CI Cross Country | Suzuki al Baja Terra del Sole cambia la line up e cerca l’ipoteca al titolo

Gli equipaggi a bordo delle Grand Vitara

Torna dopo la pausa estiva ilCampionato Italiano Cross Country e il Suzuki Challenge: la casa di Hamamatsu prova la fuga nelle classifiche con le Grand Vitara. Un equipaggio però verrà sostituito al Terra del Sole
CI Cross Country | Suzuki al Baja Terra del Sole cambia la line up e cerca l’ipoteca al titolo

Dopo una lunga pausa estiva torna il Campionato Italiano Cross Country: era dal giugno scorso che gli equipaggi non partecipavano ad una gara della stagione 2018, composta in tutto da sei appuntamenti di cui il prossimo, la Baja Terra del Sole previsto dal 21 al 23 settembre, rappresenterà il primo step di un ideale girone di ritorno con gli ultimi tre round del 2018.
Va da sé che questo autunno i piloti saranno chiamati a chiudere i conti, a partire dalla sesta edizione della prova che ha il proprio fulcro a Termini Imerese, e Suzuki intravede già la possibilità di concludere la pratica ponendo una seria ipoteca sui titoli piloti e costruttori tricolore.

La casa giapponese schiera sulle due Grand Vitara altrettanti equipaggi ufficiali, formati rispettivamente da Lorenzo Codecà con Matteo Lorenzi, e Giorgio Fichera con Antonio Narzisi: il primo binomio, a bordo della Suzuki Grand Vitara 3.6 V6 T1 per Emmetre Racing, è in testa nella classifica assoluta conduttori con 188 punti, ben 42 in più sull’attuale secondo classificato Claudio Petrucci. Un tale risultato è frutto di una stagione scintillante con tre successi sulle precedenti tre prove disputate, ovvero il Baja di Primavera, il Baja Terre di Gallura e all’Italian Baja di scena a Pordenone, round quest’ultimo tra i più selettivi dell’anno anche perché valevole per la Coppa del Mondo di Cross Country.
Anche il Terra del Sole non scherza, e non a caso il coefficiente di moltiplicazione dei punteggi è fissato a tre: i vincitori si prendono tutto o quasi e Codecà potrebbe agguantare la fuga definitiva verso il titolo nazionale tra gli offroad siculi.
Suzuki inoltre schiererà un equipaggio che torna dopo sette anni nel campionato: parliamo di Fichera e Narzisi, anche loro a bordo della Grand Vitara 3.6 V6 T1 messa a disposizione dalla casa di Hamamatsu. Già facenti parte del vivaio Suzuki e laureatisi campioni nel Gruppo T2 e nel Challenge 2018, i due giocheranno in casa essendo entrambi originari di Catania, ma non solo: la prima edizione del Baja Terra del Sole li vide protagonisti con una vittoria nel 2011. Spinti dal loro pubblico e con una esperienza vittoriosa alle spalle nella prova di questo weekend, Fichera e Narzisi rappresentano un investimento solido per Suzuki, chiamata a sostituire l’equipaggio Andrea Tomasini-Mauro Toffoli per via di un problema fisico patito dal pilota, e a trovare un binomio di qualità che possa contribuire nella lotta per il vertice tra i costruttori (e magari chiudere i conti per la conquista del decimo titolo).

Suzuki Challenge, si riapre la lotta per il vertice

Torna anche il Suzuki Challenge, che quest’anno taglia il traguardo delle diciannove edizioni. Il monomarca vedrà al via i vincitori del precedente Italian Baja di giugno Andrea Alfano e Carmen Marsiglia, capaci di rimettere in discussione la lotta per il titolo nel T2 ed anche nel Suzuki Challenge dove domina Petrucci, seguito dal duo sulla Ramingo 4×4. Terzo il siciliano Marino Gambazza Chinti, quarto Alfio Bordonaro (entrambi del team Cram), mentre quinto Giuseppe Ananasso, anch’egli in lizza per scalare le posizioni verso il podio finale del monomarca.

CI Cross Country e Suzuki Challenge, le classifiche 2018

CI Cross Country, Conduttori:
1. Codecà Lorenzo punti 186;
2. Alfano Andrea 144;
3. Petrucci Claudio 138;
4. Tomasini Andrea 104;
5. Trivini Bellini Alessandro 58.

Suzuki Challenge:

Pilota: 1. Petrucci Claudio punti 179; 2. Alfano Andrea 148; 3. Marino Gambazza Chinti 109; 4. Bordonaro Alfio 106; 5. Ananasso Giuseppe 89; 6. Luchini Andrea 24.

Navigatore: 1. Manfredini Paolo punti 179; 2. Marsiglia Carmen 148; 3. Castellani Sandra 109; 4. Bono Marcello 106; 5. Cancelli Alessio 89; 6. Bosco Piero 24

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati