Porsche Carrera Cup Italia | Vallelunga, Gara 1 e 2: vittorie a Cercqui e Fulgenzi, Iaquinta nuovo leader

Il resoconto del weekend

La Porsche Carrera Cup Italia ha visto vincitori Alberto Cerqui e Enrico Fulgenzi nelle due gare di Vallelunga.
Porsche Carrera Cup Italia | Vallelunga, Gara 1 e 2: vittorie a Cercqui e Fulgenzi, Iaquinta nuovo leader

Un weekend ricco di emozioni quello che ha vissuto la Porsche Carrera Cup Italia a Vallelunga, dove ha visto uscire vincitori Alberto Cerqui in Gara 1 e Enrico Fulgenzi in Gara 2. Simone Iaquinta balza al comando della classifica assoluta.

Porsche Carrera Cup Italia – Vallelunga, Gara 1: la cronaca

Alberto Cerqui ha dominato dalla pole position Gara 1 del quinto round stagionale. Il 27enne pilota bresciano di Dinamic Motorsport è scattato bene allo spegnimento dei semafori e cogliendo anche il giro più veloce della corsa ha tagliato il traguardo davanti a tutti precedendo sul podio Enrico Fulgenzi (Tsunami RT – Centro Porsche Latina) e Patrick Kujala (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo), emersi dagli intensi duelli che si sono susseguiti alle spalle del leader. Complimentatosi con Cerqui a fine gara, Fulgenzi, che scattava terzo in griglia, ha scavalcato Diego Bertonelli (Q8 Hi Perform) nelle fasi iniziali della gara e ha poi provato ad attaccare il rivale bresciano, rimanendo costantemente vicino ma senza mai riuscire a prenderne la scia. Altissimo il ritmo imposto dai due battistrada, dietro ai quali Bertonelli, nel frattempo superato anche da Simone Iaquinta, ha visto sfumare le speranze di podio dopo aver scontato il drive through comminatogli in conseguenza di una toccata che ha mandato in testacoda il pilota di Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano, di fatto rovinando la gara di entrambi.

Con Bertonelli fuori dai punti e Iaquinta soltanto settimo al traguardo, sul podio è così salito Kujala, seguito in quarta posizione da Davide Di Benedetto, messosi in luce con il miglior piazzamento stagionale per Ombra Racing – Centro Porsche Catania, e da Jaden Conwright. Il 20enne californiano di Dinamic Motorsport – Centro Porsche Bologna ha completato la top-5 cogliendo un piazzamento molto importante per il suo campionato. Grazie al quinto posto finale dopo una non brillante qualifica che lo vedeva alle spalle di tutti i suoi rivali per il titolo, il rookie statunitense resta al comando della classifica e anzi allunga di qualche punto sia su Iaquinta, ora secondo, sia su Bertonelli, mentre Kujala torna a rosicchiare terreno.

Porsche Carrera Cup Italia – Vallelunga, Gara 2: la cronaca

Dopo il successo di Alberto Cerqui sabato in gara 1, a Vallelunga gara 2 incorona Enrico Fulgenzi, vincitore in rimonta dal quinto al primo posto con la 911 GT3 Cup di Tsunami RT – Centro Porsche Latina e festeggiato sul podio del tracciato capitolino insieme a Simone Iaquinta, secondo per Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano e nuovo capoclassifica della Carrera Cup Italia, e allo stesso Cerqui, che per Dinamic Motorsport ha concluso terzo. Oltre allo spettacolo che hanno offerto le rimonte dei tre protagonisti sul podio, la gara domenicale del ha vissuto due colpi di scena cruciali nella rincorsa al titolo che hanno estromesso dalla zona punti quelli che ora sono i primi tre inseguitori di Iaquinta: Jaden Conwright (Dinamic Motorsprot – Centro Porsche Bologna), Diego Bertonelli (Q8 Hi Perform) e Patrick Kujala (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo). Due giri dopo il via, quando il poleman Stefano Monaco era ancora in testa con la 911 GT3 Cup di AB Racing – Centri Porsche di Roma, proprio Kujala ha tamponato Conwright, costringendo il giovane pilota californiano, finito in testacoda, a rimontare dal fondo, mentre il driver finlandese ha mestamente concluso la sua corsa ai box con l’anteriore danneggiato.

Mentre Monaco veniva rimontato dagli scatenati Fulgenzi (autore anche del giro più veloce), Iaquinta e Cerqui e poi costretto al ritiro con un cerchio rotto a causa di un contatto, Conwright iniziava una strepitosa rimonta tornando in zona punti, ma il settimo posto conquistato al traguardo è stato di fatto cancellato dalla penalità di 25 secondi rimediata per partenza anticipata. Anche Bertonelli, scattato dalla sesta fila dopo l’11° posto di Gara 1, ha impostato una gara tutta in rimonta, ma a un minuto dalla fine è stato costretto al ritiro mentre occupava la quarta posizione dopo essere rimasto fermo sulla pista all’esterno di una curva a causa di un inconveniente all’alimentazione (la direzione gara ha quindi impiegato la safety car per ragioni di sicurezza proprio all’ultimo giro).

 Sotto al podio, ha così guadagnato la quarta posizione Davide Di Benedetto. Il pilota siciliano di Ombra Racing – Centro Porsche Catania ha duellato a lungo con i migliori bissando il miglior risultato stagionale colto anche in gara 1 sabato, mentre in quinta posizione è risalito Francesco Massimo De Luca, pilota di casa di AB Racing – Centri Porsche di Roma a sua volta al miglior risultato mai raggiunto nel monomarca tricolore. Un altro giovane rookie come Mickael Grosso (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche di Milano) ha agguantato il sesto posto grazie a una gara combattiva, mentre Marco Cassarà, settimo per Ombra Racing – Centro Porsche Torino, ha concluso settimo assoluto e primo dei protagonisti della Michelin Cup. Il gentleman driver romano ha così colto il secondo successo nel weekend casalingo e ha allungato ulteriormente nella classifica di categoria su Alex De Giacomi (Tsunami RT – Centro Porsche Padova; 3° di classe in gara 2) e sul campione in carica Bashar Mardini (GDL Racing – Centro Porsche Verona; 2°).

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Monomarca

Commenti chiusi

Articoli correlati