CIRT | La start list del Tricolore Terra per il Rally Italia Sardegna

I partecipanti attesi per il CIRT

Ecco i principali equipaggi al via per il Campionato Italiano Rally Terra al Rally Italia Sardegna, con una assenza eccellente
CIRT | La start list del Tricolore Terra per il Rally Italia Sardegna

Il Campionato Italiano Rally Terra si avvia alla seconda tappa della stagione, ma che porrà gli equipaggi specializzati negli sterrati davanti alla gara più attesa dell’anno, ovvero il Rally Italia Sardegna.

Attesa perché si tratta di un ritorno dell’evento WRC nel calendario del Tricolore Terra, e poi perché metterà i nostri terraioli a confronto in un palcoscenico mondiale. Rispetto ai colleghi del CIR, la partecipazione degli equipaggi del CIRT è ben più nutrita, sebbene spicchi una assenza eccellente.

I protagonisti del CIRT al Rally Italia Sardegna: all’inseguimento di Consani

La competizione di coefficiente 1,5 che si accenderà unicamente nella giornata di venerdì (infatti solo la prima tappa del RIS sarà valida ai fini dei punteggi per il Tricolore Terra) non vedrà al via Paolo Andreucci, che ricordiamo sul podio al terzo posto nel precedente Rally Adriatico. Con l’undici volte campione del CIR costretto al forfait, si aprono le possibilità dei rivali per la lotta alle posizioni alte della classifica, dove svetta al momento Stephane Consani, vincitore a sorpresa del primo appuntamento di quest’anno e guidato da Thibault De La Haye (già navigatore di Nicolas Ciamin) sulla Skoda Fabia R5. Il francese ha già avuto modo di provare gli sterrati sardi, in occasione del Rally del Vermentino del 2018 (in cui però pagò il ritiro per un incidente), e se la vedrà con avversari del calibro di Nicolò Marchioro (con Marco Marchetti, sempre su Fabia R5), secondo all’Adriatico e settimo in Sardegna nel 2014, ed Umberto Scandola, che debutterà con la nuova realtà ufficiale Hyundai Rally Team Italia e, a bordo della i20 R5 supportata dalla casa coreana (e con il fidato copilota Guido D’Amore), proverà a migliorare il quarto posto ottenuto nel round precedente. Sempre sulla i20 troveremo anche Luca Hoelbling con Mauro Grassi.

Al via anche Andrea Dalamazzini e Giacomo Ciucci su Ford Fiesta R5, che ottenne un bel risultato al fu Rally della Costa Smeralda nel 2017, stagione che poi lo vide trionfatore nel CIRT. Giacomo Costenaro invece deve rifarsi dopo il cappottamento al Rally Adriatico e cercherà di portare la propria Fabia R5 verso un risultato di spessore. Vettura su cui troveremo a bordo anche piloti quali Luciano Cobbe e Giovanni Manfrinato, mentre sulle Fiesta R5 scatteranno gli Squarcialupi, ovvero l’equipaggio composto dai fratelli Massimo e Giovanni, e il pilota di casa Francesco Tali, che per l’occasione torna nel CIRT.

I partenti nel Trofeo Gruppo N – 4RM e nel 2RM

Si rinnova anche l’appuntamento legato al Tricolore Terra del Trofeo Gruppo N – 4 Ruote Motrici, il nuovo format che dopo il Rally Adriatico vede attualmente in testa Mattia Codato con Christian Dinale su Mitsubishi Lancer Evo X. Il trevigiano dovrà difendere il suo vantaggio da avversari come James Bardini con Barbara Bogoni su Lancer Evo VII. Non in lotta nel Trofeo ma comunque iscritte nel gruppo N le Mitsubishi Evo IX di Luca Maspoli e Evo X di Giuseppe Messori. A bordo della Subaru Impreza N15 invece avremo Gabriele Campagnoli con Nicola Arena.

Nelle Due Ruote Motrici del CIRT lotteranno un altro pilota locale, il giovane Michele Liceri, guidato da Salvatore Mendola sulla Peugeot 208 R2, che avrà a disposizione anche Fabio Battilani, Andrea Gallu e Simone Barone Jr Baroncelli.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati