CIR

CIR | Rally Friuli Venezia Giulia 2019, i protagonisti attesi

La startlist del Rally Friuli Venezia Giulia

Il sesto appuntamento del Campionato Italiano Rally svela la sua start list: ecco i protagonisti principali che vedremo al Rally Friuli Venezia Giulia, a cominciare dalla lotta per il titolo
CIR | Rally Friuli Venezia Giulia 2019, i protagonisti attesi

Archiviata una discreta pausa estiva per far tirare il fiato dopo cinque appuntamenti di fila, il Campionato Italiano Rally 2019 riparte questo weekend di fine agosto con il Rally del Friuli Venezia Giulia.

Dopo la presentazione dell’evento del 30-31 agosto con il percorso e gli orari, diamo ora uno sguardo d’insieme ai principali protagonisti al via della 54esima edizione della competizione messa in piedi dalla Scuderia Friuli Automobile Club Udine, al suo ritorno nel CIR dopo due anni di assenza ed un interregno nel Tricolore WRC.

I quattro equipaggi più in vista al Rally Friuli Venezia Giulia

Tra i 115 iscritti totali 56 correranno per il Campionato Italiano, a cominciare dalla lotta per il titolo ascrivibile principalmente a quattro piloti (più o meno come era avvenuto alla fine della scorsa stagione), capeggiati da Giandomenico Basso, attuale leader del CIR dopo cinque appuntamenti, tre vittorie (tra cui il recentissimo trionfo al Rally di Roma Capitale, valido anche per l’ERC,) ed un podio. Il veterano dei rally a bordo della Skoda Fabia R5, tornata a metà stagione con i colori di Metior Sport, assieme all’inossidabile copilota Lorenzo Granai guida la classifica del Tricolore con 64,50 punti e punta a replicare la vittoria che ottenne nel Friuli Venezia Giulia di tre anni fa.

Ad inseguire Basso troviamo anzitutto Simone Campedelli, a quota 51,75 punti: il pilota che divide l’abitacolo con Tania Canton sulla nuova Ford Fiesta R5 (che ha debuttato con buoni risultati al Roma Capitale, dopo qualche prova speciale di rodaggio) si presenta per la settima volta in carriera al Friuli Venezia Giulia dopo l’ultima partecipazione avvenuta nel 2016 (prima cioè che la gara entrasse nel CIWRC), in cui colse un terzo posto assoluto ed un primo nella categoria asfalto. Il cesenate è carico per tentare la rimonta, ribaltare la classifica e lanciarsi verso gli ultimi tre appuntamenti della stagione per ottenere quel titolo italiano che tanto brama.

Ma dovrà guardarsi da un agguerrito avversario che si trova a soli 5,25 punti da lui in classifica, ovvero l’esperto Luca Rossetti. Esperto non per tanto per dire, perché il pilota che quest’anno ha debuttato con la Citroen C3 R5 assieme alla navigatrice Eleonora Mori ha già corso nella prova di casa più di decina di volte, vincendo nel 2008 e nel 2011. Carico a pallettoni visto che correrà sulle “sue” strade, Rossetti punta ad ottenere il primo successo nel suo anno di ritorno nel CIR dopo una serie di piazzamenti in crescendo.

Infine, nel quartetto d’archi del Tricolore 2019 c’è un solista che possiamo considerare la mina vagante del campionato, ovvero Andrea Crugnola. Anch’esso in lizza per la lotta finale al titolo, il varesino a bordo della Skoda Fabia R5 di HK Racing è reduce dalla sontuosa performance al Roma Capitale, culminata con un podio, e prima ancora dalla vittoria in Gara 1 al Rally Italia Sardegna. Intanto, Crugnola è attualmente leader incontrastato della classifica Asfalto, categoria di cui è campione nazionale uscente, e si trova assieme al navigatore Pietro Ometto a 6,25 punti da Rossetti nella assoluta di campionato.

I protagonisti nella categoria Asfalto e Due Ruote Motrici

A proposito di CIR Asfalto, ritroveremo in lotta per questa categoria Rudy Michelini, sesto assoluto con Michele Perna su Skoda Fabia R5 (davanti a loro ci sarebbe Craig Breen, ormai proteso verso altri lidi rallistici) e fresco reduce dal successo alla Coppa Città di Lucca: il testimonial dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla cercherà di riscattare il ritiro avvenuto al Roma Capitale. Tra i suoi avversari citiamo Antonio Rusce, che sulla Skoda Fabia R5 avrà nuovamente al suo fianco Sauro Farnocchia e correrà il suo secondo Rally Friuli Venezia Giulia dopo il debutto nel 2016; Stefano Albertini, che invece in questa gara ha trionfato negli ultimi due anni quando gareggiava nel CIWRC ed Alessio Profeta che chiude al momento la classifica 2019 del CIRA.

Al via anche Alessandro Perico, alla prima gara ufficiale di quest’anno dopo alcuni mesi di pausa dalle corse, sempre a bordo della Skoda Fabia R5 e di ritorno nella prova friulana dopo averla disputata l’ultima volta nel 2016, e poi la pattuglia delle Due Ruote Motrici dove comandano in maniera perentoria Tommaso Ciuffi e Nicolò Gonella, primi di classe in tutte le prove del CIR disputate quest’anno. Contro l’equipaggio ufficiale Peugeot Italia sulla 208 R2 si schiererà Davide Nicelli Jr. sula stessa vettura, attualmente in lotta con Luca Panzani (assente anche in questa gara dopo il Roma Capitale) per il secondo posto del 2RM (i due sono distanti solo quattro lunghezze). Nicelli è iscritto al Peugeot Competition 208 Rally Cup TOP, che rinnova l’appuntamento in Friuli Venezia Giulia con il parterre di sfidanti che contempla anche Giorgio Cogni e Giacomo Guglielmini.

Sempre nelle Due Ruote Motrici avremo al via anche Rachele Somaschini, a bordo della Citroen DS3 R3T ed al debutto nella prova friulana (e che ha annunciato novità nel suo programma che verranno svelate prossimamente), Patrizia Perosino su Peugeot 208 R2 e leader con un punto e mezzo di vantaggio sulla Somaschini nella Classifica Femminile e Jacopo Trevisani (sempre sulla 208 R2).

Torna il CIR Junior

Le R2 saranno le vetture (per la precisione, le Ford Fiesta) che animeranno il nuovo round del Campionato Italiano Rally Junior, giunto alla fase più calda. Vedremo in azione il leader Marco Pollara, che dovrà però difendere il suo esiguo vantaggio in classifica di soli 3,5 punti da Giuseppe Testa, trionfatore tra i Junior al Roma Capitale. Al via anche Mattia Vita, attualmente terzo, Andrea Mazzocchi e Pasquale Pucella.

Infine, le R1, in cui spicca la presenza di Daniele Campanaro, vittorioso a Roma con la nuova Ford Fiesta alla sua prima uscita nel campionato. Nella stessa classe gareggerà Andrea Scalzotto, a sua volta leader nel Suzuki Rally Cup, che approfondiremo nei prossimi giorni.

Crediti Immagine di Copertina: ACI Sport

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in CIR

Commenti chiusi

Articoli correlati