ELMS | Cetilar Villorba Corse conclude la 4 Ore di Silverstone con grinta d’animo

La sfortuna ha colpito Villorba Corse in partenza

La 4 Ore di Silverstone valevole per l'ELMS non è partita bene per Cetilar Villorba Corse, che ha comunque onorato la competizione giungendo a traguardo.
ELMS | Cetilar Villorba Corse conclude la 4 Ore di Silverstone con grinta d’animo

La 4 Ore di Silverstone 2018 nell’European Le Mans Series non è andata come Cetilar Villorba sperava, prima con una qualifica che non ha mostrato tutte le potenzialità della numero 47, poi in gara con la sfortuna che l’ha tenuta ferma ai box per molti giri. Ad ogni modo tutto il team ha deciso di proseguire ed arrivare alla bandiera a scacchi, un gran gesto di grinta e rispetto verso gli avversari e la competizione stessa.

Il weekend di Cetilar Villorba Corse

Nel quarto round della European Le Mans Series la squadra italiana si era dimostrata sin da subito competitiva, con il terzo tempo (primo fra le Dallara) nelle seconde prove libere. Il che aveva soddisfatto la squadra diretta da Raimondo Amadio. Le qualifiche del Sabato mattina però non sono andate come sperato, in quanto il traffico incontrato nel giro veloce ha rallentato Felipe Nasr nel terzo settore. Ad ogni modo, con le modifiche aerodinamiche apportate da Dallara a partire da questo appuntamento, c’era aria di risultati. In gara, dopo un buono scatto di Giorgio Sernagiotto dalla partenza, il team ha però subito registrato inconvenienti tecnici che hanno costretto più volte ai box la Dallara-Gibson P217. Dopo aver cambiato numerosi elementi e aver perso quasi un’ora al pit, la situazione si è risolta con la sostituzione del sensore dell’acceleratore. Con grande forza d’animo il team ha deciso di ripartire per onorare il campionato, il proprio ruolo di competitor e raccogliere punti preziosi per la classifica Pro Am.

I commenti del Team

Il team principal Raimondo Amadio ha commentato dopo l’impegno in terra inglese: «Torniamo da Silverstone con molto meno di quanto avremmo voluto raccogliere. Purtroppo le gare sono anche queste e i problemi elettronici in vetture con tale grado di complessità non sono facili, e soprattutto veloci, da risolvere. Malgrado ciò, cerchiamo di cogliere il positivo del weekend, che ha visto un piccolo step in avanti a livello di competitività. Peccato per la qualifica di Felipe, meritava di più, poi in gara i tre piloti hanno condotto stint consistenti e con decisi riscontri cronometrici, confermando una buona competitività sul passo gara. La classifica assoluta era ormai fuori dalla nostra portata, ma l’aver concluso al traguardo è stata un’ottima reazione da parte dell’intera squadra».

Giorgio Sernagiotto
La 4 Ore di Silverstone praticamente si è conclusa dopo 4 curve. Il potenziometro dell’acceleratore ha smesso di funzionare e per individuare il problema e risorverlo abbiamo perso 25 giri. Un vero peccato. Anche se la performance non era top… avremmo potuto giocarci le nostre carte. Non possiamo che guardare alla prossima gara della European Le Mans Series di Spa Francorchamps a settembre. Grazie alla Cetilar Villorba Corse e a Roberto Lacorte.

Roberto Lacorte
Un problema al sensore dell’acceleratore ci ha tagliati fuori dalla lotta per risultato sin dal primo giro. Nonostante i tanti giri persi per risolvere il problema siamo rientrati in pista concludendo in 13ma posizione e con preziosi punti per la classifica Pro-Am.
Adesso ci aspetta un periodo intenso di sviluppo della #47 prima del prossimo appuntamento di Spa-Francorchamps del 23 settembre.

 

Crediti immagine copertina: Cetilar Villorba Corse

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Endurance & GT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati