IndyCar | Ecco la livrea ufficiale della McLaren di Alonso per la Indy 500

Confermato l'arancio papaya

McLaren e Fernando Alonso hanno svelato i colori della Dallara che correrà la 500 Miglia di Indianapolis.
IndyCar | Ecco la livrea ufficiale della McLaren di Alonso per la Indy 500

Mancano solamente due mesi – settimana più, settimana meno – alla 500 Miglia di Indianapolis, che vedrà protagonista ancora una volta Fernando Alonso e la McLaren, che tenteranno il secondo assalto a una delle gare più prestigiose al mondo e della IndyCar Series. La squadra britannica ha presentato oggi la livrea per la corsa.

Alonso a caccia della 500 Miglia di Indianapolis

La numero 66, che riprende una tradizione di McLaren a Indy, avrà il caratteristico arancione color papaya che già usa da qualche anno in Formula 1, oltre ai dettagli celesti sull’ala anteriore e lo spoiler posteriore. L’auto, costruita nel McLaren Technology Center di Woking, è già in viaggio verso gli Stati Uniti, dato che il 24 aprile sono in programma i test sul catino, ma già domani la “sorella gemella” – l’auto di prova – sarà in azione al Texas Motor Speedway proprio con Alonso. «Sono entusiasta di essere finalmente in grado di rivelare la numero 66», ha dichiarato l’asturiano. «La squadra ha lavorato molto duramente per costruire questa vettura e penso che sia fantastica coi colori di McLaren. Le mie speranze per la gara rimangono le stesse: vincere e ottenere la Triple Crown. Non vedo l’ora d’incontrare gli appassionati americani». Potrebbe essere la volta buona, avendo in bacheca la 24 Ore di Le Mans vinta lo scorso anno e l’appoggio di Chevrolet e di Carlin per la celebre gara d’Oltreoceano.

Brown: “Rappresenta l’inizio della prossima fase”

«Svelare la livrea della nuova vettura è un momento importante per il viaggio di McLaren verso la 500 Miglia di Indianapolis», ha aggiunto Zak Brown, Chief Executive Officer di McLaren Racing. «Rappresenta l’inizio della nostra prossima fase del programma e riflette una quantità enorme di duro lavoro da parte del nostro team specializzato per la corsa».

Leggi altri articoli in Indycar

Commenti chiusi

Articoli correlati