WRC | Neuville, Sordo e Loeb schierati in Catalogna per la difesa della leadership di Hyundai

Hyundai punta al titolo costruttori

Il WRC è nelle sue fasi finali così come la lotta di Hyundai Motorsport per preservare il primato tra i costruttori. Le dichiarazioni dei piloti alla vigilia del Rally di Catalogna
WRC | Neuville, Sordo e Loeb schierati in Catalogna per la difesa della leadership di Hyundai

Prossima al traguardo della stagione 2019 del WRC, Hyundai Motorsport si prepara a difendere e se possibile estendere il vantaggio nella classifica costruttori nel penultimo appuntamento del campionato, il RACC – Rally di Catalogna del 24-27 ottobre prossimi.

“Non possono esserci occasioni perse”

La gara su fondo misto vedrà il team guidato da Andrea Adamo lottare per cercare di tenere a bada gli avversari di Toyota Gazoo Racing: lo sprint per il Mondiale alla fine è ristretto a queste due squadre, parlando del campionato costruttori. Hyundai è attualmente in testa con 340 punti, ma solo otto in più rispetto al team di Tommi Mäkinen: un vantaggio risicato che non sarà facile da difendere dagli assalti Toyota. Tuttavia la scuderia di Alzenau può contare sulle prestazioni dei propri equipaggi, sempre andati a punti quest’anno (a differenza dei rivali), e capaci di salire a podio nelle ultime tre gare disputate.

«Abbiamo un unico obiettivo nel Rally di Catalogna, ovvero quello di estendere la nostra leadership nel campionato costruttori. Sappiamo che è tutt’altro che semplice con il livello di competizione che abbiamo visto nel Mondiale in questa stagione, ma daremo tutto ciò che abbiamo. Sono rimasti solo due eventi e non ci possono essere occasioni perse», chiarisce Adamo con la fiducia di chi ha fatto ciò che doveva fare per non mancare l’obiettivo.

Neuville prova a tenere in vita le speranze per il mondiale piloti

La disposizione della line-up infatti è fondamentale per riuscire ad ottenere il meglio adattandosi ad ogni gara che si affronta. Nella infuocata Catalogna (e no, non ci stiamo riferendo alle temperature ma al recente evolversi della situazione politica e sociale) ritroveremo ovviamente Thierry Neuville, reduce dal secondo posto al Rally del Galles dopo un periodo un po’ avaro di risultati importanti per il belga. Motivo per cui la sua corsa al titolo piloti è un po’ compromessa, nel senso che è attualmente terzo ma a ben 41 punti di distanza dal leader Ott Tanak.

Neuville chiuse terzo in Catalogna nel 2016, per poi ritirarsi l’anno dopo e finire quarto nel 2018. Commenta il pilota navigato da Nicolas Gilsoul: «Il Rally di Catalogna è un evento unico con caratteristiche molto specifiche. È davvero il solo ad avere caratteristiche del genere nel calendario», dice riferendosi al fatto che il RACC si svolge su fondo misto, ovvero sterrato il venerdì e asfalto nei due giorni successivi, con tutte le difficoltà associate nel cambio del set-up delle vetture. «Abbiamo dimostrato che siamo forti contendenti in entrambe le superfici quest’anno e continueremo a spingere il più forte possibile per il campionato», conclude. In effetti Hyundai si è ben difesa anche sugli asfalti in questa stagione, con la vittoria di Neuville in Corsica e il podio con i buoni risultati della squadra (al netto della sfortuna del belga) in Germania.

Hyundai richiama Sordo e Loeb per la Catalogna

A dare man forte al team ci penserà anche il pilota di casa Dani Sordo, quinto l’anno scorso, sette volte sul podio in carriera e nella top five finale del Tour De Corse e Rally di Germania di quest’anno. Fresco di rinnovo con la squadra per il prossimo anno, lo spagnolo afferma di «non vedere l’ora» di rimettersi a bordo della Hyundai i20 Coupé WRC in Catalogna: «Questo è sempre un evento molto speciale visto che gareggiamo sia su sterrato che su asfalto nello stesso fine settimana. È un bene iniziare con la terra. Con la nostra posizione di partenza vantaggiosa, mentre corriamo, possiamo sperare di guadagnare un po’ di tempo. Dopodiché ci sarà una grande battaglia sull’asfalto, dato che ci sono piloti veloci in ogni squadra, quindi promette di essere un weekend emozionante. Il fatto che corriamo in Spagna, inoltre, è una doppia motivazione per me. Gli spettatori vengono a vedere tutti, ma penso che normalmente supportino i piloti spagnoli un po’ più degli altri!».

Infine l’altro pilota schierato sarà Sébastien Loeb, che torna a gareggiare con la squadra dall’ultima volta in Portogallo. Ben quattro gli eventi saltati dall’alsaziano per decisione condivisa con il team, che ritorna però nella gara che lo ha visto ben nove volte trionfatore, tra cui il successo ottenuto l’anno scorso (ma allora correva come wild card di Citroen).

«Il Rally di Catalogna è una gara che mi è sempre piaciuta. L’ho vinto molte volte, ma quello che mi piace di più di questo evento è la posizione: è un bel posto vicino al mare. Siamo fiduciosi di poter essere al passo con i tempi e supportare il team per estendere il vantaggio nella battaglia dei costruttori», ha sentenziato Loeb. Tutti gli equipaggi schierati arrivano da una sessione di test pre-evento nella regione di Tarragona, svolta nei giorni scorsi.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati