WTCR | Monteiro torna al volante della Honda Civic a Suzuka

Dopo un anno dall'incidente a Barcellona

Il FIA World Touring Car Cup ha recuperato un vecchio leone: Tiago Monteiro tornerà in pista a un anno dal brutto incidente di Barcellona, che lo ha costretto a un lungo periodo di recupero.
WTCR | Monteiro torna al volante della Honda Civic a Suzuka

È quasi ormai un ricordo il brutto incidente che Tiago Monteiro subì a Barcellona nel 2017, durante una sessione di test sulla sua Honda Civic. Dopo un anno, il pilota portoghese è pronto a fare il suo gran ritorno del FIA World Touring Car Cup.

WTCR, Monteiro torna in pista a Suzuka con la Honda

Una notizia che tutti gli addetti ai lavori hanno accolto con gioia, soprattutto data la lunga assenza di uno dei piloti di punta della serie. A Barcellona, a causa dell’incidente in cui era rimasto coinvolto, Monteiro dovette saltare il finale di stagione del WTCC – per cui era in lotta per il titolo – e le prime gare del WTCR a causa dei danni riportati. Per il 42enne portoghese è ora di tornare al volante della propria Civic a Suzuka, in occasione del penultimo round dell’anno che anticipa poi la finale a Macao; purtroppo, su consiglio dei medici, non gareggerà nel celebre tracciato cittadino, prendendo parte comunque all’evento in qualità di consulente della Honda. «Non so nemmeno da dove iniziare a dire quanto sia bello tornare» – ha dichiarato Monteiro – «Ci sono stati momenti molti cupi, ma non ho mai perso la speranza sul fatto che questo giorno potesse arrivare. Venire ad ogni week-end di gara e vedere gli altri correre era un dolore che mi prendeva dentro, quindi Suzuka la sentirò molto emotivamente».

«Il fatto che correrò sul circuito di casa della Honda, lo stesso dove ho iniziato il mio primo anno nel WTCC nel 2012, è un ottimo modo per ripagare la fiducia e il supporto che mi hanno mostrato durante il mio periodo di recupero. Non ho nessun obiettivo, voglio solo divertirmi, sentirmi a mio agio e correre al mio ritmo, prima di tornare a tempo pieno nel 2019. Proprio per questo motivo, su consiglio dei medici, non sarò in pista a Macao».

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati