancora prima col FatFive, sia in versione Racing che Stradale, conferisce ancor più valore agli sforzi che Ferraris svolge senza il supporto delle case ufficiali, credendo fermamente nei propri principi di sana competizione sportiva, ma soprattutto riponendo piena fiducia nel proprio personale. Chissà se mai arriverà il Biscione a dare ulteriore appoggio col passare del tempo…

Le parole di Michela Cerruti

Intanto, Michela Cerruti, Romeo Ferraris Operations Manager, ha detto: «Siamo felici di poter annunciare l’inizio di una nuova avventura per il nostro marchio. Il mondo del turismo per noi è sempre stato molto affascinante e non è un caso che la nostra vittoriosa storia dell’ultimo ventennio sia incentrata su questo genere di auto. Dopo aver regalato all’Alfa Romeo Giulietta TCR il massimo del risultato raggiungibile sulla scena internazionale da un programma privato come il nostro, abbiamo deciso di tuffarci, forse anche con un briciolo di incoscienza, verso questo nuovo progetto del campionato ETCR. Nonostante vi siano ancora tante cose da chiarire, come è normale quando una così grande idea nasce da un foglio bianco, crediamo che il mondo dell’elettrico sia ormai la svolta necessaria da seguire non solo nel mondo stradale ma anche in quello delle corse. I nostri tecnici sono già al lavoro perché rispetto ad altri marchi che hanno già abbracciato questa filosofia noi stiamo partendo un po’ più tardi, ma con i limitati mezzi che abbiamo a disposizione come costruttore privato, cercheremo di tenere alto il nostro onore, come abbiamo sempre fatto sino ad ora».

Leggi altri articoli in Notizie

Commenti chiusi

Articoli correlati