WTCR | Hyundai lancia il programma Young Driver a sostegno dei giovani

Per dare un concreto aiuto nelle loro carriere

Hyundai Motorsport lancia il programma Customer Racing Young Driver, riservato ai giovani piloti che corrono nelle serie TCR.
WTCR | Hyundai lancia il programma Young Driver a sostegno dei giovani

Hyundai Motorsport si espande sempre più nel panorama dell’automobilismo sportivo e punta sui giovani: infatti, nasce il programma Customer Racing Young Driver a supporto dei piloti che corrono come clienti con la Hyundai TCR i30 N, oltre a promuovere i talenti nel FIA WTCR.

Un programma giovani per arrivare nel FIA WTCR

La compagine coreana si sta impegnando a espandere la propria influenza nel motorsport, partecipando attivamente nelle serie TCR compreso il Mondiale – che scatterà proprio domani in Marocco. Il reparto Customer Racing da sostegno ai clienti Hyundai che corrono nei vari campionati, fornendo in loco ricambi e l’appoggio di ingegneri. Quindi, è un processo naturale quello di aprire un programma Young Driver, aperto a tutti i piloti con età inferiore ai 24 anni e che corrono proprio con i team legati a Hyundai Motorsport, che puntano ad arrivare al FIA WTCR. Ogni driver sarà selezionato in base ai risultati e all’affiatamento con gli ingegneri sia in pista che fuori, oltre alla loro professionalità; sulla tuta avranno l’onore di mostrare il logo del programma, oltre al tutoraggio dei piloti ufficiali quali lo stesso campione del mondo Gabriele Tarquini, oltre ad allenamenti extra. I migliori saranno premiati con un test sulla vettura del BRC Racing Team.

Adamo sostiene l’iniziativa

«L’introduzione di questa iniziativa aggiunge un altro livello di supporto verso i nostri clienti», ha dichiarato Andrea Adamo, Team Director di Hyundai Motorsport. «Abbiamo già alcuni fantastici piloti che corrono con le nostre auto, e l’opportunità di fare parte del programma spero possa attrarre più giovani. Possiamo aiutarli nelle loro carriere, permettendogli di progredire attraverso le serie TCR nazionali e regionali».

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Commenti chiusi

Articoli correlati