FIA WEC | Toyota al via anche nel 2019-2020. Assente Lotterer a Sebring, Rebellion sceglie Beche

I giapponesi correranno un altro anno

La Toyota continuerà la propria campagna nel FIA World Endurance Championship correndo anche nella stagione 2019/2020. Intanto, André Lotterer salterà l'appuntamento di Sebring e Rebellion lo sostituirà con Mathias Beche.
FIA WEC | Toyota al via anche nel 2019-2020. Assente Lotterer a Sebring, Rebellion sceglie Beche

Importante notizia dell’ultimo minuto dal mondo del FIA World Endurance Championship: Toyota ha confermato la propria partecipazione alla prossima stagione che si svilupperà tra il 2019 e il 2020, l’ultima con gli attuali regolamenti LMP1.  Nel frattempo, André Lotterer ha annunciato la sua assenza al prossimo round di Sebring.

Toyota risponde presente alla stagione 2019-2020

Dopo aver conseguito la prima vittoria alla 24 Ore di Le Mans e il dominio attuale nel panorama dell’endurance, la Toyota non abbandonerà il Mondiale alla fine di questa Super Season ma, anzi, continuerà a correre con due prototipi anche nella stagione che comincerà a settembre di quest’anno e che terminerà a giugno 2020. La casa giapponese vuole ancora fare incetta di vittorie fin che possibile, soprattutto essendo il 2019-20 l’ultimo anno in cui saranno validi i regolamenti delle LMP1 prima dell’entrata in vigore delle Hypercar. Non sono ancora confermati gli equipaggi e non è esclusa la presenza di Fernando Alonso, che nei giorni scorsi aveva dichiarato che la sua partecipazione fosse assestata al 50% delle possibilità.

Lotterer non ci sarà a Sebring con Rebellion

Tornando alla Super Season attuale, Lotterer non correrà il prossimo appuntamento della 1000 Miglia di Sebring. Per il tedesco si tratta della prima assenza nel WEC dal 2012, ma in Rebellion si sono già mossi per sostituirlo: in Florida sarà Mathias Beche che rimpiazzerà il forte pilota tre volte vincitore a Le Mans. Lo svizzero farà coppia con Bruno Senna e Neel Jani, mentre è confermato l’altro equipaggio con il nuovo entrante Nathanaël Berthon, Thomas Laurent e Gustavo Menezes.

Leggi altri articoli in Endurance & GT

Commenti chiusi

Articoli correlati