Suzuki nel mondo della formazione: la Swift esposta al Salone di Job&Orienta

Suzuki presente con uno stand dedicato

Nel salone di Job&Orienta, dedicato al mondo della formazione per i giovani, sarà presente anche Suzuki con la Swift Sport, auto ufficiale dell'ACI Rally Italia Talent
Suzuki nel mondo della formazione: la Swift esposta al Salone di Job&Orienta

Suzuki e i giovani, un legame sempre più stretto nell’ottica di far crescere le nuove leve in questo caso nel mondo dei rally nostrani, ultimamente un po’ tormentati; ma c’è sempre bisogno di una crescita e di nuovi innesti in questo settore.

La casa di Hamamatsu non a caso anche per il prossimo anno collaborerà con ACI Sport per la nuova edizione del Rally Italia Talent, il format che mira a scovare i talenti della disciplina del futuro e che si disputa lungo varie tappe di selezione, sempre con protagoniste uniche le Suzuki Swift Sport, vetture ufficiali dell’iniziativa. In palio, ricordiamo, la partecipazione a costo zero per gare selezionate all’interno del Campionato Italiano Rally o uno dei Trofei di ACI Sport. Un prologo della stagione 2020 del Rally Italia Talent è stato messo in scena all’Adria Motor Week dello scorso weekend, con quattro Swift (una in modalità skid car) a disposizione degli iscritti.

Lo stand Suzuki al Job&Orienta

Da un weekend all’altro: Suzuki questo fine settimana (dal 28 al 30 novembre, ad essere precisi) sarà presente con uno stand dedicato alla 29esima edizione del Job&Orienta, salone consacrato all’orientamento ed anche alla formazione e al mondo della scuola e del lavoro. L’evento si terrà alla Fiera di Verona, e la casa giapponese sarà ospitata dalla sezione veronese di ACI esponendo la Swift Sport.

Quindi, in un contesto dedicato all’incontro tra domanda ed offerta di lavoro per i più giovani e alla loro formazione accademica e professionale, Suzuki presenterà una alternativa spesso ritenuta di nicchia ma che potrebbe riservare più di una soddisfazione ai nostri giovani, se riescono a ritagliarsi i propri spazi e se gli sponsor crederanno sempre di più in questa disciplina (motivo per cui una situazione come quella che attualmente sta vivendo il nostro massimo campionato deve essere risolta in maniera efficace e tempestiva): ovvero quello della carriera da rallista. Magari partendo dalla Swift, con a fianco un professionista del settore che possa far crescere il pilota in erba.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati