Formula E | Vergne campione con un ePrix di anticipo: oggi ultimo round a New York

I dettagli di Gara 1 di New York e le classifiche

Jea-Eric Vegne si laurea campione della quarta stagione di Formula E con una rimonta eccezionale nel primo dei due ePrix di New York: la dedica a Jules Bianchi. Ancora aperta la lotta tra i team
Formula E | Vergne campione con un ePrix di anticipo: oggi ultimo round a New York

È fatta: Jean-Eric Vergne si è laureato campione del mondo nella quarta stagione di Formula E con una gara di anticipo, fatto che avviene per la prima volta nella storia del campionato. Il quinto posto conquistato nel primo atto del double header di New York, corso ieri e che chiude l’annata 2017/2018, ha messo infatti in sicurezza il titolo per il pilota francese del team Techeetah, quest’ultimo ancora in corsa invece per l’iride nelle squadre, da assegnare oggi. Vergne è il quarto diverso vincitore in altrettante stagioni di Formula E, dopo Nelson Piquet Jr, Sébastien Buemi e Lucas Di Grassi (che ha trionfato in Gara 1 ieri). Nulla da fare per le speranze mondiali del diretto rivale, Sam Bird (DS Virgin Racing).

Formula E 2017/2018,ePrix di New York: la cronaca di Gara 1

E pensare che il pilota ex F1 con la Toro Rosso ed ex collaudatore Ferrari, nonché impegnato nel WEC, era partito ultimo in griglia per via di una decisione dei giudici, che hanno cancellato il suo tempo ottenuto in qualifica giacché la sua Spark-Renault Z.E. 17 aveva utilizzato un surplus di potenza non consentito (stessa infrazione per Andre Lotterer). Scattato diciottesimo, Vergne è stato così autore di una rimonta che giro dopo giro l’ha condotto al quinto posto, mentre il suo rivale nella corsa al titolo Sam Bird era partito ugualmente arretrato in griglia, ovvero al quindicesimo piazzamento per via di una qualifica in tono minore. Chiuderà nono, senza avere possibilità di tenere il passo dell’avversario. Non è andata meglio al suo compagno di squadra Alex Lynn, che ha mandato al macero in curva 5 del giro 35 la sua DSV-03. Pensare che se Bird fosse riuscito a centrare l’ottava posizione, avrebbe rovinato la festa a Vergne e posticipato la lotta per il titolo mondiale alla gara finale di oggi.

In pole position era scattato Sébastien Buemi (Renault e.dams), la sua prima dopo quella ottenuta nella terza prova stagionale in Marocco: lo svizzero però ha subito gli attacchi dai due piloti di Audi Sport ABT, in corsa per il titolo nei team, Daniel Abt e Lucas Di Grassi, con il brasiliano che riesce a mettere a segno il trionfo sul circuito di Brooklyn ricavato nel quartiere di Red Hook e corona così un finale di stagione da sogno, con sei podi consecutivi che fanno giustizia di un avvio di campionato a tinte horror. Abt invece si piazza al secondo posto anche per via di un piccolo errore che lascia campo libero al compagno di squadra, con Buemi scivolato poi al terzo (comunque un ritorno sul podio per Renault) seguito da Tom Dillman di Venturi.
Quinto ovviamente Vergne e sesto Nick Heidfeld di Mahindra Racing, che doppia Lotterer che si accontenta così del settimo posto. Top ten completata da Maro Engel (Venturi), Sam Bird e Nico Prost (Renault).

Resta ancora in piedi perciò la sfida per il titolo nei team: solo cinque punti dividono Techeetah da Audi Sport ABT, in una lotta che come avevamo previsto sarebbe stata senza quartiere. Appuntamento oggi con l’ultimo ePrix della stagione, trasmesso in diretta dalle 21 (ora italiana) su Mediaset Italia 2 ed Eurosport, che metterà la parola fine sull’ultima annata di Formula E prima del salto verso la nuova generazione della serie.

Formula E 2017/2018,ePrix di New York: le dichiarazioni post Gara 1

Jean-Eric Vergne: «Non riesco a crederci, che corsa pazzesca, è meraviglioso!» ha dichiarato a caldo il neocampione di Formula E, che alla fine della gara ha dedicato il giro d’onore all’amico Jules Bianchi. «Quello che abbiamo fatto è incredibile. Mi servirà del tempo per realizzarlo. Quando ho tagliato il traguardo, non sapevo di aver vinto, poi ho visto Lotterer che applaudiva e ho capito. Sono rimasto senza parole. La gara è stata divertente, ma ovviamente molto dura, più che a Zurigo, e alcuni piloti hanno speso un sacco di energia per cercare di non farmi passare».

Lucas di Grassi, vincitore di Gara 1 a New York: «La nostra vettura oggi era letteralmente un razzo. Ho ingaggiato una bella battaglia con Tom Dillman, e anche con altri piloti. Il secondo stint è stato un po’ bizzarro – nella Formula E non ha senso aprire un gap giacché se entra in pista la safety car o avviene qualsiasi altra interruzione, rischi di sprecare energia preziosa se apri un gap. Perciò dovevo essere sicuro che Daniel fosse alla giusta distanza, ma dopo l’impatto di Lynn, è stata una passeggiata sul velluto sino alla fine. Daniel ha fatto un errore frenando in curva 6 andando troppo largo, poi le sue gomme si sono usurate nel segmento successivo: ho capito che quello era il momento giusto per attaccare».

Daniel Abt: «Sapevamo che sarebbe stato un weekend duro. Ero conscio del fatto che Lucas fosse dietro di me, e mi è stato detto di non correre rischi, perciò non so se ci siano stati dei fraintendimenti nelle comunicazioni. Sono felice per Audi – il team merita questo successo ma certo non posso festeggiare più di tanto. Siamo sicuramente pronti e capaci per vincere il titolo nelle scuderie, il nostro obiettivo da sempre, perciò possiamo finire la stagione nel migliore dei modi possibili».

Sebastien Buemi: «Ad essere sincero mi sono concentrato sulla mia gara, e inizialmente ho sentito che potevo stare nelle prime posizioni. Avevo lo stesso passo delle Audi e ho intuito che avevo un po’ meno energia di loro. Quando di Grassi mi ha superato, non volevo lottarci poiché sapevo di non dover sprecare le energie della mia monoposto, e non avrebbe avuto senso.
Perciò dovevo semplicemente controllare la mia posizione, ma non è stato facile perché ho avuto una noia ai freni. In sostanza, non avevo più il passo giusto e loro sono stati più forti, ma c’è ancora un’altra gara e poi devo lavorare per il prossimo anno in termini di efficienza, dal momento che oggi [ieri, ndr] Audi sembrava giocasse un campionato a parte, perciò sono comunque felice di essere il migliore tra gli altri piloti avversari».

Formula E 2017/2018,ePrix di New York, Gara 1: le classifiche

1 – Lucas di Grassi, Audi Sport ABT Schaeffler, 1:02:30.054s (25)
2 – Daniel Abt, Audi Sport ABT Schaeffler, +0.965s (19)
3 – Sebastien Buemi, Renault e.dams, +2.583s (18)
4 – Tom Dillmann, Venturi Formula E Team, +4.090s (12)
5 – Jean-Eric Vergne, TECHEETAH, +4.679s (10)
6 – Nick Heidfeld, Mahindra Racing, +5.142s (8)
7 – Andre Lotterer, TECHEETAH, +5.810s (6)
8 – Maro Engel, Venturi Formula E Team, +6.312s (4)
9 – Sam Bird, DS Virgin Racing, +6.833s (2)
10 – Nico Prost, Renault e.dams, +8.389s (1)
11 – Antonio Felix da Costa, Andretti Formula E, +9.114s
12 – Stephane Sarrazin, Andretti Formula E, +13.242s
13 – Jerome D’Ambrosio, DRAGON, +13.805s
14 – Felix Rosenqvist, Mahindra Racing, +35.452s
15 – Luca Filippi, NIO Formula E Team, +1 Lap

DNF – Alex Lynn, DS Virgin Racing, 33 Laps
DNF – Jose Maria Lopez, DRAGON, 30 Laps
DNF – Nelson Piquet Jr, Panasonic Jaguar Racing, 30 Laps
DNF – Mitch Evans, Panasonic Jaguar Racing

Classifica piloti:

Jean-Eric Vergne, Techeetah – 173
Sam Bird, DS Virgin Racing – 142
Lucas di Grassi, Audi Sport ABT Schaeffler – 126
Sebastien Buemi, Renault e.dams – 110
Daniel Abt, Audi Sport ABT Schaeffler – 104

Classifica Team:

Techeetah- 235
Audi Sport ABT Schaeffler – 230
DS Virgin Racing – 159
Mahindra Racing – 124
Renault e.dams – 118
Panasonic Jaguar Racing – 105
Venturi Formula E Team – 72
NIO Formula E Team – 47
DRAGON – 41
Andretti Formula E – 24

Leggi altri articoli in Formula E

Commenti chiusi

Articoli correlati