Il weekend delle Lamborghini: vittoria per Emil Frey Racing nel GT Open in Austria con Costa-Altoé, podi nel Blancpain a Zandvoort

Il resoconto del weekend delle Lamborghini Huracan GT3 Evo

Nel round in Austria del GT Open le Lamborghini del team Emil Frey Racing vincono in Gara 1 e faticano in quella successiva, mentre in Olanda arrivano podi nel Blancpain GT World Challenge Europe
Il weekend delle Lamborghini: vittoria per Emil Frey Racing nel GT Open in Austria con Costa-Altoé, podi nel Blancpain a Zandvoort

Fine settimana ricco di soddisfazioni per le Lamborghini, tra International GT Open e Blancpain GT: podi in cospicua quantità, una vittoria e pure la leadership in un campionato.

Partiamo dal fortunato weekend per Emil Frey Racing nel GT Open, di scena in Austria al Red Bull Ring in cui si è celebrato, tra l’altro, il traguardo delle 200 gare nella competizione: la scuderia elvetica cliente della casa di Sant’Agata Bolognese si è portata a casa la vittoria in Gara 1, grazie all’equipaggio a bordo della Lamborghini Huracán GT3 Evo #63, ovvero Albert Costa Balboa e la giovanissima sensazione Giacomo Altoé. Questa quinta vittoria in otto gare del 2019 per Emil Frey Racing è stato però controbilanciata dalle difficoltà dell’altro equipaggio sulla vettura numero 14, vale a dire Mikaël Grenier e Norbert Siedler, tra una penalità da scontare il sabato e il ritiro subito in Gara 2.

GT Open: le Lamborghini di Emil Frey Racing in Gara 1 in Austria

Procedendo con ordine, Grenier ottiene il terzo posto in griglia mentre Costa il quinto, da dove poi nella prima manche del weekend ha lanciato la propria rimonta sino al secondo; alla curva 2, infatti, il catalano supera il compagno di team e così le Lamborghini di Emil Frey si ritrovano subito dopo la testa della gara, occupata dalla McLaren #59 Teo Martín di Hahn- Khodair. Dopo il pit-stop obbligatorio Siedler (che eredita il voltante da Grenier) è costretto a ripartire dal dodicesimo posto per via dei quindici secondi di penalizzazione da scontare obbligatoriamente; Altoé, invece riprende il secondo posto occupato da Balboa e si aggiudica la testa al giro 27.

Siedler invece fatica, pur conquistando il quinto posto dopo una eccezionale rimonta, ma scivola poi al settimo per altri 12 secondi di penalità per non aver rispettato i tempi di sosta al pitstop e aver superato la linea bianca all’uscita della pitlane. Altoé nel frattempo dimostra ancora una volta la caratura di talento precoce (e il fatto che il 2018 straordinario che ha vissuto da campione non rappresenti un fuoco di paglia) conducendo una gara da consumato fuoriclasse, infliggendo ben 13 secondi di gap dal suo diretto inseguitore. Il giovane pilota di Adria taglia così il traguardo per primo, e fortifica assieme a Balboa la testa della classifica del GT Open, grazie anche ai piazzamenti precedenti e al successo in Gara 1 all’apertura di stagione al Paul Ricard, sebbene sia condivisa con Kodric e Chaves per McLaren – Teo Martin Motorsport.

GT Open: le Lamborghini di Emil Frey Racing in Gara 2 in Austria

Altro paio di maniche Gara 2 allo Spielberg: il Lamborghini GT3 Junior Driver parte del terzo posto in griglia, mentre Siedler dal nono: entrambi abdicano di una posizione alla partenza, sebbene l’austriaco poi riconquisti il piazzamento prima del pit stop, a seguito del quale Grenier riparte nuovamente dal decimo. Costa Balboa, invece, riprende la Lamborghini di Altoé (bravo nel mantenersi comunque stretto il suo quarto posto) dal dodicesimo giacché doveva scontare 15 secondi di handicap spettanti al vincitore della gara prima.

Entrambi gli alfieri di Emil Frey Racing disputano un’ottima gara, con dei bei sorpassi e decise risalite nelle posizione (Grenier quarto, Balboa quinto). La lotta per avvicinarsi al podio miete però uno dei due: la Lamborghini di Grenier improvvisamente incomincia a rallentare, con Costa Balboa che supera il collega di scuderia prendendosi il terzo posto. A tre minuti dalla fine della gara (su sessanta totali) la frittata per la numero 14 era ormai fatta, costretta così al ritiro. Il catalano invece subisce la beffa all’ultimo giro, facendosi superare dalla Mercedes #10 e scivolando al quinto posto in cui si è ritrovato allo sventolare della bandiera a scacchi.

«Nonostante tutto, devo dire che il team ha fatto ancora una volta un ottimo lavoro e siamo stati in grado di portare a casa alcuni punti importanti» ha poi dichiarato il Team Principal della squadra cliente Lamborghini Lorenz Frey-Hilti. «Il campionato è ancora aperto, anche per quanto riguarda il fronte team siamo a soli cinque punti dalla squadra principale. Ora ci stiamo avvicinando a una pausa di quasi due mesi [si riparte con il GT Open il prossimo 7-8 settembre, ndr] e non vediamo l’ora che la stagione riparta a Silverstone», dove le Lamborghini non avranno handicap di partenza. E il direttore tecnico di Emil Frey Jürg Flach spiega nel dettaglio: «Il weekend non è stato facile. Con il nostro attuale Balance of Performance è difficile tenere il passo con la nostra diretta concorrente, la McLaren. La numero 14 ha sofferto un problema elettrico durante la gara di domenica […], con problemi alle marce che alla fine l’hanno spinta al ritiro».

«Siamo tornati, siamo di nuovo in corsa per il campionato e ora dobbiamo essere intelligenti per le prossime gare», sentenzia Costa Balboa, mentre Altoé: «Sono molto contento della vittoria, soprattutto perché la squadra si è sempre impegnata e ha meritato la vittoria ancora una volta. La mia gara di sabato è stata abbastanza tranquilla, ho solo provato a non correre rischi. Certo, la domenica è stata molto deludente, perché tutti volevano salire sul podio di una così storica 200esima gara. Ma ora ci stiamo dirigendo verso la pausa estiva, ricarichiamo le nostre energie per poi combattere a Silverstone».

Blancpain GT, le Lamborghini nel weekend di Zandvoort

Chiudiamo questo nostro excursus nel weekend delle Lamborghini con gli ottimi risultati al Blancpain GT World Challenge Europe, tappa numero tre della stagione disputata a Zandvoort. A bordo della Huracán GT3 Evo #63 Mirko Bortolotti e Christian Engelhart si aggiudicano il secondo posto in Gara 1, regalando così il primo podio stagionale per il team GRT Grasser, seguiti dalla Huracán #563 di Andrea Caldarelli e Marco Mapelli per il team Orange1 by FFF Racing (qui il resoconto completo). Altro piazzamento d’onore per Bortolotti ed Engelhart in Gara 2 (qui tutti i dettagli).

Crediti Immagine di Copertina: Lamborghini Media

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati