WRC | Craig Breen sempre più nell’orbita di Hyundai. Niente Rally Germania per Loeb

Le ultime da Hyundai Motorsport

Continua l'esperienza in Hyundai Motorsport di Craig Breen, che forse potrebbe tornare ancora nel WRC di quest'anno. Sebastien Loeb, intanto, salta il Rally di Germania
WRC | Craig Breen sempre più nell’orbita di Hyundai. Niente Rally Germania per Loeb

Una cosa è certa: quest’anno con Hyundai Motorsport non ci si annoia. Il team infatti sta riservando più di un colpo di scena quando si parla di alchimie interne della squadra, con equipaggi spostati o inseriti ex abrupto a seconda dell’opportunità.

Craig Breen all’Ulster Rally con la Hyundai i20, e poi?

Prendiamo Craig Breen: quanti si sarebbero aspettati il suo ingresso nella scuderia di Alzenau per guidare la terza Hyundai i20 Coupé WRC in occasione del precedente Rally di Finlandia? Ed invece l’irlandese, con alle note Paul Nagle, ha disputato anche con buon profitto (settimo posto finale) la prova scandinava , guidando la i20 per la prima volta (seconda se si considera l’evento promozionale per il WRC di qualche weekend prima al Rally Estonia) nel Mondiale, nonché praticamente alla sua prima uscita nel 2019 su fondo terra.

Si vocifera perciò che Breen possa avere altre due opportunità con Hyundai nel WRC, allungando così la sua improvvisa stagione nella massima serie rallistica (non ditelo al povero Hayden Paddon, altro pilota di razza rimasto quest’anno fuori dal Mondiale, senza avere neppure la chance di rientrare in Finlandia con M-Sport). Pare che le prossime destinazioni possano essere il Rally di Turchia a settembre e quello del Galles in ottobre; nell’attesa di avere maggiori riscontri (ma con un team principal come Andrea Adamo le sorprese sono nell’ordine delle possibilità, come abbiamo imparato quest’anno e come vedremo a breve) l’irlandese tornerà una terza volta a bordo della i20, però non WRC ma nella classe R5.

Questo avverrà all’Ulster Rally, inserito nel Campionato sia Britannico che Irlandese su Asfalto e che si disputerà nel weekend tra il 16 e il 17 agosto: una competizione che sul versante irlandese il pilota conosce bene, visto che quest’anno sta difatti affrontando il calendario nazionale delle gare rally, vincendo quattro appuntamenti su cinque disputati sino ad ora. Si tratterà però della prima volta di Breen sul fondo cemento con la vettura coreana, anche se non in classe WRC come è stato negli appuntamenti su sterrato disputati sino ad ora. Sembra che Hyundai voglia perciò puntare sempre di più sull’irlandese, che ha vissuto una prima parte di stagione vagando da un campionato all’altro e da una vettura all’altra, correndo anche qualche gara del nostro Tricolore con la Skoda Fabia R5 del team Meteo Corse (e vincendo pure al Rallye Sanremo).

Poi la svolta inaspettata con la convocazione per la prova iridata finlandese, che se non fosse stato per le tattiche di squadra che hanno imposto a Breen di cedere la sua sesta posizione al compagno Thierry Neuville sarebbe stata ancora più fortunata per il pilota. «Sono stati dei mesi duri lontani dalle corse – spiega Breen ai microfoni di WRC.com – e non ero certo di quanto rapidamente potessi tornare ai ritmi di un tempo, ma sono felice per gli esiti dell’intero weekend e della velocità che abbiamo mostrato. Non potevo chiedere un momento migliore. Già nello shakedown [chiuso al terzo posto, ndr] mi sentivo a mio agio e sicuro di tutto, ma penso che ci vorrà ancora del tempo per abituarmi completamente alla vettura».

L’ex alfiere di Citroen Racing ammette di non avere certezze sull’immediato futuro, e di concentrarsi per ora al prossimo appuntamento dell’Ulster Rally, «perciò posso solo lasciare le altre questioni nelle mani di persone che ne sanno meglio di me». E sentenzia: «Io voglio tornare subito nel giro del WRC se possibile, ma purtroppo non è una decisione che spetta a me».

Poi scherza sul fatto che abbia corso tutti gli appuntamenti del Campionato Irlandese Asfalto (sino all’Ulster, con una Ford Fiesta R5): «A questo punto, completerò il mio bingo nella R5, li ho guidati tutti!».

Loeb spiega la sua esclusione dal Rally di Germania

Intanto, in vista del prossimo round del WRC il team principal di Hyundai Motorsport Andrea Adamo spariglia ancora una volta le carte e mina le certezze degli addetti ai lavori, schierano al Rally di Germania la stessa formazione vista al Rally Italia Sardegna: Thierry Neuville, Andreas Mikkelsen e Dani Sordo. Una decisione che prende in contropiede chi si sarebbe aspettato di vedere Sébastien Loeb a bordo della terza i20 WRC, giacché il Germania si corre su asfalto e il francese si era allenato a correre con la vettura coreana su questo tipo di fondo in appuntamenti come il nostrano Rally di Alba o la prova di casa dell’alsaziano, il Rally dei Vosgi, per volere della stessa scuderia.

Ancora una volta nessun caso interno a Hyundai Motorsport, perché lo stesso Loeb provvede a spazzare via qualunque tipo di dubbio con un post sulla sua pagina Facebook: augurando il meglio al team in trasferta in terra teutonica, il pluricampione del mondo rally spiega che non ci sono mai state comunicazioni ufficiali, ad inizio stagione, in merito alla presenza sua e del copilota Daniel Elena in Germania. Per una serie di motivi, prosegue, questa prova non era nei loro programmi, tra cui principalmente il fatto di dover affrontare strade con condizioni particolari in caso di pioggia, partendo dalle posizioni arretrate. Sia lui che il navigatore sostengono le scelte della squadra, e si dice infine pronto ad aiutarla a raggiungere il titolo costruttori quando verrà il loro turno ad essere convocati.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati