Prosegue lo sviluppo della nuova Peugeot 208 R2 [VIDEO]

La nuova Peugeot 208 R2 in azione

Scopriamo i test su strada della nuova Peugeot 208 R2 sugli asfalti francesi: il video e quello che sappiamo sui dettagli tecnici
Prosegue lo sviluppo della nuova Peugeot 208 R2 [VIDEO]

La prossima stagione vedrà il debutto in società (leggasi: nelle gare rally) della nuova Peugeot 208 R2, la vettura che segue le tracce della versione stradale la cui nuova versione è entrata sul mercato proprio quest’anno.

Lo scorso aprile vi avevamo fornito i primi dettagli, foto e video dell’auto destinata alle competizioni e che sostituirà il precedente modello introdotto nel 2012. La casa del Leone, sulla scorta di quanto stanno facendo concorrenti come Ford e Skoda, rinnova così il proprio parco rally grazie anche alle novità introdotte nel nuovo modello stradale: la due ruote motrici dovrebbe essere consegnata ai team clienti nel 2020, e nel frattempo procede con la fase di sviluppo e, contestualmente, dei test.

Le specifiche (fino ad ora trapelate) della nuova Peugeot 208 R2

Nel video in testa all’articolo, diffuso da ARrallye Production su autorizzazione di Peugeot Sport, vediamo alcuni giri effettuati dalla vettura con a bordo il già campione nazionale francese Asfalto Yoann Bonato ed il già WRC3 Jean-Baptiste Franceschi. Proprio sul cemento delle strade transalpine (ma verranno ovviamente approntate dello specifiche anche per lo sterrato) la nuova 208 R2 inizia a dar prova della propria anima dove alberga un motore turbo 1,2 litri PureTech da 3 cilindri, una delle novità che propone la rombante Peugeot. Questo dovrebbe consentire all’auto di portare la propria potenza a 200 cavalli in luogo dei 185 della versione precedente (non abbiamo ancora dettagli certi, in ogni caso); inoltre la 208 R2 dovrebbe essere più leggera rispetto alla progenitrice, grazie alla nuova piattaforma CMP che consente appunto una riduzione del peso.

L’obiettivo che trapela da Peugeot Sport è la realizzazione di una vettura affidabile, competitiva e divertente da usare. Siamo ancora nella fase se non embrionale, di pieno sviluppo: il prossimo anno potremo valutare (soprattutto i piloti che la guideranno) se questo obiettivo verrà centrato.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati