ERC | Munster e Lundberg, Opel Junior, alla prova del Rally Roma Capitale tra piazzamenti e guai fisici

Come sono andati i piloti Opel Junior

Al Rally di Roma Capitale Gregoire Munster ed Elias Lundberg, piloti Opel Junior ottengono risultati controversi nella lotta per l'ERC3 Junior
ERC | Munster e Lundberg, Opel Junior, alla prova del Rally Roma Capitale tra piazzamenti e guai fisici

Ritorniamo a parlare dei giovani equipaggi dell’ADAC Opel Rallye Junior Team che stanno affrontando la loro prima stagione nel Campionato Europeo con la squadra. Per essere precisi, Grégoire Munster e Elias Lundberg, sulle Opel Adam R2 ufficiali, stanno attualmente lottando per la classifica del FIA ERC3 Junior, campionato che ha svolto la sua penultima tappa al Rally di Roma Capitale dello scorso weekend.

Munster conclude il Roma Capitale ma paga una penalità

Partiamo allora da Munster e dal suo navigatore Louis Louka, che reduci da due appuntamenti consecutivi dell’ERC all’insegna della sfortuna (ritiri al Liepāja e al Polonia) tirano un po’ il fiato con un quinto posto sulle strade ciociare. Anche qui però il diavolo si nasconde nei dettagli, perché il ventenne belga commette uno sbaglio nella PS5, impattando leggermente con la Adam il cordolo di una rotatoria, cosa che ha destabilizzato la vettura compromettendo la funzionalità dello sterzo e dell’albero motore. Risultato: l’impossibilità di concludere la prima tappa per l’equipaggio sulla Opel. A ciò si aggiunge poi la penalità di sette minuti a prova speciale saltata, per un totale di quattordici minuti, che gli avrebbero azzoppati nel proseguimento del rally. Munster però scaccia l’incubo di un terzo ritiro consecutivo grazie all’eccellente lavoro dei meccanici che consentono così all’equipaggio di ripartire il giorno dopo, conquistando pure i migliori tempi nella PS14 e 15. Per via però della penalità detta poc’anzi, il belga saluta un possibile podio accontentandosi del quinto posto: ancora una volta la sfortuna ha regolato i conti con il giovane equipaggio, che chiude a poco più di tredici minuti dal vincitore Ken Torn.

«Quello che è accaduto nella prova speciale 5 è tutta colpa mia. Mi scuso nei confronti di Louis e di tutto il team. L’errore mi ha fatto arrabbiare ancora di più perché sarebbe stato possibile finire ancora sul podio», ha poi affermato un affranto Munster. Cerca poi di guardare il bicchiere mezzo pieno: «Abbiamo tenuto un buon ritmo fin dall’inizio e nel corso della seconda giornata siamo riusciti a dimostrare che avevamo tutte le possibilità di essere alla testa del campo di gara».

Lundberg e il ritiro per motivi di salute

Peggio è andata a Lundberg e al copilota David Arhusiander, con il primo uscito dal Roma Capitale un po’ con le ossa rotte, o meglio con un braccio un po’ malmesso. L’arto sinistro dello svedese già vincitore nel 2018 dell’ADAC Opel Rally Cup (e sul podio del Rally delle Azzorre) ha iniziato a dare qualche fastidio al pilota dopo la Qualifying Stage di venerdì, per poi aggravarsi nelle prime prove di sabato, con Lundberg che ha accusato di non riuscire a stringere la sua mano sinistra. «In pratica, devo fare tutto con la destra, che mi serve anche per cambiare marcia. Guidare veloci su strade così impegnative e a un livello così elevato in queste condizioni non è proprio possibile». La diagnosi effettuata dal fisioterapista parla di una compressione del nervo, motivo per cui il team ha deciso di togliere dal Roma Capitale il ventunenne. Ha poi spiegato il direttore di Opel Motorsport Jörg Schrott: «Si è trattato di un vero peccato, Elias era determinato a dare tutto e avrebbe potuto ottenere un risultato eccellente. Ma guidare con un tale handicap sarebbe stato inutile dal punto di vista sportivo, se non addirittura pericoloso. E per noi la salute viene sempre al primo posto».

Schrott stila poi il bilancio dell’appuntamento italiano dell’ERC: «Abbiamo visto che entrambe le vetture erano competitive, e sarebbero potute finire sul podio. Puntiamo proprio a questo risultato nell’appuntamento finale in Repubblica Ceca tra quattro settimane», ovvero il Barum Czech Rally Zlín di scena dal 16 al 18 agosto prossimi. Per la cronaca, Torn guida al momento la classifica dell’ERC3 Junior con 5 punti di vantaggio su Efren Llarena. Munster è settimo con 40 punti, Lundberg nono con 28.

Crediti Immagine di Copertina: Opel Automobile GmbH

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati