WRC2 | Si chiude al Rally di Catalogna la stagione di BRC Racing. Loubet cerca il riscatto

Ultima prova nel WRC2 per Loubet e Landais

BRC Racing Team si congeda dal WRC2 al Rally di Catalogna, ultimo appuntamento per la scuderia italiana. Al via come sempre l'equipaggio transalpino - in cerca di rivincita - formato da Loubet e Landais
WRC2 | Si chiude al Rally di Catalogna la stagione di BRC Racing. Loubet cerca il riscatto

Tempo di fine stagione anche per BRC Racing Team, che chiuderà il suo 2018 nel WRC2 al Rally di Catalogna, in programma questo weekend (qui la nostra guida completa). Nel penultimo appuntamento del Mondiale Rally, che per la scuderia di Cherasco rappresenterà il finale di stagione, si congederà il giovane equipaggio francese formato da Pierre Louis Loubet e Vincent Landais, a bordo della Hyundai i20 R5.

La stagione in chiaroscuro di Loubet e Landais

I due cercano il riscatto dopo il ritiro subito nel Rally del Galles (ovvero la prova precedente che hanno disputato) dovuto ad un incidente nell’ultima giornata di domenica (fortunatamente senza conseguenze, se non quella di non riuscire a concludere il round britannico). Questo sfortunato evento ha fatto il paio con un altro ritiro subito nel Rally di Germania, l’appuntamento affrontato da Loubet e Landais prima del Galles. Insomma, questo finale di stagione per il binomio francese sulla i20 R5 con gomme Michelin non sta andando per il verso giusto, e si sono visti pure sfumare la top ten nella generale dove Loubet scivola all’undicesimo posto, staccato di tre punti dal decimo occupato dal connazionale Stephane Lefebvre di Citroen, mentre Takamoto Katsuta incombe sempre ad una sola lunghezza di distanza.
Spetterà quindi all’equipaggio del Team Oscaro, che in questa stagione si è misurato anche con l’ERC, cercare di rientrare nei primi dieci posti e riscattare la stagione magari ripetendo il miglior risultato di quest’anno, ovvero il quarto posto al Rally del Portogallo sperando, già che ci sono, di poter fare ancora meglio.
La sfida non sarà delle più facili visto che quello catalano è l’unico appuntamento del WRC che presenta entrambi i tipi di fondo, ovvero sterrato (nel primo giorno) ed asfalto (negli altri due). Tuttavia Loubet non si perde d’animo, e anzi guarda al bicchiere mezzo pieno, ovvero a quanto di prezioso ha imparato nel 2018: «Con la prova spagnola si chiude una stagione positiva che ci è servita ad accumulare esperienza e ad imparare molte cose – spiega – con risultati forse un po’ al di sotto delle nostre aspettative. La nostra partnership con BRC Racing Team è stata ottima. Abbiamo potuto lavorare con personale motivato e molto preparato. Anche la vettura, seppur con qualche piccolo peccato di gioventù, si è dimostrata affidabile e prestazionale. Chiudiamo con il rammarico per il 2° posto mancato al Rally di Portogallo ma con le belle prestazioni in due eventi magici come Corsica [dove ha terminato sesto di categoria, ndr] e Finlandia [quinto, ndr]. Speriamo ovviamente di ottenere il massimo dalla gara che sta iniziando».

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati