WRC | Hyundai cerca il bis al Rally di Svezia un anno dopo la vittoria di Neuville

Le ambizioni Hyundai al Rally di Svezia

Hyundai Motorsport torna sul luogo del delitto, ovvero il Rally di Svezia, dove primeggiò l'anno scorso con il successo di Thierry Neuville e il terzo posto di Andreas Mikkelsen
WRC | Hyundai cerca il bis al Rally di Svezia un anno dopo la vittoria di Neuville

La carovana di Hyundai Motorsport si sposta verso i Paesi scandinavi, direzione Rally di Svezia, secondo appuntamento stagionale del WRC 2019. Una location in cui la scuderia di Alzenau spera di replicare il successo dell’anno scorso, con la vittoria di Thierry Neuville.

Un primo posto e tre podi, questo il saldo di Hyundai Motorsport in Svezia nelle partecipazioni dall’inizio della sua avventura nel Mondiale Rally (correva l’anno 2000): il picco, come abbiamo accennato, l’anno scorso, con il trionfo di Neuville (già secondo nel 2015) ed il terzo posto di Andreas Mikkelsen, pilota praticamente di casa essendo norvegese di nascita.

Hyundai al secondo appuntamento nel WRC dopo il Monte Carlo

A rinforzare ulteriormente il morale il fatto che Hyundai sbarchi sulle nevi svedesi con il primato in classifica costruttori, con 5 lunghezze di distacco sugli agguerriti rivali di Citroen. Un risultato ottenuto grazie alla buona performance dei suoi equipaggi nel Rally di Monte Carlo dello scorso mese, in cui ha spiccato il secondo posto di Neuville a soli 2,2 secondi dal vincitore Sébastien Ogier (miglior risultato per il belga nella prova del Principato) ed il virtuoso debutto sulla Hyundai i20 Coupé WRC della coppia Sébastien Loeb e Daniel Elena, ad un passo dal podio (chiuderanno quarti a soli tredici secondi di ritardo dal terzo posto). Più amara la conclusione per Mikkelsen, che non bissa il buon risultato dell’anno scorso, costretto al ritiro nella PS9 dopo essersi scontrato con un albero che ha danneggiato alcune parti meccaniche della vettura. In ogni caso, prima di questa disdetta il norvegese stazionava stabilmente al terzo posto provvisorio.

“Le nostre ambizioni devono dettare la nostra performance”

A parere del Team Director Andrea Adamo ci sono tutti i presupporti per la vittoria in Svezia, ma al tempo stesso «non sottovalutiamo i nostri avversari, che sono forti», spiega, aggiungendo però l’altro concetto: «vogliamo che le nostre ambizioni guidino la nostra performance».
L’equipaggio formato da Neuville e il suo copilota Nicolas Gilsoul affronterà le strade innevate scandinave partendo il primo giorno per secondi, subito dietro Ogier: posizione non felicissima, ma il belga è convinto delle potenzialità sulla neve della i20 Coupé WRC.

«La nostra auto si è sempre difesa molto bene in questo rally, che noi apprezziamo molto. Abbiamo sempre dimostrato di poter mettere a segno dei buoni tempi sulle strade ghiacciate, sfruttando gli snow banks [i muri di neve che si accumulano sui bordi del tracciato, caratteristici della prova in Svezia, ndr] ai lati delle strade per spingere i nostri limiti», sostiene Neuville, convinto del fatto che Monte Carlo abbia dato prova del potenziale esprimibile quest’anno dal team e dalla vettura.

«Dispiaciuto» per il ritiro al Monte Carlo, Mikkelsen si consola pensando al «buon ritmo» avuto con la vettura e al ritorno nella “sua” Svezia, che un po’ appartiene anche al suo navigatore Anders Jaeger, pure lui originario della confinante Norvegia. «Correre con i pneumatici chiodati in queste speciali ti dà una sensazione incredibile, come se stessi galleggiando», sostiene Mikkelsen.

Loeb a Monte Carlo ha dato prova di essere a buon punto con il feeling con l’auto, portandosi a casa i migliori tempi in due speciali. Ma la Svezia sarà tutto un altro mondo, come spiega l’alsaziano, secondo il quale la seconda tappa del WRC potrebbe essere «il più esaltante rally della stagione se ci sarà molta neve, con condizioni meteorologiche buone ed il sole, perché con la pioggia si potrebbe sciogliere la neve e le cose si farebbero nel caso più difficili».

Il Rally di Svezia partirà il prossimo giovedì 14 febbraio con lo shakedown di Skalla e la prima super speciale nella pista di trotto di Karlstad, immancabile PS che rappresenta un po’ la tradizione di questo appuntamento. Come di consueto, noi di Motorionline vi racconteremo il secondo round del WRC giornata per giornata.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati