TCR Europe | Comini: “Spero che la fortuna ci sorrida a Monza e ci sia qualche possibilità in più” [INTERVISTA]

Intervista a Stefano Comini dopo Assen

Ecco i commenti che ci ha rilasciato Stefano Comini a mente fredda, dopo la prova di Assen del TCR Europe: la gara, la rimonta dopo la retrocessione in griglia, il feeling con l'Honda e il prossimo round di Monza
TCR Europe | Comini: “Spero che la fortuna ci sorrida a Monza e ci sia qualche possibilità in più” [INTERVISTA]

Dopo le due rimonte in altrettante gare nel weekend appena trascorso del TCR Europe ad Assen, abbiamo sentito Stefano Comini per fornirci qualche commento riguardo la sua prova in terra d’Olanda, sofferta ma dalla quale sono scaturite alla fine delle soddisfazioni. Ecco cosa ci ha risposto il pilota svizzero supportato da Race Republic ed Autodis Racing by THX.

Due quarti posti in un weekend ancora una volta foriero di colpi di scena per te: partendo dalla fine, cioè Gara 2, abbiamo visto l’ennesima tua rimonta che si è accesa nei giri finali con la lotta alle posizioni di Richard prima e di Potty e Paulsen poi. Questi ultimi due hanno provato a riprendersi il loro piazzamento ma sei andato dritto per la tua strada: che sensazioni ti ha dato Assen in vista degli ultimi due appuntamenti di stagione?

Non ero mai stato ad Assen, mi sono confrontato con un circuito dalla conformazione particolare ed un clima variabile a tratti. Una bella sfida! Ma il pubblico era numerosissimo e questo dà sempre molta carica!

Prima o poi il cilindro delle magie del Comini si esaurirà

Il rimaneggiamento della griglia di Gara 1 sembra l’ennesimo tiro mancino della sfortuna: saresti dovuto partire nono e invece scivoli dalla top ten, e hai perso anche la prima fila in Gara 2. Eppure più sono le difficoltà e gli urti sul tuo cammino, più tiri fuori il tuo potenziale, come si è visto in Gara 1 con un’ennesima gran bella rimonta – ed ovviamente anche nella manche successiva. Ma non sarebbe meglio se qualche volta le cose fossero per te più lineari, senza colpi di scena e beffe di questo genere?

Purtroppo le questioni di fortuna centrano poco con l’accaduto di questo week-end in qualifica. È stato tutto molto confuso, compresa la nostra esclusione da un’eventuale contestazione. Per un pilota sapere un’ora prima della partenza di retrocedere nell’undicesima casella – anche ingiustamente – è di certo una situazione stressante. Prima o poi il cilindro delle magie del Comini si esaurirà. Il lato positivo è che abbiamo un’auto molto performante in gara anche se a “darci filo da torcere” sono le qualifiche. La macchina è nuova sia per me che per il team ed ogni sessione è un bagaglio di esperienza in più. Spero che l’appuntamento di Monza ci offra qualche possibilità ma i lunghi rettilinei non ci aiuteranno. Magari questa volta la “fortuna” ci sorriderà!

Il contatto al giro 7 tra Kris Richard e Josh Files quanto potrebbe avere influito sul tuo risultato finale in Gara 1?

Potevamo sicuramente guadagnare la prima posizione ma l’ importante per me è battagliare in pista e non nella direzione della gara. Sarei molto contento se potessi occuparmi “solo” di gareggiare.

Dopo il successo nelle Prove Libere 1, con dei distacchi ragguardevoli nei confronti di avversari come il leader di campionato Borković, e il resto del weekend, che bilancio potete trarre dall’assetto sviluppato in questo appuntamento con la Honda Civic Type R TCR FK7?

Abbiamo lavorato molto e sono sicuro che ci stiamo avvicinando alla soluzione [ottimale, ndr].

Leggi altri articoli in Interviste

Commenti chiusi

Articoli correlati