WEC | Niente privati per le Hypercar, solo marchi automobilistici

A rischio ByKolles e Glickenhaus

La FIA ha deciso che solo i marchi automobilistici potranno portare in pista le Hypercar nel FIA WEC.
WEC | Niente privati per le Hypercar, solo marchi automobilistici

Una decisione davvero dura quella presa dal Consiglio Mondiale della FIA, riunitosi in questi giorni a Parigi: nella nuova classe delle Hypercar, che arriveranno nella prossima stagione del FIA World Endurance Championship, non potranno esserci team privati ma solo costruttori ufficiali e legati a un marchio automobilistico.

ByKolles a rischio, Glickenhaus nel limbo

Secondo un comunicato della FIA stessa, i partecipanti «possono entrare con un’auto omologata con il nome di un marchio automobilistico». Ciò significa che nessuna squadra che realizza solo vetture “artigianali” per le corse, anche se la definizione di “costruttore” non è ancora stata precisata. Un bel problema per quanto riguarda ByKolles, compagine tedesca che ha corso senza successo con la ENSO CLM P1/01 in LMP1 e intenzionata a partecipare al campionato. Potrebbe farcela invece Glickenhaus, uno dei primi ad aver annunciato un proprio veicolo presentando il proprio progetto; il miliardario statunitense vuole coinvolgere la sua Scuderia e avviare una piccola produzione di Gran Turismo, e proprio per questo verrà probabilmente incluso senza possedere i requisiti specifici richiesti.

Altre regole introdotte

Al momento, Toyota e Aston Martin hanno già messo in pista la propria Hypercar, mentre Peugeot ha annunciato la collaborazione con Rebellion per entrare poi nel 2021-22. La FIA, inoltre, ha confermato le titolazioni di Campione del Mondo: Hypercar piloti e costruttori e LMGTE piloti e costruttori. Ogni team delle Hypercar avrà un massimo di 40 persone se si tratta di auto “normali”, 43 per le ibride.

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati