WTCR | BRC Racing Team mantiene la leadership del campionato con Tarquini

Concluso il doppio weekend cinese

BRC Racing Team ha concluso i due appuntamenti cinesi del FIA World Touring Car Cup mantenendo la leadership della classifica generale piloti con Gabriele Tarquini. Ecco il punto della situazione con due gare al termine.
WTCR | BRC Racing Team mantiene la leadership del campionato con Tarquini

Il FIA World Touring Car Cup ha vissuto il doppio week-end in Cina con le gare di Ningbo e di Wuhan, e BRC Racing Team è riuscito a mantenere il 1° posto nella classifica piloti con Gabriele Tarquini e il 7° con Norbert Michelisz, mentre tra le squadre mantiene la seconda posizione nella relativa graduatoria, quando mancano solo le sfide di Giappone e Macau.

BRC Racing Team mantiene salda la vetta del campionato

L’ottimo posizionamento in classifica arriva nonostante un weekend impegnativo, a causa del Balance of Performance che hanno reso le Hyundai i30 N TCR fino a 100 kg più pesanti delle altre vetture schierate in griglia di partenza di Wuhan. Le difficoltà per Tarquini sono iniziate già durante le qualifiche, dove il Cinghio è riuscito ad andare oltre la 21esima posizione e, dopo una difficile rimonta, lo vede tagliare il traguardo di Gara 1 alla 17esima posizione. Dopo essere partito ultimo in seguito ad una penalità per la sostituzione del motore, il team decide per il ritiro di Norbert Michelisz dalla gara, per evitare prematuri danni che avrebbero potuto compromettere l’intero week-end. Gara 2 ribalta le sorti dei due piloti: Michelisz è autore di una bella rimonta, mentre Tarquini è costretto ad abbandonare la gara in seguito ad un danno causato dal contatto di un avversario. La vettura viene tempestivamente riparata per Gara 3, che si svolge senza particolari problemi ma con un altro zero in casella.

«La cosa positiva è che sono ancora in testa al campionato» – ha commentato Tarquini – «Ad ogni modo la gara di Wuhan non è andata come previsto, non ho fatto nessun punto nelle tre gare. Il BoP non ci ha permesso di mostrare le vere capacità della Hyundai i30 N TCR a partire dalle qualifiche, e anche in gara il passo era lontano dai più veloci». «L’obiettivo è di imparare da queste gare, capire come gestire al meglio la situazione di un peso extra rispetto agli altri concorrenti, nel caso dovesse capitare ancora» – ha aggiunto Michelisz.

 

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati