Parte il FIA Gran Turismo Championship, campionato virtuale approvato dalla Federazione [VIDEO]

Ad ottobre le finali mondiali del Campionato FIA Gran Turismo

eSport Entra nel vivo il campionato FIA Gran Turismo, in partnership tra la Federazione di Place de la Concorde e il popolare videogioco. Previste varie fasi, finali trasmesse live streaming e l'opportunità per gli appassionati di mettersi alla prova al volante dei simulatori virtuali
Parte il FIA Gran Turismo Championship, campionato virtuale approvato dalla Federazione [VIDEO]

O tempora o mores, dicevano i latini: in un’epoca dove il virtuale non è un mondo separato dal reale ma talmente legato ad esso da soppiantarlo nelle nostre percezioni e rapporti sociali, anche lo sport subisce l’influenza di pixel, textures e tutto ciò che trova compimento online. La FIA, nientemeno, ha dato il suo benestare al campionato online del videogioco Gran Turismo, che si articolerà in varie fasi che culmineranno in una finale mondiale.

FIA Gran Turismo Championship: struttura del campionato e calendario

Alla pari della Formula 1, dove Liberty Media ha lanciato un campionato eSport, del WRC (anch’esso dotato di un proprio campionato parallelo virtuale legato ad un titolo videoludico ufficiale) e del Porsche Carrera Cup Italia, che ha inaugarato in questa stagione la competizione sim racing, anche il mondo delle vetture turismo avrà il suo torneo per aspiranti piloti da salotto, seppure il FIA GT reale non esista più da alcuni anni.
Il FIA Gran Turismo Championship è un vero e proprio evento motoristico, frutto della collaborazione tra la Federazione e il videogioco Gran Turismo Sport, lanciato lo scorso autunno, e sarà organizzato in due categorie, ovvero la Nations Cup e la Manufacturer Series, mentre i partecipanti avanzeranno dalle fasi online a degli eventi allestiti per l’occasione come le finali regionali e mondiali. La stagione 2018 è partita con una fase preliminare tenutasi a maggio, per poi proseguire questo mese e a luglio, mentre la conclusione sarà ad agosto e settembre. I migliori player della prima fase ottengono la status di Giocatori Stella, che possono partecipare alle gare riservate ai migliori chiamata Top 24 Stella, con dei punti bonus rispetto alle competizioni normali. In ogni fase (o stagione) vengono decretati Paese e casa costruttrice vincenti (da qui infatti la Nations Cup e la Manufacturer Series, in cui i giocatori firmano un contratto di affiliazione con una casa produttrice di loro gradimento).

Il campionato culminerà ad ottobre con le finali regionali, dove per regione si intendo tre macroaree mondiali individuate in Americhe, EMEA (Europa – Russia compresa – Medio Oriente, India, Africa) e Asia con Oceania. Infine a novembre la finale mondiale: questa fase conclusiva sarà visibile in streaming online, mentre il primo Live Event tenutosi nella cornice del Nürburgring è visibile negli highlights del video in testa all’articolo.
Questo è il calendario con i punteggi:

FIA GT Championship 2018 // Pre-stagione (maggio)
Gare totali: 8 / Punti calcolati da: le 4 gare migliori
FIA GT Championship 2018 – Stagione 1 (giugno)
Gare totali: 4 / Punti calcolati da: le 2 gare migliori
FIA GT Championship 2018 – Stagione 2 (luglio)
Gare totali: 8 / Punti calcolati da: le 4 gare migliori
FIA GT Championship 2018 // Stagione finale (agosto-settembre)
Gare totali: 10 / Punti calcolati da: le 5 gare migliori

Questa è solo una panoramica globale del campionato eSport dedicato alle vetture Gran Turismo, che nel dettaglio è minuzioso e complesso come le istruzioni per montare la Stazione Spaziale Internazionale. In ogni caso, il mercato degli sport online è una terra di conquista in grande espansione, dove le stesse federazioni ed enti sportivi sovranazionali si muovono per accaparrarsi sempre più ampie fasce di pubblico e consumatori, soprattutto nel pregiato target dei più giovani. «Abbiamo l’occasione, con il FIA GT Championship 2018, di raggiungere ed ispirare milioni di potenziali nuovi fan ed appassionati», spiega infatti il Presidente FIA Jean Todt, che punta con questo format anche a scoprire nuovi talenti (come collaudatori? O che magari possano fare il gran salto sulle piste reali? Ah, saperlo…) che magari usciranno dalle finali regionali e mondiali. E assicura: «Le gare virtuali sono un territorio nuovo per la Federazioni, perciò prima di certificare il nostro appoggio ci siamo sincerati che il meccanismo di questa nuova competizione potesse essere corretto ed affidabile. L’uso dei simulatori è una parte fondamentale nella preparazione di ogni pilota, e la possibilità di accedere a tecnologie così sofisticate è una cosa positiva per il nostro sport».

Leggi altri articoli in Primo Piano

Commenti chiusi

Articoli correlati