Rallycross | La trasferta americana di Peugeot sull’inedito tracciato di Austin [VIDEO]

Le dichiarazioni alla vigilia del World RX USA

Torna nel weekend il Mondiale Rallycross e per la prima volta si corre sul Circuito delle Americhe di Austin. Il pilota Peugeot Timmy Hansen ha già avuto modo di testare l'RX in America una settimana fa, con ottimi risultati
Rallycross | La trasferta americana di Peugeot sull’inedito tracciato di Austin [VIDEO]

Il circus del Mondiale Rallycross 2018 fa armi e bagagli e dalla vecchia Europa torna nel continente americano: il WRX farà infatti tappa questo weekend sul Circuito delle Americhe ad Austin, che tutti noi conosciamo per le gare di F1, MotoGP e le serie statunitensi. La pista del Texas, che sarà rimaneggiata tra la curva 12 e quella 15 per renderla adatta al rallycross, farà il suo debutto nell’adrenalinico campionato su fondo misto: dalle parti del Team Peugeot Total si spera che il decimo round di stagione possa regalare una soddisfazione in una competizione presa ormai in appalto dagli avversari di Volkswagen. Ancora una volta non si vuole lasciare nulla al caso, come dimostra la preparazione dei piloti in vista dell’appuntamento texano.

Il successo di Timmy Hansen ai Nitro World Games

Difatti negli Stati Uniti il pilota titolare Timmy Hansen ha approfittato per farsi un po’ le ossa lo scorso weekend, partecipando ai Nitro World Games che si sono svolti nello Utah. La rassegna dedicata agli action sports e al lato più spettacolare del Motocross e del Rallycross (la Nitro RX è una novità recente dei Giochi che ha rappresentato il clou dell’evento), ideata da Travis Pastrana sulla scorta degli X-Games (e che quando parla del RX lo definisce «come una motocross ma con il roll-bar»), ha visto la vittoria del più grande dei fratelli Hansen che sul circuito dello Utah Motorsports Campus, che presentava anche un salto notevole di trenta metri, ha avuto la meglio con la sua Peugeot 208 WRX sulle altre sette vetture avversarie (highlights in testa all’articolo).
«Il miglior modo di prepararsi a qualunque gara è correre il più possibile – spiega il pilota – e il miglior modo per prepararsi in qualsiasi Paese è venire qui, negli Stati Uniti, perciò sono felice di passare dai Nitro Games dello Utah al WRX in Texas!». E sulla sua digressione negli sport estremi: «Mi sono divertito molto a guidare sull’incredibile circuito di Salt Lake City disegnato da Pastrana: è una pista da sogno per il rallycross, come non ne avevo mai visto sino ad ora! Sicuramente vincere davanti a così tanti tifosi e piloti di livello regala una grandissima soddisfazione».
Insomma l’avventura ai Nitro Games è stata una bella botta per il morale, ma manca ancora qualcosa quest’anno nel curriculum di Timmy Hansen, ovvero una vittoria stagionale nel WRX.

Loeb: “La partenza sarà determinante”

Risultato invece ottenuto nel 2018 dal suo compagno di squadra Sébastien Loeb, vincitore in Belgio – unico sino ad ora ad interrompere il ruolino di marcia perfetto di Johan Kristoffersson – nonché capace di ottenere ottimi risultati anche negli USA. Come non dimenticare il record alla cronoscalata di Pikes Peak nel 2013, alla guida di una Peugeot 208 T16 PP; inoltre l’anno prima, agli X-Games di Los Angeles, conquistò una medaglia d’oro nella prova rallycross. Per lui però si prospetta l’insidia, comune agli altri piloti, della venue inedita di Austin: «Non so molto del Circuito delle Americhe – ammette – ma nonostante sia una pista nuova per me le mie aspettative sono sempre quelle: dobbiamo lottare per le prime posizioni. Presto scopriremo qualcosa di più sul circuito e speriamo sia positivo per noi. Abbiamo ancora qualcosa da imparare con la 208 WRX Evo e dobbiamo curare in particolare le partenze: vedremo cosa ci porterà il weekend di Austin, con lo start che sarà nuovamente decisivo». E conclude: «È sempre intrigante correre in una nuova pista e questa presenta molte curve […]. Mi aspetto di divertirmi molto ad Austin».

Il Team Peugeot Total analizza il tracciato

Il Team Peugeot Total, per prepararsi alla prova, ha visionato una rassegna di video di gare rallycross americane, come spiega il team manager Kenneth Hansen, che si aspetta un buon risultato per il weekend: «Il Circuito delle Americhe […] è molto corto perciò non avremo tempo per giocare d’azzardo». E precisa: «Ad esempio non potremo usare il joker lap al primo giro, come previsto dalle disposizioni speciali per questo evento. Ma ci aspettiamo di fare bene, come abbiamo dato prova in passato con questi tipi di fondi ad alta aderenza». Il figlio Timmy aggiunge: «Austin sembra un tracciato complicato, molto tecnico, ma mi sento ormai molto a mio agio sulla 208 WRX».
Infine Kevin Hansen, a bordo della vettura pre-aggiornamenti, parla della sua seconda esperienza in una gara negli USA (dopo la RX2 nel 2014 a Los Angeles): «Sono arrivato presto per acclimatarmi, e penso che farà molto caldo, perciò dovrò tenermi ben allenato. È vero, è il circuito più breve della stagione, penso ci vogliano circa 35 secondi a giro […]. Austin fa parte della nuova generazione degli impianti di rallycross, con molta aderenza e speriamo non troppe barriere di copertoni a bordo pista. Dopo essere arrivato in finale in Lettonia, voglio raggiungere altri risultati!».
Nel precedente World RX di Riga, infatti, il Team Peugeot Total pur non vincendo si è distinto per aver ottenuto il più alto numero di punti. Attualmente la formazione è terza nella classifica delle squadre, mentre Loeb è quarto tra i piloti, Timmy Hansen sesto e suo fratello Kevin ottavo.

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati