CIR

CIR | Si avvicina il Rally del Ciocco 2019: il punto sui possibili protagonisti

Le ultime novità sugli equipaggi al via

Il prossimo mese partirà la stagione 2019 del CIR con il Rally del Ciocco: ecco chi sono gli equipaggi confermati al via e quelli che potrebbero esserci
CIR | Si avvicina il Rally del Ciocco 2019: il punto sui possibili protagonisti

Poco più di un mese e la stagione del Campionato Italiano Rally 2019 verrà inaugurata in Versilia, in occasione della quarantaduesima edizione del Rally Il Ciocco e Valle del Serchio: il 22 e 23 marzo vedremo finalmente al via gli equipaggi e i team in lotta per i titoli nazionali, dopo una pausa invernale foriera di indiscrezioni e cambiamenti per gli stessi.

Valido anche per il CIR Asfalto, il Due Ruote Motrici ed il Tricolore R1, il Rally del Ciocco (come lo chiameremo per comodità) avrà anche il compito di dispiegare il nuovo format della Coppa Rally di Zona, per la quale varrà la competizione di livello Regionale (e con un tracciato di gara ridotto).

Il percorso del Rally del Ciocco 2019

Come vi abbiamo già anticipato, l’edizione di quest’anno della prova curata da OSE Organization Sport Events non prevederà rivoluzioni nel percorso, e riproporrà quanto visto ed apprezzato dai diretti interessati (sia equipaggi che pubblico) nel 2018. La cittadina versiliese di Forte dei Marmi sarà ancora una volta la location scelta per la prova spettacolo sul lungomare, verso le ore 17 di venerdì 22 marzo; seguirà poi in serata la prova speciale di Mura di Lucca, per poi ripartire il giorno dopo nella zona che dà il nome al rally, ovvero Il Ciocco, un parco di 600 ettari (su una altitudine che va dai circa 200 agli oltre 1.000 metri) con una tenuta nata nel 1961 e diventata sei anni dopo primo resort d’Italia. Parliamo di un territorio incontaminato ricco di storia e votato al turismo: in questo luogo bucolico ed arcadico gli equipaggi si ritroveranno a percorrere le PS tra Media Valle e Garfagnana, come la Massasassorosso, Careggine, Tereglio e Renaio. La cerimonia finale si terrà in piazza Ariostesca a Castelnuovo Garfagnana, già sede del parco assistenza.

I protagonisti (quasi) confermati del CIR 2019

Vedremo in seguito i dettagli del percorso; nel frattempo facciamo il punto sugli stravolgimenti del parco iscritti al via del CIR 2019. Rispetto alle prime indiscrezioni dei mesi scorsi, a poco più di un mese dall’avvio della stagione Tricolore la situazione inizia a farsi più definita: anzitutto fa rumore l’assenza di Paolo Andreucci, che con la sua navigatrice Anna Andreussi nonché compagna di innumerevoli trionfi non sarà schierato per il Campionato Nazionale 2019. In attesa di scoprire quale sarà l’immediato futuro dell’undici volte tricolore, al momento coach del giovane equipaggio Peugeot Sport Italia impegnato nel Due Ruote Motrici, rivolgiamo lo sguardo a chi sarà sicuramente al via del CIR 2019.

Cominciamo da Luca Rossetti, il tre volte campione europeo di specialità che torna a tempo pieno nel campionato nazionale assieme a Citroen Italia, che ricompare anch’essa nel Tricolore. A bordo della C3 R5 il 42enne affronterà la stagione con al fianco la navigatrice Eleonora Mori, in cerca del primo successo nella sua lunga carriera al Ciocco. Pare inoltre che un altro veterano delle corse rally possa tornare nel Tricolore: parliamo di Giandomenico Basso, anch’esso campione europeo e nazionale. Nei prossimi giorni potremmo saperne di più, con i dettagli su una possibile vettura e team per il veneto già tre volte trionfatore al Ciocco.

In casa Orange1 Racing invece è deflagrata la notizia che vedrà la formazione di Armando Donazzan collaborare con nientemeno M-Sport, che fornirà una Ford Fiesta R5 ufficiale. Confermati Simone Campedelli e Tania Canton come equipaggio in lotta per il titolo. Potrebbe essere della partita, ancora una volta, anche Andrea Crugnola, che dovrebbe accasarsi con HK Racing salutando Ford Racing Italia e avere così una nuova vettura. Si vocifera inoltre del salto dal CIWRC (dove ha vinto il titolo negli ultimi due anni) al CIR per Stefano Albertini, pare con il team Tamauto.

Tra le conferme al via al Rally del Ciocco troviamo invece Giacomo Scattolon e Rudy Michelini, forse con PA Racing e a bordo della Skoda Fabia R5, mentre anche Kevin Gilardoni potrebbe essere schierato, al volante in caso della Hyundai i20 R5 per il team HMI. Un’altra assenza pesante, dopo quella di Andreucci, potrebbe però essere quella di Umberto Scandola: con la conclusione del programma di Skoda Italia nel CIR, le possibilità di rivedere il veronese al via della stagione tricolore si sono fatte più flebili.

Infine nel Due Ruote Motrici abbiamo accennato all’equipaggio ufficiale Peugeot Italia, che sarà formato dal trionfatore dei Trofei della casa del Leone lo scorso anno, ovvero Tommaso Ciuffi, e dal suo navigatore di riferimento Nicolò Gonella, a bordo della Peugeot 208 R2B. Al momento dovranno vedersela nella categoria con Luca Panzani, che dalle R5 passa alle R2, come abbiamo approfondito in precedenza.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in CIR

Commenti chiusi

Articoli correlati