WTCR | I piloti avranno un loro logo ufficiale, ecco in anteprima quelli di Tarquini e Guerrieri

Su iniziativa di Eurosport Events

Il FIA World Touring Car Cup ed Eurosport Events, ispirandosi al celebre 46 di Valentino Rossi, hanno lanciato l'iniziativa ai piloti di creare un proprio logo che sarà poi visibile in diversi contesti.
WTCR | I piloti avranno un loro logo ufficiale, ecco in anteprima quelli di Tarquini e Guerrieri

Il promoter della serie, Eurosport Events, ha lanciato una bella inizia tra i piloti del FIA World Touring Car Cup, chiedendo a tutti a i concorrenti a pensare ad una immagine che facesse da contorno al loro numero, da poi usare come marchio per tutto l’anno.

Maggior riconoscibilità per i piloti

Chiaramente ispirantosi al celebre 46 che Valentino Rossi utilizza nella MotoGP e che è divenuto un simbolo e un segno di riconoscimento in tutto il mondo, Eurosport Events punta a dar una maggior riconoscibilità ai protagonisti del FIA WTCR per la prossima stagione. I disegni non verranno però messi sui vetri delle auto, dato che i regolamenti sportivi impongono l’utilizzo di un font uguale per tutti, ma potranno apparire sui rispettivi cartelli delle squadre, in sovraimpressione nelle immagini televisive e in altri contesti. Eurosport Events mostrerà tutti i disegni scelti dai piloti in un video prima della WTCR Race of Morocco del 5-7 aprile,  ma sono già disponibili in anteprima le realizzazioni di Gabriele Tarquini, pilota ufficiale Hyundai e campione in carica, ed Esteban Guerrieri, che correrà con Honda quest’anno.

Tarquini e Guerrieri accolgono le loro creazioni

«Ho abbandonato il mio fortunato #30 per il #1, mentre il logo per la stagione 2019 sarà un ‘GT1’, ossia le mie iniziali e il numero di gara», ha dichiarato Tarquini. «Le ho messe insieme con quella di un cinghiale, che è il soprannome con cui tutti mi conoscono nel motorsport». «La tigre non è il mio animale preferito, però mi piace perché è solitario, segue l’istinto, analizza le situazioni e quando attacca lo fa con decisione», ha detto Guerrieri. «Un po’ come me, la mia personalità è così, anche se non sono uno solitario! Sono molto aperto, soprattutto sui social, ma a volte mi piace isolarmi per migliorarmi in tutti i campi. Inoltre molta gente dice che ho degli occhi caratteristici, proprio da tigre».

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Notizie

Commenti chiusi

Articoli correlati