WRC | Tanak attualmente leader del Rally Cile. Incidente e ritiro per Neuville [AGGIORNAMENTO e VIDEO]

Sintesi della prima giornata e le ultime dal Rally Cile

Il Rally Cile si è aperto nel segno di Ott Tanak, in vetta alla fine della prima giornata. Oggi situazione più o meno inalterata, ma nella PS8 c'è stato un incidente per Neuville, costretto al ritiro
WRC | Tanak attualmente leader del Rally Cile. Incidente e ritiro per Neuville [AGGIORNAMENTO e VIDEO]

La prima giornata del Rally del Cile conferma quanto visto tra lo shakedown e soprattutto nella prima speciale del programma: Toyota c’è con i suoi tre equipaggi, che in linea di massima sono tornati protagonisti. Le prima fasi di oggi invece confermano il trend ma solo per un pilota; tuttavia a tenere banco è il ritiro di Thierry Neuville avvenuto pochi minuti fa.

Il dominio di Tanak nella prima giornata del Rally Cile

Dopo le prime sei PS di ieri, infatti, Ott Tanak si è confermato al primo posto della classifica assoluta, ottenendo i migliori tempi in tre prove e dando un saggio delle potenzialità della Yaris WRC tornata ai tempi migliori. Lungo tracciati di gare con lo sterrato reso fangoso dalla piogge (con tutto ciò che consegue per quanto riguarda l’aderenza delle ruote al terreno), la nebbia e l’incognita delle note di una prova mondiale completamente nuova, l’estone assume la leadership dalla (interrotta per ragioni di sicurezza) PS2 di El Puma 1 per poi mantenerla aumentando i distacchi. E pensare che l’avvio del Rally Cile per Tanak è stato al limite dell’horror, con lo stallo del motore della sua Yaris WRC che ha fatto sudare freddo il pilota. Poi però le cose si sono messe decisamente meglio, giungendo così alla prima speciale di oggi, la PS7 di Rio Lia 1 da 20,90 km, con un vantaggio su Sébastien Ogier di 27,7 secondi.

Gli altri piloti dopo la prima giornata

Il francese di Citroen è stato l’avversario tra i più solidi e costanti nello stare dietro al rivale di Toyota, anch’esso un po’ in difficoltà nella PS1 per poi balzare alle spalle di Tanak. Segno di un salto prestazionale della C3 WRC rispetto all’Argentina, sebbene il compagno di squadra Esapekka Lappi resti sempre attardato (alla PS7 la sua posizione è nona, non per via di qualche errore o incidente, ma semplicemente perché il sospetto che sia veramente l’anello debole in casa Citroen potrebbe diventare realtà).

Alla fine della prima giornata il terzo posto assoluto è occupato da un altro Toyota, ovvero Jari-Matti Latvala, a 6,4 secondi da Ogier: poi, le prime ostilità di oggi hanno cambiato l’ultimo gradino del podio, con Thierry Neuville che spodesta il finlandese e si piazza al terzo posto. Il leader della classifica piloti, che ieri ha dovuto aprire tutte le insidiosissime speciali, porta infatti la sua Hyundai i20 Coupé WRC a vincere la PS7, battendo Tanak che resta attualmente sempre primo nella assoluta. Da notare inoltre che la PS2, inizialmente annullata poi ripresa quando le condizioni di sicurezza sono state ripristinate, ha visto Neuville terminare con un tempo imposto dalla direzione gara, giacché la bandiera rossa ha sventolato mentre lui stava gareggiando.

Latvala invece paga un errore che gli fa perdere dei secondi preziosi e lo fa scivolare al quarto posto, a ben 19,4 secondi dal belga. Sfortuna anche per Kris Meeke, che impatta la propria Yaris WRC contro un albero dopo che la forza centrifuga di una curva ha spinto all’esterno la vettura: da quinto che era alla fine di ieri, con poco meno di 50 secondi dal compagno di squadra Tanak, il britannico precipita al quattordicesimo posto con più di sette minuti di ritardo, subito dietro il nostro Lorenzo Bertelli. Ora Meeke dovrà lottare per salvare la zona punti, perché fare di più sarà una impresa disperata.

Buono il Rally Cile, almeno sino alla PS7, per Sébastien Loeb, che si piazza al quinto posto ed è reduce dalla giornata di ieri caratterizzata da prestazioni molto interessanti. Male invece l’altro Hyundai, Andreas Mikkelsen, che alla fine della prima tappa si è dovuto accontentare dell’ottavo posto, dove attualmente stazione a 11,1 secondi da Teemu Suninen, settimo dopo la PS7. Curiosamente, stesso distacco che divide Elfyn Evans, sesto, dal quinto posto occupato da Loeb: per ora le prestazioni degli M-Sport Ford restano nella medietà, sebbene il gallese si sia caratterizzato per un buon avvio di rally.

L’incidente di Neuville

Ma se le prestazioni di Mikkelsen hanno fatto impensierire Hyundai, il peggio doveva ancora venire: nella PS8 la i20 di Neuville e del suo copilota Nicolas Gilsoul si è infatti più volte cappottata a metà strada della Maria Las Cruces, rimediando danni tali da costringere l’equipaggio al ritiro. Per i due nulla di grave da quanto risulta, anche se da fonti ufficiali Hyundai è stato richiesto l’intervento del personale medico per l’equipaggio, come impone giustamente la procedura in questi casi.

Dopo due vittorie consecutive per il belga e la scuderia di Alzenau il Rally del Cile ha emesso una sentenza inappellabile che mette a rischio la posizione del belga in classifica, oltre a costare un sicuro avvicinamento degli avversari al primato di Hyundai tra i costruttori. Al momento, i danni alla vettura risultano tali da non poterla rimettere in pista domani. Neuville, prima della PS8, era a 1,4 secondi dal secondo posto di Ogier.

AGGIORNAMENTO: Arriva il bollettino medico dall’ospedale di Concepcion dove è stato condotto l’equipaggio: dal tweet apparso sul profilo ufficiale di Hyundai Motorsport, Neuville e Gilsoul non hanno riportato né fratture né seri danni, fortunatamente.

AGGIORNAMENTO #2: Arriva il comunicato ufficiale di Hyundai Motorsport che spiega la dinamica dell’incidente (come potete vedere nel video amatoriale in testa all’articolo), e conferma il ritiro definitivo dell’equipaggio, che tornerà però in gara nel WRC nel prossimo appuntamento in calendario, il Rally del Portogallo.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati