WRC | Il Rally Finlandia di Hayden Paddon, finito prima di iniziare [VIDEO]

L'incredibile incidente di Paddon

Durante i test di preparazione al suo rientro nel WRC (in occasione del Rally di Finlandia) Hayden Paddon è protagonista di un incidente che distrugge la Ford Fiesta WRC e le sue chance di ritorno nel Mondiale
WRC | Il Rally Finlandia di Hayden Paddon, finito prima di iniziare [VIDEO]

Era tutto pronto: la Ford Fiesta WRC, la livrea speciale che richiamava sulle fiancate la felce argentata simbolo del suo Paese, il numero di gara 20, ricco di significati per il pilota. Ed invece il ritorno nel Mondiale Rally di Hayden Paddon (sebbene, al momento, per il solo evento del Rally di Finlandia) è saltato.

L’ormai mancato ritorno di Paddon nel WRC

Contestualizziamo prima di spiegare cosa è successo: senza partire dalla Genesi, ricordiamo che la scorsa stagione il contratto del neozelandese con Hyundai Motorsport era stato rescisso, lasciando così appiedato il pilota che dal 2014 correva nel WRC con la casa coreana. Confinato (tra virgolette) nella sua terra natia a disputare con successo come uomo immagine Hyundai gare nazionali come il Rally Otago, il Rally Whangarei o il South Canterbury, Paddon – dopo l’ingaggio a sorpresa di Craig Breen da parte di Hyundai Motorsport come terzo pilota per il Rally di Finlandia – decise di avere pure lui la sua chance di rientro nel Mondiale. Deluso per non essere stato convocato nuovamente dal team di Andrea Adamo ma conscio di poter ancora dire la sua in un contesto iridato, ha così aperto i contatti con M-Sport Ford, che lo ha accolto tra le sue fila come terza guida nell’evento scandinavo.

Quindi, ormai era cosa fatta come abbiamo scritto all’inizio: Paddon era pronto per il ritorno nel Mondiale con la Ford Fiesta WRC, richiamando il suo debutto iridato nel 2013 proprio con una vettura della casa americana (in quel frangente, la Fiesta RS WRC) avvenuto nel 2013. L’avvicinamento al Rally di Finlandia contemplava ovviamente una sessione di test, cominciata ieri dalla mattinata. Il neozelandese assieme al navigatore John Kennard era partito bene, mostrando le prestazioni a cui ci aveva abituato sino alla sua ultima apparizione mondiale al Rally di Australia dell’anno scorso, dove terminò secondo.

La dinamica dell’incidente di Paddon

Poi però avviene l’imprevisto che un pilota di rally sa che può avvenire, a volte per sfortuna, a volta per dabbenaggine. L’equipaggio percorre una curva destrorsa introdotta da un leggero dosso tale da renderla all’inizio praticamente cieca, ma centra un masso posto proprio sulla strada. La vettura si ribalta e vola fuori dalla strada, rimediando dei danni ingenti soprattutto all’anteriore, come si vede dalle foto twittate da un utente e dalla clip video in testa all’articolo (realizzata da AL Rallymedia).

Equipaggio fortunatamente illeso nonostante il volo, ma inutili i tentativi di recupero della vettura: il ritorno nel WRC di Hayden Paddon finisce prima di iniziare, per ora. Lo stesso pilota offrirà poi la sua versione dei fatti tramite i suoi profili social.

Visualizza questo post su Instagram

Unfortunately our test that started so well today didn’t end as well. The Fiesta WRC car was feeling great and pleasantly surprised how quickly we were able to get to grips with it. However a rock in the middle of a 6th gear corner lifted the front of the car off line and the rest is history at that speed on a narrow section of stage. John and I are both ok and thank you for everyone’s messages. Incredibly sorry for the team and everyone back home in NZ who made this event possible. With the damage sustained we will be unable to start the event. Where to next…..who knows. But it’s great to have the support of M-Sport at present. Motor sport can be cruel, but it is these highs and lows that makes us stronger and keeps bringing us back – fans and competitors alike. Best of luck to everyone competing this weekend.

Un post condiviso da Hayden Paddon (@haydenpaddon) in data:

In sostanza, il pilota si rammarica per come siano andate le cose visto che il feeling con la vettura era ottimo («sorprendentemente piacevole quanto velocemente siamo riusciti a ottenere il giusto grip»). Dettosi poi dispiaciuto per il team e tutti coloro che hanno collaborato per il suo ritorno, Paddon rivela di non sapere cosa attende il suo futuro, ma si concentra per ora sul supporto che M-Sport gli ha fornito e, chissà, gli fornirà . «Il motorsport può essere crudele, ma questi sono gli alti e bassi che rendono più forti», chiosa il kiwi, per ora nuovamente appiedato.

E il motorsport è stato nondimeno crudele con M-Sport, perché non ci sono altre vetture disponibili per sostituire quella compromessa e, fosse anche stato, mancherebbero i tempi tecnici per la logistica e la consegna. Un’altra tegola per il team di Richard Millener per il quale questo Rally di Finlandia si sta rivelando una ascesa al monte Calvario: solo pochi giorni fa è arrivata la notizia ufficiale del forfait del proprio pilota ufficiale, Elfyn Evans, che salterà l’evento scandinavo per problemi fisici (ne parlammo qui). In questo caso M-Sport ha il sostituto in casa, ovvero Gus Greensmith, ma il piano di schierare tre vetture WRC Plus in Finlandia è definitivamente tramontato. Salvo improbabili colpi di scena.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati