FIA WEC | Cetilar Racing in pista a Le Castellet per preparare la stagione 2019

Prima parte del programma completato

Cetilar Racing by Villorba Corse ha svolto una due giorni di test privati sul circuito di Le Castellet, in Francia, per preparare al meglio la prossima stagione del FIA World Endurance Championship.
FIA WEC | Cetilar Racing in pista a Le Castellet per preparare la stagione 2019

Prima uscita stagionale per la Cetilar Racing by Villorba Corse: a Le Castellet la squadra italiana ha svolto due giornate di test, 1130 chilometri percorsi e nessun problema occorso sulla Dallara LMP2. Al volante i piloti ufficiali: Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi, tornato da uno stop forzato risalente all’inizio dello scorso anno.

Cetilar Racing, Amadio: “Ottimi riscontri per una super stagione che ci aspetta”

Una preparazione meticolosa quella svolta al Paul Ricard, in preparazione per la prossima stagione del FIA World Endurance Championship e, se selezionati, alla 24 Ore di Le Mans 2019. In Francia è stata completata una prima parte del lavoro che verrà concluso con i test di Barcellona in programma il mese prossimo. «È stato davvero emozionante ritornare in pista con la nostra Dallara», ha detto Raimondo Amadio. «Abbiamo completato due giorni di intenso lavoro, percorrendo tanti chilometri e raccogliendo degli ottimi riscontri su tutto ciò che abbiamo provato. Le prime indicazioni ci fanno guardare con ottimismo al nostro prossimo test di Barcellona, dove continueremo il nostro impegno in preparazione della super stagione che ci aspetta». Una stagione che sarà comunque anticipata dalla presenza alla 4 Ore di Monza, valida per l’European Le Mans Series, a cui il team veneto partecipa come wild-card.

Cetilar Racing, Lacorte: “Risultati sopra le aspettative”

«Abbiamo provato una modifica molto importante sul cambio e lavorato con un nuovo fornitore per ciò che riguarda le gomme», è stato il commento di Roberto Lacorte. «Ci aspettavamo una reazione differente rispetto al solito da parte delle vettura; in realtà i risultati sono stati superiori a ciò che potevamo immaginare. Soprattutto in termini di “feeling” e guidabilità. La cosa più importante è che siamo stati subito nelle condizioni di avvicinarci con molta serenità ai veri limiti della nostra Dallara. È chiaro che dobbiamo ancora fare un passo avanti nell’ottimizzazione e sfruttamento del pneumatico. Da qui parte comunque un gran lavoro che certamente è già stato intrapreso anche da altre squadre. Siamo molto entusiasti, ma rimaniamo sempre con i piedi per terra».

Cetilar Racing, Sernagiotto: “Importante il ritorno di Andrea”

«Questi due giorni di test ci sono serviti a riprendere confidenza con la vettura e devo dire che siamo proprio partiti con il piede giusto», ha aggiunto Giorgio Sernagiotto. «Il ritorno di Andrea era un avvenimento importante, che ha fatto molto piacere a tutti quanti. Roberto ha subito dimostrato di non avere perso lo smalto dello scorso anno ed io personalmente mi sono trovato subito a mio agio, soprattutto con le gomme che abbiamo avuto modo di provare: adesso regna un certo ottimismo, perché questa scelta potrebbe darci quest’anno qualche vantaggio. In generale la squadra ha fatto un bel lavoro, sperimentando inoltre diverse soluzioni sull’assetto. Adesso posso dire che abbiamo le idee anche un po’ più chiare».

Cetilar Racing, Belicchi: “Il nostro affiatamento un punto di forza”

«Sono stati due giorni ricchi di riscontri positivi, anche migliori del previsto. Grazie ai nuovi pneumatici, le sensazioni al volante sono cambiate radicalmente rispetto alle precedenti, che non erano sempre positive», ha affermato Andrea Belicchi. «Poi c’è l’aspetto umano, che mi riguarda da vicino e che è uno stimolo pazzesco per la stagione in arrivo: l’affiatamento tra noi è sempre stato un punto di forza e rispetto al passato non è cambiato niente, anzi, se possibile è migliorato ulteriormente. Aggiungo che sono rimasto stupito favorevolmente dalle prestazioni di Roberto, che in questa due giorni in a Le Castellet ha fatto un altro passo avanti».

Crediti immagine copertina: Fabio Taccola

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati